RCM festeggia i suoi primi 50 anni di attività

17 luglio 2017 - imprese & dealers

RCM festeggia i suoi primi 50 anni di attività

Il 27 giugno scorso RCM ha dedicato la giornata alla celebrazione del 50° Anniversario di attività, nata nel 1967 dalla passione e l’ingegno della Famiglia Raimondi e che prosegue anche grazie all’apporto di tanti collaboratori. L’Auditorium Spira Mirabilis di Formigine ha accolto RCM, coi suoi dipendenti, ex-dipendenti ed i più stretti collaboratori di RCM, ASSMO e MACROCLEAN, per ripercorrere i primi 50 anni di attività dell’azienda. Perché “In cinquant’anni di sogni, speranze, progetti, errori e successi centinaia di persone hanno dato il meglio di sé, per sé e per la loro azienda”. Roberto Raimondi e Renzo Raimondi hanno ricordato aneddoti significativi e collaboratori determinanti dei primi 50 anni dell’azienda. ”Quando abbiamo iniziato, nel 1967, in RCM lavoravano circa 20 persone, compreso io e mio fratello Renzo. Quindi, sono molto orgoglioso che, ora, nel gruppo RCM siamo 160” ha affermato con emozione Roberto Raimondi.

50_1In seguito sono intervenuti il Sindaco di Formigine Maria Costi e l’Assessore alle attività Produttive Corrado Bizzini, sottolineando come RCM e i suoi fondatori possano essere un esempio per il futuro. Successivamente hanno preso parola Riccardo Raimondi e Fabio Venturi per dare uno sguardo alle novità che riguardano RCM ed i cambiamenti in atto. Il buon proposito per i prossimi 50 anni? Quello di rinnovare la propria presenza sul mercato senza mai perdere di vista i punti di forza dell’azienda, riconosciuti in tutto il mondo: macchine affidabili, che durano nel tempo e facili da riparare. A questo proposito è stato illustrato il piano di rinnovamento che RCM intende intraprendere per continuare ad avere una propria identità al passo coi tempi, fondata in radici storiche ma assolutamente proiettata alle nuove esigenze del mercato, della propria rete commerciale e dei dipendenti.

50_3

Un piccolo estratto del documentario, che verrà presentato ad ottobre, ha raccolto le interviste di chi fa ed ha fatto parte del cammino di RCM, portando sullo schermo commenti, risate e critiche. Si tratta del documentario che racconta la storia dell’azienda e che raccoglie esperienze ed aspettative della “famiglia” RCM. Ironia e affiatamento emergono dal racconto e rendono protagonista ciascuna persona che ogni giorno sceglie di lavorare per e con RCM.

Nel corso della giornata sono stati premiati i dipendenti che lavorano in azienda da oltre 30 anni, impegnando le proprie energie in tutti i comparti: dalla produzione all’amministrazione, dal magazzino ricambi all’assistenza, dal commerciale al magazzino, dal marketing al post vendita. La giornata si è conclusa con l’augurio di Romolo Raimondi “per il nostro e il vostro futuro”. E, infine, con cena e brindisi al Club La Meridiana di Casinalbo, dove sono state consegnate le targhe commemorative della giornata, per ringraziare tutti della numerosa e vivace partecipazione.

www.rcm.it

 

Copma ad Exposanità’ Bologna

Copma ad Exposanità’ Bologna

18 aprile 2018 - imprese & dealers

Ridurre le ICA negli ambienti ospedalieri si può, con l’innovativo sistema PCHS messo a punto dalla società COPMA S.C.R.L. di Ferrara. Lo ha dimostrato la ricerca multicentrica San-ICA presentata il 12 aprile scorso al Ministero della Salute che ha coinvolto le università di Ferrara, Udine, Pavia, Messina e la Bocconi di Milano e 7 ospedali Italiani (Fondazione Policlinico Universitario Agostino…
Qualità dell’aria, il ruolo del CVI in sanità

Qualità dell’aria, il ruolo del CVI in sanità

18 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) La qualità dell’aria è importantissima in sanità: l’inquinamento degli ambienti confinati costituisce un fattore determinante per la salute, ed è un rischio non tenerlo presente. Ecco perché diventa strategica la figura del CVI (Certified Ventilation Inspector), promossa da Aiisa. Questo professionista ha il compito di valutare la salute igienica dei sistemi aeraulici. Si attende…
Logistica sanitaria, il caso di Estar Toscana

Logistica sanitaria, il caso di Estar Toscana

16 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) Razionalizzazione, efficientamento, riorganizzazione infrastrutturale: sono alcuni degli ingredienti del modello logistico di Estar, per garantire il massimo della personalizzazione a un sistema sanitario regionale in continua trasformazione. Tra i vantaggi: la riduzione dei costi, il “filo diretto” fra struttura sanitaria ed ente di supporto, la riduzione delle scorte e lo snellimento delle procedure. CLICCARE…
Testate