Calano gli infortuni e le morti sul lavoro, aumentano gli incidenti fra le donne: è quanto emerge dal Rapporto Inail 2010.

13 luglio 2011 - imprese & dealers

Calano gli infortuni e  le morti sul lavoro, aumentano gli incidenti fra le donne: è quanto emerge dal Rapporto Inail 2010.

Gli infortuni sul lavoro si sono  complessivamente ridotti, rispetto al 2009, dell’ 1,9% (790.112 nel 2009; 775.374 nel 2010), mentre i decessi sono calati del 6,9%, scendendo per la prima volta dal dopoguerra sotto la soglia dei mille casi all’anno (1.053 nel 2009; 980 nel 2010).
Riguardo ai macro settori produttivi, calo costante degli incidenti nell’industria e in agricoltura, mentre nel settore dei servizi il numero di incidenti è sostanzialmente costante nell’ultimo decennio e anzi registra un sia pur lieve incremento (+0,2%). Dati che, ovviamente, vanno letti anche alla luce delle variazioni occupazionali di ciascun settore, visto che il numero di occupati si riduce nel primario e nel secondario, mentre aumenta proprio nel terziario.
Nel confronto tra 2009 e 2010, l’area geografica più penalizzata risulta essere il Nord Est, dove i morti per infortunio salgono da 218 a 226 (+3,7%), mentre nel Nord Ovest si registra un -15,2%, nel Centro un -9,5% e nel Sud un -5,5%.
Sebbene le donne subiscano assai meno infortuni degli uomini e abbiano anche una minore quota di morta lità per infortunio, nell’ultimo anno si è registrata una preoccupante crescita di incidenti a danno delle lavoratrici. Mentre i casi mortali per gli uomini si sono ridotti dell’8,2%, passando da 981 a 901, per le donne sono saliti del 9,7%, da 72 a 79 decessi in un anno.
 Il Rapporto annuale Inail 2010 è stato presentato il 5 luglio scorso nella Sala della Lupa, a Palazzo Montecitorio, alla presenza del presidente della Camera Gianfranco Fini e del presidente del Senato Renato Schifani.
Il presidente dell’Inail, Marco Fabio Sartori, ha sottolineato l’importanza dell’anno passato per la vita dell’Istituto: con la manovra correttiva alla Finanziaria 2010, infatti, il 31 maggio 2010 è stata disposta la soppressione di Ispesl (Istituto superiore prevenzione e sicurezza sul lavoro) e di Ipsema (istituto di previdenza per il settore marittimo) e la loro incorporazione in Inail, dando vita così a quello che viene definito il “Polo della salute e della sicurezza”. Nello stesso anno, ha detto ancora Sartori “l’Inail è riuscito a riavviare le politiche patrimoniali deliberando il Piano degli investimenti”, grazie al quale per il biennio 2009/2010 sono stati stanziati circa due miliardi di euro da impiegare in investimenti immobiliari. La metà di queste risorse è stato destinato alla ricostruzione in Abruzzo, dove l’Inail è tra i maggiori investitori pubblici.        

Ecolabel UE: aggiornamento sui servizi di cleaning

Ecolabel UE: aggiornamento sui servizi di cleaning

19 gennaio 2018 - imprese & dealers

Come comunicava la notizia del 1 dicembre scorso, la Commissione europea ha approvato i criteri per i servizi di pulizia. Ora SOS CAM aggiorna sugli sviluppi. Saranno 7 i criteri obbligatori che dovranno essere rispettati dagli operatori che intendano avvalersi della nuova certificazione Ecolabel UE per i servizi di cleaning, cui si aggiunge il rispetto di un congruo numero di…
Il blog delle macchine del cleaning, la nuova frontiera ISC

Il blog delle macchine del cleaning, la nuova frontiera ISC

15 gennaio 2018 - imprese & dealers

Nemmeno il tempo di festeggiare l’anno nuovo e già fioccano importanti novità in casa (o sarebbe meglio dire sulla piattaforma online) ISC: sul sito aziendale www.iscsrl.com, ormai divenuto un punto di riferimento per tutti coloro che ricercano la qualità e un’assistenza al top in fatto di macchine, prodotti e sistemi per il cleaning professionale, è infatti attiva la nuova sezione…
Il futuro è già qui: la rivoluzione della distribuzione

Il futuro è già qui: la rivoluzione della distribuzione

08 gennaio 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.11-2017) Il colosso dell’eCommerce aggredisce il mercato professionale con Amazon Business, la piattaforma dedicata al B2B con condizioni di logistica, assistenza clienti e prezzo concorrenziali. Ancora pochi, in Italia, sono i dealer del settore che si stanno strutturando per una buona vendita online. Il tema è di grande urgenza, e richiede una riflessione prima che sia troppo…
Testate