Cambio rotta.Storie di sostenibilita’ e successo

18 Gennaio 2019 - igiene urbana

Cambio rotta.Storie di sostenibilita’ e successo

Straordinarie storie italiane per spiegare come la sostenibilità non sia una rinuncia o un dovere, ma un vantaggio immediato per chi la pratica e soprattutto per il pianeta e per tutti i suoi abitanti. Cambio rotta. Storie di sostenibilità e successo parla di pesci che si moltiplicano, paesi risorti, mattoni di marmo, vestiti fatti di bucce d’arancia e binari intelligenti. Racconta di storie affascinanti e istruttive, frutto dell’impegno e dell’inventiva di abitanti di tutte le regioni del nostro Paese e di tutte le età. Ma, soprattutto, raccoglie esempi particolarmente virtuosi di sostenibilità, ossia di attività e prodotti che non inquinano, non producono scarti, non distruggono risorse, non comportano rinunce e, al tempo stesso, generano vantaggi immediati per tutti: per chi ne è stato promotore e per chi ne usufruisce, più in generale per l’intero pianeta.

 Il libro, che esce a marchio congiunto Mondadori Electa / Focus, è stato realizzato con il sostegno di Sofidel, gruppo cartario noto per il marchio Regina, che da anni fa della sostenibilità una leva strategica di sviluppo e di crescita. Scritto da giovani autori che hanno girato l’Italia in cerca di storie virtuose, si inserisce all’interno di un’azione di comunicazione più ampia messa in campo da Sofidel per aiutare le nuove generazioni a comprendere meglio l’importanza di uno sviluppo socialmente e ambientalmente responsabile. In questo caso, in particolare, l’intento è stato quello di mostrare come la sostenibilità costituisca una reale, concreta opportunità per creare attività economiche nuove e di successo. Tra le storie raccolte nel volume, che sarà in vendita dal 22 gennaio, c’è quella dell’ex capostazione toscano che ha avuto l’idea di trasformare gli scarti dell’estrazione del marmo delle Alpi Apuane in mattoni ecologici e resistenti; c’è la storia delle ragazze siciliane che hanno trasformato i sottoprodotti della lavorazione industriale degli agrumi in filati di qualità per l’alta moda; ma c’è anche la storia di un gruppo di amici pugliesi che, dopo avere studiato e lavorato nel Nord Italia e all’estero, sono tornati al paese d’origine per farlo rivivere e rilanciare le produzioni agricole locali; ci sono poi i pescatori pugliesi che hanno sperimentato la chiusura per qualche anno della loro tradizionale zona di pesca e, alla fine, hanno visto quadruplicato il pescato; e c’è la determinazione del ragazzo palermitano che ha ideato un modo per produrre traverse ferroviarie ecologiche e intelligenti combinando calcestruzzo, plastica da rifiuto urbano e pneumatici usati e, in pochi anni, ha conquistato il mercato statunitense.

Mondadori Electa Varia Illustrati 15 x 21,5 cm 144 pp. 18,90 € in libreria a gennaio 2019

Criteri ambientali minimi (CAM) nelle gare d’appalto

Criteri ambientali minimi (CAM) nelle gare d’appalto

14 Febbraio 2019 - igiene urbana

Il 12 febbraio scorso,  nella sala stampa della Camera dei Deputati, è stato presentato un report di monitoraggio sull’applicazione dei criteri ambientali minimi nelle procedure di approvigionamento dei comuni appartenenti all’associazione Comuni virtuosi.  Il lavoro è stato realizzato dalla società di consulenza Punto 3 e dall’Associazione Comuni Virtuosi con la collaborazione di Sumus Italia e del Conzorzio Ecopneus per fornire…
L’inquinamento “micro” che minaccia il pianeta

L’inquinamento “micro” che minaccia il pianeta

13 Febbraio 2019 - igiene urbana

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2019) Quello delle microplastiche, frammenti di materiale composito inferiori ai 5 o addirittura ai 2 millimetri, è ormai un problema diffuso a livello mondiale, e i prodotti per le pulizie professionali non se sono esenti. I dati sono allarmanti, bisogna correre ai ripari: prima di tutto mediante la prevenzione, come ci insegnano l’Europa ma anche…
I dieci oggetti più ‘sporchi’ che tocchiamo tutti i giorni

I dieci oggetti più ‘sporchi’ che tocchiamo tutti i giorni

01 Febbraio 2019 - igiene urbana

Il sito belga ‘PassionSanté.be’, ha stilato una lista dei dieci oggetti più ‘sporchi’: dallo smartphone al telecomando, allo spazzolino da denti fino al phon asciugacapelli. Ai primi posti c’è dunque la tastiera del computer, dove si annidano batteri fino a 400 volte in più rispetto all’asse del Wc. E non va meglio per il mouse. I minuscoli resti di cibo…
Testate