La transizione ecologica sta a cuore agli italiani

26 Ottobre 2021 - igiene urbana

La transizione ecologica sta a cuore agli italiani

La transizione ecologica sta a cuore agli italiani: sanno cosa sia, che rischi comporterebbe non attuarla, quali opportunità da essa derivano. L’85% dei cittadini ritiene infatti che, se il processo si arenasse, significherebbe versare “lacrime e sangue” per i costi elevati che si dovranno pagare per i danni rilevanti che già si vedono e che aumenteranno notevolmente nel corso degli anni. E ancora, per circa 8 italiani su 10 (79%) basterebbe solo ritardare l’attuazione della transizione ecologica, per dover fronteggiare l’aggravamento della crisi climatica, con eventi atmosferici estremi sempre più frequenti, risorse naturali sempre più scarse e un Pianeta sempre meno vivibile.

Questo lo scenario disegnato dall’ indagine IpsosPercezione, costi e benefici della transazione ecologica” che indaga sul livello di consapevolezza degli italiani nei confronti della transizione ecologica pilastro del PNRR (Piano nazionale di ripresa la resilienza), e della green economy, realizzata per conto della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, in vista della decima edizione degli Stati Generali della Green economy, che si svolgono il 26 e 27 ottobre  a Rimini nell’ ambito di Ecomondo Key Energy.

La transizione ecologica non è vista dagli italiani solo come una difesa contro i danni ambientali e climatici, ma è considerata dall’86% degli intervistati come un’opportunità in quanto riduce i rischi climatici e ambientali e consente di sviluppare investimenti, innovazione e nuova occupazione. Inoltre la transizione ecologica non è un mistero per gli italiani. Per 3 su 4, il 75%, si tratta di un cambiamento necessario e urgente dell’economia e della società per fermare la crisi climatica e il degrado dell’ambiente. Solo il 18% la ritiene un cambiamento necessario, ma non prioritario e il 6% una moda alimentata dai media.

La ricerca Ipsos ha anche sondato le opinioni degli italiani sulla green economy, per la maggioranza, il 65%, è un modello di sviluppo economico basato sul miglioramento del benessere umano e dell’equità sociale, riducendo al tempo stesso i rischi ambientali e climatici e derivanti dalla scarsità. Il modello di sviluppo green per il 67% degli italiani riguarda l’economia e le imprese, per il 55% la vita quotidiana dei cittadini, e per il 32% solo lo stato e la politica.

L’ indagine Ipsos ha riguardato un campione cittadini italiani fra i 18 e 75 anni, distribuito per quote relative a genere, età, area geografica, dimensione del comune di residenza, condizione lavorativa, livello di istruzione.

 

Bayer Italia supporta la onlus Plastic Free

Bayer Italia supporta la onlus Plastic Free

25 Novembre 2021 - igiene urbana

Bayer Italia continua il proprio impegno verso la sostenibilità ambientale e sociale supportando l’Associazione Plastic Free Onlus, nata nel 2019 con l’obiettivo di informare e sensibilizzare più persone possibili sul tema della protezione ambientale e dei rifiuti dispersi in natura. Tema che si lega allo scopo “Science for a Better Life” e alla visione “Health for All, Hunger for None”…
L’app Idealservice Rifiuto Zero ha ottenuto la qualifica AGID SaaS

L’app Idealservice Rifiuto Zero ha ottenuto la qualifica AGID SaaS

19 Novembre 2021 - igiene urbana

L’ app Idealservice Rifiuto Zero ha ottenuto l’importante qualificazione dall’Agenzia Digitale Italiana “AGID”, volta a far sì che le pubbliche amministrazioni possano adottare servizi Cloud omogenei e di qualità. Le qualificazioni assicurano che i servizi Saas (Software As A Service) per il Cloud della PA siano sviluppati e forniti secondo i criteri minimi di affidabilità e sicurezza considerati necessari per…
COP 26, primo premio a Conscoop per l’efficienza energetica

COP 26, primo premio a Conscoop per l’efficienza energetica

18 Novembre 2021 - igiene urbana

Riconoscimento importantissimo per Conscoop e per le sue imprese Formula Servizi, Idrotermica Coop e Siem Impianti  che si è aggiudicato il primo premio dei Green Solutions Awards per efficienza energetica a COP 26. Su 192 progetti e 24 distretti selezionati a livello internazionale, nella prestigiosa e principale categoria legata alla tutela del pianeta e alla lotta al cambiamento climatico, ossia…
Testate