Facility management: dove sta andando il mondo dei servizi?

23 Febbraio 2021 - facility management

Facility management: dove sta andando il mondo dei servizi?

Quo Vadis? Ai nastri di partenza la nuova ricerca della Fondazione Scuola Nazionale Servizi sul settore del Facility Management

L’impatto del Covid sul mercato del FM

Il mercato pubblico e privato degli acquisti di servizi di Facility Management ha avuto negli ultimi anni un trend positivo di crescita, così come dimostrato anche dall’analisi Galassia dei Servizi, realizzata dalla Fondazione Scuola Nazionale Servizi, che quantifica in oltre 70 miliardi di Euro il valore del settore. Questo scenario che si stava consolidando nel 2019, è stato stravolto nella scorsa primavera dall’impatto che la pandemia legata al virus Covid-19 ha avuto su tutto il sistema economico.Anche nel settore FM, se è vero che le accresciute richieste di sanificazione hanno portato ad un incremento della quantità e della qualità dell’erogazione del servizio, è altrettanto evidente che la pandemia ha fatto emergere le molte  pregresse criticità già presenti nel sistema degli approvvigionamenti sia pubblici e privati. Committenti ed imprese evidenziano la necessità di ripensare il loro futuro. Dai colloqui con le associazioni dei professionisti degli acquisti pubblici e con le aziende che operano nel settore è emersa l’esigenza di progettare e ri-organizzarsi per arrivare ad un nuovo sistema di programmazione, acquisti e gestione più efficace e che raccolga le sfide dell’innovazione e della sostenibilità che provengono dal sistema normativo regionale, nazionale ed europeo.

Il progetto Quo Vadis

Da questa serie di considerazioni la Fondazione Scuola Nazionale Servizi ha lanciato un nuovo progetto di ricerca, denominato Quo Vadis; l’obiettivo è infatti studiare verso quale direzione si muove il mercato per coglierne i driver più importanti e fornire al sistema imprenditoriale soluzioni e strumenti adeguati per affrontare il futuro.

“Le imprese di servizi di Facility Management – dichiara il direttore della Fondazione Vittorio Serafini – sono sempre state in grado di raccogliere le sfide provenienti dal mercato. L’emergenza Covid-19 è una ulteriore sfida, forse la più impegnativa perché è difficile leggerne gli sviluppi e le conseguenze di medio e lungo periodo. Come organizzarsi? Con quali strumenti e competenze affrontare il futuro? Quali saranno i nuovi fabbisogni provenienti dalla Committenza pubblica e privata? Il progetto Quo Vadis vuole provare a supportare le imprese anticipando alcune risposte ai loro quesiti e proponendo delle metodologie operative. La finalità è quello di offrire loro:

– Un’analisi delle criticità e dei nuovi bisogni relativi ai servizi di Facility Management, forniture e lavori, post Covid.

– Un set di proposte riguardanti l’ambito progettuale, organizzativo, gestionale cui le imprese possono attingere per rispondere ai bisogni rilevati e conseguirne un vantaggio competitivo”.

Il progetto Quo Vadis, realizzato anche grazie al contributo delle imprese che hanno creduto nell’idea progettuale, si svilupperà nel corso di 18 mesi, attraverso uno studio propedeutico, 3 fasi operative e una finale di disseminazione. Lo studio propedeutico sui processi di acquisto vuole fotografare lo stato dell’arte della catena degli approvvigionamenti così come si è venuta a strutturare a seguito dell’emergenza Covid-19. Fondazione Scuola Nazionale Servizi, attraverso un’analisi condotta da esperti in organizzazione aziendale e dei processi di acquisto, intende studiare le fasi e sub-fasi che caratterizzano gli acquisti di servizi, forniture e lavori.

Le fasi del progetto

Questa ricerca servirà da timone per la gestione delle Fasi A e B del progetto.

Fase A: Survey rivolta ai committenti pubblici e privati

Con il coinvolgimento di ricercatori universitari, saranno strutturati dei questionari da somministrare a provveditori, rup e dec di aziende sanitarie ed ospedaliere, nonché a responsabili di acquisti di centrali regionali di committenza e buyer del settore privato.

Il questionario si incentrerà principalmente su due tematiche:

  1. Aspettative e criticità nel rapporto committente e fornitore (servizi alberghieri ospedalieri, manutenzioni, trasporti, forniture, ecc….)
  2. Analisi sul livello di lettura e programmazione dei driver del futuro (innovazione, covid-19, digitalizzazione, “pacchetto economia circolare”, Green Deal, Obiettivi 2030….)

Fase B: Survey rivolta alle imprese

L’elaborazione dei questionari e la loro analisi permetteranno al gruppo di lavoro della Fondazione SNS di strutturare una seconda survey rivolta in primis alle imprese che aderiscono al progetto.

Obiettivo di questa survey sarà quello di descrivere l’organizzazione aziendale e le sue eventuali criticità in termini di risposta alle sollecitazioni della committenza e alle sfide provenienti dal contesto normativo economico e sociale (innovazione, covid-19, digitalizzazione, “pacchetto economia circolare”, Green Deal, Obiettivi 2030….)

Fase C: Raccolta delle Survey e indicazione del set di proposte

Questa è la fase in cui il gruppo di lavoro verrà esteso al contributo delle imprese, delle committenze e di esperti in organizzazione aziendale, innovazione, sostenibilità e impatto sociale, economico ed ambientale. Obiettivo di questa fase è quello di presentare un insieme di proposte operative a supporto delle scelte strategiche delle committenze e delle imprese. Data la specificità delle survey e delle professionalità che compongono il gruppo di lavoro, questo set di proposte potranno spaziare dalla strutturazione di nuovi modelli organizzativi, alla definizione e formazione di figure professionali adeguate a gestire i driver del cambiamento emersi nel corso della ricerca, alla proposizione di strumenti operativi per un rapporto committente/impresa volto alla qualità e all’efficienza nella gestione dei contratti.

Al termine della ricerca si procederà alla divulgazione dei risultati delle due Survey, sia diffondendo una pubblicazione realizzata ad hoc sia attraverso altre iniziative da concordare con gli stakeholder che parteciperanno  al progetto.

 

Servizi Italia ottiene la certificazione  ISO 37001

Servizi Italia ottiene la certificazione ISO 37001

13 Maggio 2021 - imprese & dealers

Servizi Italia ha ottenuto la certificazione anticorruzione ISO 37001: un tassello importante, nel percorso virtuoso intrapreso dalla società intorno ai temi della responsabilità d’impresa e dello sviluppo di un business sostenibile. Da anni, infatti, l’azienda mette al primo posto l’implementazione progressiva di politiche aziendali improntate all’etica, alla responsabilità sociale d’impresa, alla governance e alla trasparenza. Secondo uno studio condotto dal…
In Senato le istanze di Assosistema in tema di DPI

In Senato le istanze di Assosistema in tema di DPI

12 Maggio 2021 - imprese & dealers

In seguito alla presentazione dell’analisi “L’impatto del Covid-19 sull’import ed export dei DPI nel 2020”, realizzata dal centro studi di Assosistema Confindustria, alcune istanze hanno sollevato l’attenzione del mondo politico. I temi rilevanti riguardano prevalentemente i Dispositivi di protezione individuale per le vie respiratorie che hanno risentito maggiormente del perdurare di una deroga all’import dei prodotti non marcati CE che…
Tracciabilità digitale e certificazione in Blockchain dell’igiene ambientale

Tracciabilità digitale e certificazione in Blockchain dell’igiene ambientale

11 Maggio 2021 - imprese & dealers

In un mondo in continua evoluzione digitale, e in questo particolare periodo storico, è importante adottare delle buone pratiche di pulizia e sanificazione dell’ambiente di lavoro in cui ci troviamo, sfruttando al meglio le opportunità che il digitale e le nuove tecnologie mettono a nostra disposizione.  IQC S.r.l.  ed Asterix  organizzano un webinar  il 13 maggio prossimo dalle ore 10.30…
Testate