Lavaggio tessili e dispositivi medici, pubblicati i nuovi CAM

13 Gennaio 2021 - sanità

Lavaggio tessili e dispositivi medici, pubblicati i nuovi CAM

Al servizio di lavaggio e distribuzione di tessili e materasseria sono correlati vari impatti ambientali. Tra i più significativi vi sono quelli legati all’eutrofizzazione acquatica, ai cambiamenti climatici e alla tossicità umana. Attraverso l’applicazione dei CAM sarà possibile contribuire alla riduzione dei consumi energetici (e delle correlate emissioni di gas climalteranti) alla riduzione dei consumi idrici e alla riduzione dell’uso di sostanze pericolose nei processi di lavaggio.

Con il Decreto 9 dicembre 2020 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.2 del 4 gennaio 2021) sono stati adottati i criteri ambientali minimi, che entreranno in vigore dopo 120 giorni dalla loro pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, per il noleggio e ricondizionamento di tessile piano (tovaglie, lenzuola, teli per il settore sanitario, per la ristorazione, per le altre strutture assistenziali, detentive etc.), indumenti da lavoro, indumenti ad alta visibilità e dispositivi di protezione individuale, teli e camici di diverse dimensioni, materasseria, compreso dispositivi medici sterili.

Specifiche tecniche

I prodotti tessili (eventualmente noleggiati) devono essere conformi alle specifiche tecniche previste nei Criteri Ambientali Minimi per le forniture di prodotti tessili ed in possesso dei relativi mezzi di prova richiesti, mentre i materassi (eventualmente noleggiati) devono essere caratterizzate da:

  • imbottiture in poliuretano certificate CertiPUR;
  • fodere e cerniere dotate della certificazione STANDARD 100 by OEKO TEX®.

detergenti e altri prodotti specifici come gli ammorbidenti, smacchiatori e agenti di risciacquo devono essere in possesso del marchio Ecolabel UE (o marchio equivalente) oppure conformi ai criteri del punto D del Decreto 9 dicembre 2020 attraverso un rapporto di prova rilasciato da un laboratorio accreditato UNI EN ISO/IEC 17025.

Per l’efficienza idrica del servizio, inoltre, è previsto che i siti in cui viene realizzato il lavaggio dei prodotti tessili siano dotati di idonei sistemi di filtraggio e di riutilizzo dell’acqua.

Clausole contrattuali (obbligatorie ai sensi dell’art. 34 del Codice)

L’aggiudicatario del servizio deve sviluppare:

  • un sistema di gestione ambientale conforme alla norma UNI EN ISO 14001 oppure alla registrazione EMAS.
  • un sistema di analisi dei rischi e di controllo della biocontaminazione (RABC)conforme alla norma tecnica UNI EN 14065

Criteri Premianti (da prendere in considerazione ai sensi dell’art. 34 del Codice)

Tra i criteri premianti, vengono richiamate le seguenti certificazioni ambientali:

  • certificazione di impronta climatica di prodotto conforme alla UNI EN ISO/TS 14067o equivalenti;
  • certificazione dell’impronta idrica di prodotto conforme alla UNI EN ISO 14046o equivalenti;
  • possesso del marchio nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell’impronta ambientale dei prodotti “Made Green in Italy”;
  • certificazione di un sistema di gestione dell’energia conforme alla UNI CEI EN ISO 50001 o equivalenti;
  • certificazione dell’impronta di carbonio di organizzazione conforme alla UNI EN ISO 14064-1

Fonte: https://punto3.it

Green pass a Issa Pulire 2021

Green pass a Issa Pulire 2021

27 Luglio 2021 - sanità

ISSA PULIRE si appresta ad accogliere visitatori ed espositori in un ambiente reso ancora più sicuro dalle misure previste dal dpcm del 22 luglio, che consente l’ingresso in fiera a tutte le persone in possesso del GREEN PASS. Il GREEN PASS, in vigore nei Paesi dell’Unione Europea e in tutta l’area Schengen, certifica infatti che la persona è stata vaccinata…
DPI riutilizzabili nei contratti pubblici in Sanità

DPI riutilizzabili nei contratti pubblici in Sanità

19 Luglio 2021 - sanità

Pubblicato in G.U. il decreto 30 giugno 2021 che, recependo l’intervento di Assosistema Confindustria, stabilisce nei contratti pubblici in sanità la scelta prioritaria dei camici riutilizzabili rispetto al monouso. Assosistema Confindustria esprime soddisfazione per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 167 del Decreto 30 giugno 2021 del Ministero della Transizione ecologica “Adozione dei criteri ambientali minimi per forniture…
I dispositivi di disinfezione a vapore Polti ottengono il marchio “Sima verified”

I dispositivi di disinfezione a vapore Polti ottengono il marchio “Sima verified”

15 Luglio 2021 - sanità

Un nuovo traguardo per Polti: tutti i prodotti DDV – Dispositivi di Disinfezione a Vapore del brand hanno ottenuto la validazione scientifica da parte di SIMA, Società Italiana di Medicina Ambientale, ente che si occupa di preservare la salute umana promuovendo azioni che limitino gli interventi a danno dell’ambiente da parte dell’uomo. Una qualifica che suggella la collaborazione attiva tra…
Testate