Quanto costa un’azienda carente in sicurezza? Te lo dice il software INAIL

16 febbraio 2011 - imprese & dealers

Messo a punto dall’Istituto uno strumento che permette alle imprese di quantificare i costi legati a un infortunio (sia diretti che indiretti), consentendo alle imprese di comprendere meglio l’impatto non solo sociale, ma anche economico, del fare prevenzione. Avviata una sperimentazione con la Confapi di Reggio Emilia
Quanto costa avere un’impresa carente dal punto di vista della prevenzione? Anche al di là dell’aspetto naturalmente primario dell’impatto sulla salute dei lavoratori, da un punto di vista economico – sul bilancio dell’attività, dunque – questa carenza in cosa si traduce? A cercare di fornire qualche valutazione in merito è stato lo studio congiunto che ha coinvolto le due consulenze dell’INAIL, la Contarp (Consulenza tecnica per l’accertamento rischi e prevenzione) e la Csa (Consulenza statistico attuariale) che, in stretta collaborazione, hanno portato a termine lo sviluppo di un software per il calcolo di questo tipo di costi aziendali. Lo strumento permette, così, alla singola azienda di quantificare i costi legati all’accadimento di un infortunio, calcolando sia quelli diretti che quelli indiretti. Inoltre consente di analizzare i costi assicurativi e quanto l’azienda investe in prevenzione.
Una sperimentazione di questo strumento è stata avviata di recente – grazie all’iniziativa di INAIL Emilia Romagna – all’interno delle aziende associate alla Confapi di Reggio Emilia. Il software messo a punto dalla Contarp e dalla Csa può anche fare una stima del risparmio economico che l’azienda potrebbe ottenere investendo in sicurezza. Il progetto, sottolineano i realizzatori “vuole essere uno strumento di ausilio ai datori di lavoro e al management aziendale per una più corretta conoscenza dei costi legati alla salute e sicurezza sul lavoro e vuole fornire anche una indicazione di massima delle somme a disposizione per il miglioramento delle condizioni di lavoro, affinché sia da stimolo a raggiungere i bassi livelli infortunistici delle aziende (del medesimo settore e dimensione) che hanno deciso di integrare la politica della sicurezza sul lavoro nella loro politica aziendale”.

L’Agcm ha aperto un’istruttoria sulla gara “Consip Facility Management 4”

L’Agcm ha aperto un’istruttoria sulla gara “Consip Facility Management 4”

24 marzo 2017 - facility management

L’Antitrust ha avviato ieri, 23 marzo, un procedimento istruttorio nei confronti di CNS – Consorzio Nazionale Servizi Società Cooperativa, Dussmann Service, S.r.l., Engie Servizi S.p.a. (già Cofely Italia S.p.a.), ManitalIdea S.p.a., Manutencoop Facility Management S.p.a., Romeo Gestioni S.p.a. e STI S.p.a., per accertare se tali imprese, anche per il tramite di società dalle stesse controllate, abbiano posto in essere un’intesa…
“Super consulenti del pulito” a BIT

“Super consulenti del pulito” a BIT

23 marzo 2017 - hotel & catering

AfidampCOM sarà presente a BIT, il grande salone del Turismo, che si terrà a Milano dal 2 al 4 aprile prossimi.  I distributori del mondo Afidamp saranno infatti  tra i protagonisti dello stand di APCI, l’associazione professionale cuochi italiani, nel ruolo di “super consulenti del pulito”, per illustrare agli chef, al personale di cucina, agli studenti degli istituti alberghieri e…
GI ERRE Srl ed IPC Group, 30 anni di partnership

GI ERRE Srl ed IPC Group, 30 anni di partnership

22 marzo 2017 - imprese & dealers

GI ERRE Srl, con sede a  Montebello Vicentino, è leader sul territorio nella distribuzione dei prodotti IPC . Partner storico del gruppo, da trent’anni  commercializza e fornisce un’accurata assistenza tecnica all’intera gamma, dalle idropulitrici, alle lavasciuga ed agli aspiratori. Profondo conoscitore del mondo della pulizia, è per IPC un supporto essenziale nell’approfondimento delle dinamiche di prodotto. Fin dalla fondazione della…
Testate