Quanto costa un’azienda carente in sicurezza? Te lo dice il software INAIL

16 febbraio 2011 - imprese & dealers

Messo a punto dall’Istituto uno strumento che permette alle imprese di quantificare i costi legati a un infortunio (sia diretti che indiretti), consentendo alle imprese di comprendere meglio l’impatto non solo sociale, ma anche economico, del fare prevenzione. Avviata una sperimentazione con la Confapi di Reggio Emilia
Quanto costa avere un’impresa carente dal punto di vista della prevenzione? Anche al di là dell’aspetto naturalmente primario dell’impatto sulla salute dei lavoratori, da un punto di vista economico – sul bilancio dell’attività, dunque – questa carenza in cosa si traduce? A cercare di fornire qualche valutazione in merito è stato lo studio congiunto che ha coinvolto le due consulenze dell’INAIL, la Contarp (Consulenza tecnica per l’accertamento rischi e prevenzione) e la Csa (Consulenza statistico attuariale) che, in stretta collaborazione, hanno portato a termine lo sviluppo di un software per il calcolo di questo tipo di costi aziendali. Lo strumento permette, così, alla singola azienda di quantificare i costi legati all’accadimento di un infortunio, calcolando sia quelli diretti che quelli indiretti. Inoltre consente di analizzare i costi assicurativi e quanto l’azienda investe in prevenzione.
Una sperimentazione di questo strumento è stata avviata di recente – grazie all’iniziativa di INAIL Emilia Romagna – all’interno delle aziende associate alla Confapi di Reggio Emilia. Il software messo a punto dalla Contarp e dalla Csa può anche fare una stima del risparmio economico che l’azienda potrebbe ottenere investendo in sicurezza. Il progetto, sottolineano i realizzatori “vuole essere uno strumento di ausilio ai datori di lavoro e al management aziendale per una più corretta conoscenza dei costi legati alla salute e sicurezza sul lavoro e vuole fornire anche una indicazione di massima delle somme a disposizione per il miglioramento delle condizioni di lavoro, affinché sia da stimolo a raggiungere i bassi livelli infortunistici delle aziende (del medesimo settore e dimensione) che hanno deciso di integrare la politica della sicurezza sul lavoro nella loro politica aziendale”.

Prorogata al 2 marzo la Gara Pulizia Caserme

Prorogata al 2 marzo la Gara Pulizia Caserme

12 febbraio 2016 - facility management

Consip ha pubblicato l’avviso di rettifica e di proroga, l’errata corrige e la prima tranche dei chiarimenti della Gara a procedura aperta per l’affidamento dei servizi di pulizia ed igiene ambientale nonché degli altri servizi aggiuntivi da eseguirsi negli immobili adibiti ad uso caserma per le Pubbliche Amministrazioni – ID Sigef 1620. Come si ricorderà la gara è strutturata in 14…
Socaf: un meeting all’insegna di i-mop

Socaf: un meeting all’insegna di i-mop

11 febbraio 2016 - imprese & dealers

Il 1° febbraio scorso, a Osio Sotto (Bergamo) si è svolto l’i-partner meeting Socaf. Protagonista dell’incontro il marchio i-mop “revolutionary cleaning”, un nuovo modo di concepire il pulito. E’ stata l’occasione per fare il punto su attività e risultati 2015 e una previsione sull’anno appena iniziato. Alto il grado di soddisfazione per l’anno appena chiuso, specialmente sul versante delle attività…
Mercati esteri, innovazione, presenza in rete: la ricetta Ferrarese per l’Afidamp di domani

Mercati esteri, innovazione, presenza in rete: la ricetta Ferrarese per l’Afidamp di domani

10 febbraio 2016 - imprese & dealers

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2016) Aggredire i mercati “emergenti” per crescere anche in Italia. Saper comunicare e usare internet per raggiungere i potenziali clienti di tutto il mondo. Perseguire l’innovazione non solo di prodotto, ma anche di metodi e sistemi. Il neopresidente AfidampFab Bruno Ferrarese ha le idee chiare e sta già lavorando per tramutarle in realtà. Il “blocco…
Testate