Ritorna l’iniziativa di promozione del Fairtrade “IO FACCIO LA SPESA GIUSTA”

25 agosto 2011 - industria & gdo

Dal 15 al 30 ottobre tante iniziative per scegliere il Commercio Equo e Solidale certificato

 “Io faccio la spesa giusta” arriva all’ottava edizione: riparte il viaggio alla scoperta del Commercio Equo e Solidale certificato, in cui i consumatori sono allo stesso tempo protagonisti e spettatori di un’altra cultura del “fare la spesa”. Supermercati, librerie, ristoranti, piazze di tutto il territorio nazionale saranno anche quest’anno i teatri dell’importante rassegna in programma dal 15 al 30 ottobre e promossa da Fairtrade Italia, il Consorzio che nel nostro paese gestisce il marchio internazionale di certificazione Fairtrade, contrassegno di qualità e garanzia per i prodotti del Commercio Equo e Solidale. Il sistema di certificazione Fairtrade assicura infatti un prezzo equo e stabile ai produttori del Sud del Mondo, un margine aggiuntivo da investire in progetti sociali e sanitari per le comunità e il rispetto e le colture locali.

 Sotto lo stesso ombrello i soci del Consorzio Fairtrade Italia, da Banca Etica a Legambiente, da Oxfam Italia ad Arci, ma anche le librerie Feltrinelli, partner storico della kermesse, i punti vendita, dagli ipermercati ai negozi del biologico, dai supermercati ai negozi di vicinato e le aziende licenziatarie del marchio Fairtrade che hanno raggiunto quota 125.

Anche i ristoratori saranno invitati a scegliere il Fairtrade dal 15 al 30 ottobre. A tutti i locali che proporranno un menù a base di prodotti equosolidali certificati, Fairtrade Italia fornirà poster e tovagliette dell’iniziativa, materiale informativo sul Commercio Equo e dei campioni di prodotti in omaggio.

Il marchio Fairtrade è sinonimo di economia che funziona, raccoglie l’intereresse dei consumatori anche in periodi difficili e porta benefici tangibili ai produttori del Sud del Mondo. Sono sempre più numerosi, infatti, coloro che scelgono il Commercio Equo certificato: secondo i dati internazionali ammonta a 3,4 miliardi di euro la spesa per i prodotti Fairtrade in tutto il mondo (fonte Fairtrade International, inizio 2010). In Italia si arriva ai 49,5 milioni del 2010 contro i 43,5 spesi del 2009.

Ben il 55% dei prodotti Fairtrade proviene da agricoltura biologica (nel 2008 la percentuale era del 50% e nel 2009 del 53%). Risultati importanti e significativi, un chiaro segnale che i produttori del Sud del Mondo riescono sempre più a valorizzare le loro pratiche produttive e le relazioni commerciali nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente e che i consumatori italiani premiano questa coerenza etica ed ambientale. Tra i prodotti Fairtrade da agricoltura bio vi sono in termini percentuali al primo posto le banane (83%), lo zucchero di canna (74% sia utilizzato da solo, sia nelle preparazioni dolciarie), il tè (65%) e il cacao (57%). Il fatturato delle banane Fairtrade e bio ha raggiunto nel 2010 i 13 milioni di euro.

 

Per conoscere tutte le iniziative visita periodicamente www.fairtradeitalia.it/spesagiusta

Dal 22 luglio i rifiuti elettronici si portano in negozio

Dal 22 luglio i rifiuti elettronici si portano in negozio

19 luglio 2016 - igiene urbana

L’Uno contro Zero è legge: dal 22 luglio si potranno portare in negozio i propri rifiuti elettronici di piccole dimensioni (fino a 25 cm) e sarà obbligatorio per i grandi punti vendita (con una superficie di almeno 400 mq) ritirarli gratuitamente senza alcun obbligo di acquisto per il consumatore. “Un importante passo in avanti per migliorare la raccolta e aumentare la sensibilità per…
BYTE I: la nuova lavapavimenti uomo a terra  “super compatta” secondo RCM

BYTE I: la nuova lavapavimenti uomo a terra “super compatta” secondo RCM

14 luglio 2016 - industria & gdo

E’ la categoria di lavapavimenti più diffusa sul mercato, usata dai professionisti del pulito come dall’utilizzatore finale, sia in piccoli ambienti che in ambienti vasti ma caratterizzati dalla presenza di molto ostacoli (scaffalature, salita a piani diversi). Per l’uso professionale deve poi anche asciugare perfettamente in modo da non dover ricorrere al “mocio”, facile da trasportare e da guidare, specialmente…
Legambiente lancia la campagna #Unsaccogiusto per denunciare il racket dei sacchetti di plastica

Legambiente lancia la campagna #Unsaccogiusto per denunciare il racket dei sacchetti di plastica

06 luglio 2016 - industria & gdo

Circa la metà dei sacchetti in circolazione, infatti, sono illegali. Si tratta di un volume pari a circa 40 mila tonnellate di plastica che costa alla filiera una perdita di 160 milioni di euro, 30 solo per evasione fiscale e un aggravio dei costi di smaltimento dei rifiuti quantificato in 50 milioni di euro. Testimonial d’eccezione Fortunato Cerlino, alias Pietro…
Testate