Ritorna l’iniziativa di promozione del Fairtrade “IO FACCIO LA SPESA GIUSTA”

25 agosto 2011 - industria & gdo

Dal 15 al 30 ottobre tante iniziative per scegliere il Commercio Equo e Solidale certificato

 “Io faccio la spesa giusta” arriva all’ottava edizione: riparte il viaggio alla scoperta del Commercio Equo e Solidale certificato, in cui i consumatori sono allo stesso tempo protagonisti e spettatori di un’altra cultura del “fare la spesa”. Supermercati, librerie, ristoranti, piazze di tutto il territorio nazionale saranno anche quest’anno i teatri dell’importante rassegna in programma dal 15 al 30 ottobre e promossa da Fairtrade Italia, il Consorzio che nel nostro paese gestisce il marchio internazionale di certificazione Fairtrade, contrassegno di qualità e garanzia per i prodotti del Commercio Equo e Solidale. Il sistema di certificazione Fairtrade assicura infatti un prezzo equo e stabile ai produttori del Sud del Mondo, un margine aggiuntivo da investire in progetti sociali e sanitari per le comunità e il rispetto e le colture locali.

 Sotto lo stesso ombrello i soci del Consorzio Fairtrade Italia, da Banca Etica a Legambiente, da Oxfam Italia ad Arci, ma anche le librerie Feltrinelli, partner storico della kermesse, i punti vendita, dagli ipermercati ai negozi del biologico, dai supermercati ai negozi di vicinato e le aziende licenziatarie del marchio Fairtrade che hanno raggiunto quota 125.

Anche i ristoratori saranno invitati a scegliere il Fairtrade dal 15 al 30 ottobre. A tutti i locali che proporranno un menù a base di prodotti equosolidali certificati, Fairtrade Italia fornirà poster e tovagliette dell’iniziativa, materiale informativo sul Commercio Equo e dei campioni di prodotti in omaggio.

Il marchio Fairtrade è sinonimo di economia che funziona, raccoglie l’intereresse dei consumatori anche in periodi difficili e porta benefici tangibili ai produttori del Sud del Mondo. Sono sempre più numerosi, infatti, coloro che scelgono il Commercio Equo certificato: secondo i dati internazionali ammonta a 3,4 miliardi di euro la spesa per i prodotti Fairtrade in tutto il mondo (fonte Fairtrade International, inizio 2010). In Italia si arriva ai 49,5 milioni del 2010 contro i 43,5 spesi del 2009.

Ben il 55% dei prodotti Fairtrade proviene da agricoltura biologica (nel 2008 la percentuale era del 50% e nel 2009 del 53%). Risultati importanti e significativi, un chiaro segnale che i produttori del Sud del Mondo riescono sempre più a valorizzare le loro pratiche produttive e le relazioni commerciali nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente e che i consumatori italiani premiano questa coerenza etica ed ambientale. Tra i prodotti Fairtrade da agricoltura bio vi sono in termini percentuali al primo posto le banane (83%), lo zucchero di canna (74% sia utilizzato da solo, sia nelle preparazioni dolciarie), il tè (65%) e il cacao (57%). Il fatturato delle banane Fairtrade e bio ha raggiunto nel 2010 i 13 milioni di euro.

 

Per conoscere tutte le iniziative visita periodicamente www.fairtradeitalia.it/spesagiusta

2° workshop sulla “Gestione responsabile del prodotto”

2° workshop sulla “Gestione responsabile del prodotto”

05 maggio 2015 - industria & gdo

Le imprese che vogliono produrre e commercializzare i propri prodotti come “verdi” si trovano a confrontarsi con una molteplice varietà di metodologie e iniziative dei differenti Paesi, difficilmente applicabili per provare contemporaneamente, in ogni Stato Membro dell’UE, le credenziali ecologiche del proprio business (per questo motivo nel aprile 2014 la Commissione Europeaha pubblicato la Comunicazione “Building the Single Market for…
Il settore della detergenza e la difficile ripresa

Il settore della detergenza e la difficile ripresa

30 marzo 2015 - industria & gdo

Federchimica Assocasa (Associazione Nazionale dei produttori di detergenti e specialità per l’Industria e per la Casa), in collaborazione con Nielsen ha presentato il 26 marzo scorso il 17° Osservatorio del mercato dei detergenti e dei prodotti per la casa. I segnali di ripresa sono ancora piuttosto deboli e frammentari: nell’anno terminante a febbraio 2015 il “cura casa” (detergenti e prodotti…
Expo 2015, cemento mangia smog per Palazzo Italia

Expo 2015, cemento mangia smog per Palazzo Italia

25 febbraio 2015 - industria & gdo

No, non è fantascienza: le nuove tecnologie e i nuovi materiali fanno miracoli, e trasformano il cemento da superficie anonima, impattante e inquinante a “filtro” per un’aria più pura e un ambiente più salubre. Pioniere, in questo, campo, è l’italiana Italcementi, che già 10 anni orsono, nel 2004, aveva realizzato e brevettato Tx Active, un principio attivo che ha reso…
Testate