Quanto costa un’azienda carente in sicurezza? Te lo dice il software INAIL

16 febbraio 2011 - imprese & dealers

Messo a punto dall’Istituto uno strumento che permette alle imprese di quantificare i costi legati a un infortunio (sia diretti che indiretti), consentendo alle imprese di comprendere meglio l’impatto non solo sociale, ma anche economico, del fare prevenzione. Avviata una sperimentazione con la Confapi di Reggio Emilia
Quanto costa avere un’impresa carente dal punto di vista della prevenzione? Anche al di là dell’aspetto naturalmente primario dell’impatto sulla salute dei lavoratori, da un punto di vista economico – sul bilancio dell’attività, dunque – questa carenza in cosa si traduce? A cercare di fornire qualche valutazione in merito è stato lo studio congiunto che ha coinvolto le due consulenze dell’INAIL, la Contarp (Consulenza tecnica per l’accertamento rischi e prevenzione) e la Csa (Consulenza statistico attuariale) che, in stretta collaborazione, hanno portato a termine lo sviluppo di un software per il calcolo di questo tipo di costi aziendali. Lo strumento permette, così, alla singola azienda di quantificare i costi legati all’accadimento di un infortunio, calcolando sia quelli diretti che quelli indiretti. Inoltre consente di analizzare i costi assicurativi e quanto l’azienda investe in prevenzione.
Una sperimentazione di questo strumento è stata avviata di recente – grazie all’iniziativa di INAIL Emilia Romagna – all’interno delle aziende associate alla Confapi di Reggio Emilia. Il software messo a punto dalla Contarp e dalla Csa può anche fare una stima del risparmio economico che l’azienda potrebbe ottenere investendo in sicurezza. Il progetto, sottolineano i realizzatori “vuole essere uno strumento di ausilio ai datori di lavoro e al management aziendale per una più corretta conoscenza dei costi legati alla salute e sicurezza sul lavoro e vuole fornire anche una indicazione di massima delle somme a disposizione per il miglioramento delle condizioni di lavoro, affinché sia da stimolo a raggiungere i bassi livelli infortunistici delle aziende (del medesimo settore e dimensione) che hanno deciso di integrare la politica della sicurezza sul lavoro nella loro politica aziendale”.

La toilette senza acqua riceve nuovi fondi: potrà migliorare le condizioni igieniche di 2.4 miliardi di persone

La toilette senza acqua riceve nuovi fondi: potrà migliorare le condizioni igieniche di 2.4 miliardi di persone

09 dicembre 2016 - Articoli

Una toilette senza acqua, in grado di migliorare le condizioni igieniche di 2,4 miliardi di persone in tutto il mondo: è questo il sogno di Bill Gates, sul quale il magnate ha investito quattro anni fa 710.000 dollari. Ora la Nano Membrane Toilet (questo il nome ufficiale dato dagli sviluppatori della Cranfield University) ha ricevuto ulteriori sovvenzioni: è il segnale…
SNS: occhi puntati sulla “galassia dei servizi”

SNS: occhi puntati sulla “galassia dei servizi”

09 dicembre 2016 - Articoli

(Tratto da GSA n.11, novembre 2016) Presentata a Bologna, il 10 ottobre scorso, la ricerca Scuola Nazionale Servizi sullo stato del settore nel 2014. Sette le “nebulose” prese in esame: Energia e Manutenzioni, Igiene Urbana, Lavanolo, Pulizie professionali, Ristorazione collettiva, Servizi culturali e Servizi alla persona. E sono in arrivo i dati su Logistica integrata e Vigilanza. Il presidente SNS…
Ticket licenziamento verso una soluzione

Ticket licenziamento verso una soluzione

05 dicembre 2016 - Articoli

(Tratto da GSA n.11, novembre 2016) Il 10 novembre è stato depositato un emendamento alla Legge di Bilancio, nell’ambito del pacchetto emendamenti del Ministero del Lavoro, in cui si prevede di prorogare l’esenzione anche per il prossimo anno. Ma resta auspicabile un intervento strutturale che modifichi il testo della “legge Fornero” (92/2012) laddove si prevede il “ticket” anche nei cambi…
Testate