industria & gdo

Ritorna l’iniziativa di promozione del Fairtrade “IO FACCIO LA SPESA GIUSTA”

25 agosto 2011

Dal 15 al 30 ottobre tante iniziative per scegliere il Commercio Equo e Solidale certificato

 “Io faccio la spesa giusta” arriva all’ottava edizione: riparte il viaggio alla scoperta del Commercio Equo e Solidale certificato, in cui i consumatori sono allo stesso tempo protagonisti e spettatori di un’altra cultura del “fare la spesa”. Supermercati, librerie, ristoranti, piazze di tutto il territorio nazionale saranno anche quest’anno i teatri dell’importante rassegna in programma dal 15 al 30 ottobre e promossa da Fairtrade Italia, il Consorzio che nel nostro paese gestisce il marchio internazionale di certificazione Fairtrade, contrassegno di qualità e garanzia per i prodotti del Commercio Equo e Solidale. Il sistema di certificazione Fairtrade assicura infatti un prezzo equo e stabile ai produttori del Sud del Mondo, un margine aggiuntivo da investire in progetti sociali e sanitari per le comunità e il rispetto e le colture locali.

 Sotto lo stesso ombrello i soci del Consorzio Fairtrade Italia, da Banca Etica a Legambiente, da Oxfam Italia ad Arci, ma anche le librerie Feltrinelli, partner storico della kermesse, i punti vendita, dagli ipermercati ai negozi del biologico, dai supermercati ai negozi di vicinato e le aziende licenziatarie del marchio Fairtrade che hanno raggiunto quota 125.

Anche i ristoratori saranno invitati a scegliere il Fairtrade dal 15 al 30 ottobre. A tutti i locali che proporranno un menù a base di prodotti equosolidali certificati, Fairtrade Italia fornirà poster e tovagliette dell’iniziativa, materiale informativo sul Commercio Equo e dei campioni di prodotti in omaggio.

Il marchio Fairtrade è sinonimo di economia che funziona, raccoglie l’intereresse dei consumatori anche in periodi difficili e porta benefici tangibili ai produttori del Sud del Mondo. Sono sempre più numerosi, infatti, coloro che scelgono il Commercio Equo certificato: secondo i dati internazionali ammonta a 3,4 miliardi di euro la spesa per i prodotti Fairtrade in tutto il mondo (fonte Fairtrade International, inizio 2010). In Italia si arriva ai 49,5 milioni del 2010 contro i 43,5 spesi del 2009.

Ben il 55% dei prodotti Fairtrade proviene da agricoltura biologica (nel 2008 la percentuale era del 50% e nel 2009 del 53%). Risultati importanti e significativi, un chiaro segnale che i produttori del Sud del Mondo riescono sempre più a valorizzare le loro pratiche produttive e le relazioni commerciali nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente e che i consumatori italiani premiano questa coerenza etica ed ambientale. Tra i prodotti Fairtrade da agricoltura bio vi sono in termini percentuali al primo posto le banane (83%), lo zucchero di canna (74% sia utilizzato da solo, sia nelle preparazioni dolciarie), il tè (65%) e il cacao (57%). Il fatturato delle banane Fairtrade e bio ha raggiunto nel 2010 i 13 milioni di euro.

 

Per conoscere tutte le iniziative visita periodicamente www.fairtradeitalia.it/spesagiusta

Tags: ,


Alimenti non freschissimi? Una app ce lo svelerà

Alimenti non freschissimi? Una app ce lo svelerà

Un software per misurare la freschezza degli alimenti? Ci ha pensato Infratab, una società indiano-statunitense che ha messo a punto Freshtime™, una app che permette di individuare il momento in cui l’alimento deperibile ha le migliori caratteristiche organolettiche e nutrizionali.…

industria & gdo >>
Obbligatori i tappi antirabbocco per l’olio d’oliva in ristoranti e bar. Sanzioni fino a 8 mila euro

Obbligatori i tappi antirabbocco per l’olio d’oliva in ristoranti e bar. Sanzioni fino a 8 mila euro

Dal 25 novembre i pubblici esercizi devono presentare a tavola solo bottiglie d’olio d’oliva con tappo antirabbocco. E’ quanto previsto dalla Legge 161/2014 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 10 novembre u.s. La norma era sostanzialmente già in vigore dall’anno passato ma…

industria & gdo >>
Dalla Carta di Bologna 11 punti contro lo spreco alimentare

Dalla Carta di Bologna 11 punti contro lo spreco alimentare

Undici punti contro lo spreco alimentare. E’ la Carta di Bologna, il primo documento ufficiale del governo italiano, presentata il 24 novembre a Bologna nell’ambito del convegno “Stop food waste. Feed the planet”. L’obiettivo? “Farla sottoscrivere durante Expo dai governi…

industria & gdo >>

GSANEWS è un periodico registrato al Tribunale di Milano in data 15-04-2011 al numero 204 di proprietà di Edicom S.r.l, P.IVA 11879330154, info@gsanews.it