Stangata sulla Naspi

25 gennaio 2018 - Articoli

Stangata sulla Naspi

Dal 1° gennaio di quest’anno licenziare costerà molto di più, almeno per i “collettivi”. Precisamente il doppio, stando al comma 137  dell’art. 1 della legge di bilancio per il 2018, approvata lo scorso 27 dicembre con il numero 205/17, che interviene sull’importo del cd. ticket licenziamento  introdotto dalla legge n. 92- 2012,  in caso di procedure collettive.

Così il testo di legge: “A decorrere dal 1º gennaio  2018,  per  ciascun  licenziamento effettuato nell’ambito di un licenziamento collettivo da parte di  un datore di lavoro  tenuto  alla  contribuzione  per  il  finanziamento dell’integrazione salariale straordinaria, ai sensi dell’articolo  23 del  decreto  legislativo  14  settembre  2015,  n.  148,  l’aliquota percentuale di cui all’articolo 2, comma 31, della  legge  28  giugno 2012, n. 92, e’ innalzata  all’82  per  cento.  Sono  fatti  salvi  i licenziamenti effettuati a  seguito  di  procedure  di  licenziamento collettivo avviate, ai sensi dell’articolo 4 della  legge  23  luglio 1991, n. 223, entro il 20 ottobre 2017”.In altre parole: per ciascun licenziamento collettivo, il datore di lavoro è tenuto alla contribuzione per il finanziamento dell’integrazione salariale straordinaria, pagando l’aliquota percentuale innalzata all’82% del massimale  previsto per la Naspi, invece che  41%,  il doppio di quanto previsto finora.  In precedenza l’importo massimo, corrispondente al 41% del massimale convenzionale Naspi, era infatti pari a 1.470 euro. L’aumento  porta dunque il ticket licenziamento per ciascun lavoratore a  2.940 euro.  Fanno eccezione i licenziamenti collettivi a seguito di procedure instaurate entro ottobre 2017, ai sensi dell’art. 4 della l. 223/1991.

Il licenziamento collettivo, disciplinato appunto dalla legge n. 223 del 1991, si realizza attraverso una complessa procedura che può essere attivata soltanto in presenza di condizioni stabilite dalla legge. La disciplina prevede che l’impresa possa attivarsi in questo senso quando: sta beneficiando di strumenti di integrazione salariale come la Cassa Integrazione e ritiene di non essere in grado di garantire il reimpiego di tutti i lavoratori sospesi e di non potere utilizzare misure alternative; l’impresa (che ha più di 15 dipendenti, compresi i dirigenti) decide di licenziare almeno 5 lavoratori nell’arco di 120 giorni in vista della cessazione dell’attività o di una ristrutturazione della produzione.

Link legge 205/17 (Bilancio)

Tags:
Counseling azienda-dipendenti, viaggio nel “backstage” dell’impresa

Counseling azienda-dipendenti, viaggio nel “backstage” dell’impresa

22 febbraio 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.1, 2018)  Il lavoro delle imprese di pulizia-servizi integrati-multiservizi è forse quello con la più alta intensità di manodopera. Il che comporta una serie di problematiche anche interne, nell’organizzazione del lavoro e nella gestione del personale. A questo proposito, pionieristico è il caso della coop Formula Servizi di Forlì, che ha in organico una dipendente deputata proprio…
Derattizzazione sicura, la case history  di Bologna

Derattizzazione sicura, la case history di Bologna

16 febbraio 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2018) Lotta ai roditori e sicurezza: come comportarsi alla luce delle nuove normative? Proponiamo qui un ampio estratto del contributo “La derattizzazione nel comune di Bologna: nuovi approcci in relazione alle recenti norme per la mitigazione del rischio”, pubblicato integralmente negli Atti del IX Simposio di Piacenza. Parola d’ordine: strategie “mirate”. CLICCARE PER LEGGERE L’ARTICOLO…
Superindex, il premio che “fotografa” la Galassia del facility

Superindex, il premio che “fotografa” la Galassia del facility

12 febbraio 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2018) Assegnati a Bologna da Scuola Nazionale Servizi i premi Index e Superindex, che incoronano le imprese più brave nei rispettivi settori della “Galassia dei servizi”. Prime a pari merito due imprese di pulizie: le coop emiliane Copma (Ferrara) e Copura (Ravenna). Ne parliamo con Alberto Ferri, presidente SNS, che allarga la riflessione alle opportunità…
Testate