Torino Smart City: un progetto europeo per finanziare lo sviluppo sostenibile

27 gennaio 2011 - facility management

Torino Smart City: un progetto europeo per finanziare lo sviluppo sostenibile

Dopo la presentazione a Bruxelles, nello scorso dicembre, del Piano d’Azione per l’energia sostenibile (Tape – Torino action plan for energy), che impegna la città a ridurre considerevolmente le proprie emissioni di CO2 entro il 2020, Torino affronta una nuova sfida europea. Proprio il Piano, con le sue 51 azioni già concretamente avviate, sarà il perno attorno al quale si svilupperà la candidatura di Torino a diventare una Smart City. Con i bandi Smart Cities, la Commissione Europea intende infatti avviare, nel contesto degli investimenti per lo sviluppo delle tecnologie a bassa emissione di anidride carbonica, una iniziativa che rappresenti una grande opportunità per l’industria europea di diventare leader nelle tecnologie pulite ed efficienti.
Nel terreno di gara si sono già lanciate o stanno per lanciarsi altre città italiane, con grandi progetti volti a catturare l’attenzione della Direzione generale Ambiente. Torino presenta un Piano già in corso di attuazione, con una maggiore attenzione su due filoni di intervento: la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e la mobilità sostenibile. Su questi due ambiti saranno sviluppati ulteriori impegni sui quali far convergere gli eventuali investimenti (che si preannunciano cospicui) della Commissione europea: Torino ha dimostrato di saper produrre alta tecnologia e di saper applicare i suoi benefici nella riduzione dei consumi energetici, migliorando la qualità della vita in città.
In ambito locale, si avvierà in tempi stretti una “Cabina di Regia” per definire i contenuti del progetto “Torino Smart City”, a cui saranno invitate istituzioni, il mondo dell’industria torinese, imprese e altre organizzazioni pubbliche o private, associazioni di categoria, il sistema bancario, centri di ricerca, università. In ambito europeo, la Città dovrà trovare partnership con altre città per rafforzare la propria partecipazione. Certa la collaborazione con Lione, a cui potrebbe aggiungersi presto Monaco di Baviera.

Sul progetto Torino Smart City la Città ha già raccolto l’interesse di numerosi stakeholder locali (imprese, enti, associazioni), e può già contare sull’apporto indispensabile del Politecnico, attivamente impegnato nella fase di predisposizione del Piano d’Azione, e degli enti territoriali.

La presentazione ufficiale di Torino Smart City si terrà al Mao – Museo d’Arte Orientale, il 25 febbraio alle ore 10,30.

“E’ normale… lo fanno tutti”

“E’ normale… lo fanno tutti”

16 dicembre 2016 - facility management

Nel mondo degli appalti la corruzione è il nemico numero uno. Ma qual è il principale alleato della corruzione? Il commissario Anac Michele Corradino ha pochi dubbi: è quell’atteggiamento, sempre più diffuso, che tende a considerare normali comportamenti illegali. “E’ normale… lo fanno tutti” è il titolo del suo ultimo libro presentato ieri a Milano in un evento dedicato alla…
Osservatorio ONBSI, ecco la ricerca

Osservatorio ONBSI, ecco la ricerca

14 dicembre 2016 - Articoli

(Tratto da GSA n.11,novembre 2016) Il documento, a cura di Fondazione per la Sussidiarietà, in collaborazione con Fondazione Scuola Nazionale Servizi, rappresenta un prezioso punto di partenza per analizzare il settore e i relativi appalti. CLICCARE PER LEGGERE…
Il mondo dei servizi diventa 4.0

Il mondo dei servizi diventa 4.0

14 dicembre 2016 - facility management

L’Associazione Nazionale delle Imprese di Pulizia e Servizi Integrati (ANIP), aderente a Confindustria, ha tenuto ieri 13 dicembre il suo Consiglio Generale a Bolzano ospitata da Assoimprenditori Alto Adige. Per l’occasione, nel corso della mattinata, si è tenuto anche il convegno, organizzato sempre in collaborazione con Assoimprenditori Alto Adige, dal titolo “Industria&Facility 4.0” che ha analizzato i processi di innovazione…
Testate