Torino Smart City: un progetto europeo per finanziare lo sviluppo sostenibile

27 gennaio 2011 - facility management

Torino Smart City: un progetto europeo per finanziare lo sviluppo sostenibile

Dopo la presentazione a Bruxelles, nello scorso dicembre, del Piano d’Azione per l’energia sostenibile (Tape – Torino action plan for energy), che impegna la città a ridurre considerevolmente le proprie emissioni di CO2 entro il 2020, Torino affronta una nuova sfida europea. Proprio il Piano, con le sue 51 azioni già concretamente avviate, sarà il perno attorno al quale si svilupperà la candidatura di Torino a diventare una Smart City. Con i bandi Smart Cities, la Commissione Europea intende infatti avviare, nel contesto degli investimenti per lo sviluppo delle tecnologie a bassa emissione di anidride carbonica, una iniziativa che rappresenti una grande opportunità per l’industria europea di diventare leader nelle tecnologie pulite ed efficienti.
Nel terreno di gara si sono già lanciate o stanno per lanciarsi altre città italiane, con grandi progetti volti a catturare l’attenzione della Direzione generale Ambiente. Torino presenta un Piano già in corso di attuazione, con una maggiore attenzione su due filoni di intervento: la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e la mobilità sostenibile. Su questi due ambiti saranno sviluppati ulteriori impegni sui quali far convergere gli eventuali investimenti (che si preannunciano cospicui) della Commissione europea: Torino ha dimostrato di saper produrre alta tecnologia e di saper applicare i suoi benefici nella riduzione dei consumi energetici, migliorando la qualità della vita in città.
In ambito locale, si avvierà in tempi stretti una “Cabina di Regia” per definire i contenuti del progetto “Torino Smart City”, a cui saranno invitate istituzioni, il mondo dell’industria torinese, imprese e altre organizzazioni pubbliche o private, associazioni di categoria, il sistema bancario, centri di ricerca, università. In ambito europeo, la Città dovrà trovare partnership con altre città per rafforzare la propria partecipazione. Certa la collaborazione con Lione, a cui potrebbe aggiungersi presto Monaco di Baviera.

Sul progetto Torino Smart City la Città ha già raccolto l’interesse di numerosi stakeholder locali (imprese, enti, associazioni), e può già contare sull’apporto indispensabile del Politecnico, attivamente impegnato nella fase di predisposizione del Piano d’Azione, e degli enti territoriali.

La presentazione ufficiale di Torino Smart City si terrà al Mao – Museo d’Arte Orientale, il 25 febbraio alle ore 10,30.

Vi presentiamo il futuro del pulito

Vi presentiamo il futuro del pulito

18 aprile 2017 - Articoli

(Tratto da GSA n.3, marzo 2017) Molto più che una semplice giornata di formazione, l’appuntamento “Il futuro del pulito è oggi”, organizzato a Bologna il 2 marzo da Soligena e Bioskills, è stata la “summa” delle più attuali questioni che interessano il settore: dai Criteri ambientali al Codice Appalti, dal ruolo dei top players a quello delle Pmi, dalla formazione…
La “digital disruption” distruggerà i posti di lavoro?

La “digital disruption” distruggerà i posti di lavoro?

14 aprile 2017 - Articoli

(Tratto da GSA n.3, marzo 2017) Nell’era della “digital disruption” molti lavori prima appannaggio dell’uomo vengono svolti dai robot, con la conseguente perdita della centralità umana e, potenzialmente, di milioni di posti di lavoro. Che accadrà nel mondo delle pulizie, dove sta montando l’onda della robotizzazione? Impossibile pensare a una sostituzione completa a breve termine: il lavoro di chi pulisce…
Pulire 2017: obiettivo utente finale

Pulire 2017: obiettivo utente finale

07 aprile 2017 - Articoli

(Tratto da GSA n.3, marzo 2017) Saranno i fruitori del servizio il focus dell’edizione di Pulire che si avvicina a grandi passi. Siamo ormai alla vigilia, e i dati sono sempre più soddisfacenti: crescono numero degli espositori e superficie occupata. Incremento anche sul fronte stranieri, per una fiera già al completo. Un’anteprima nel convegno milanese del 28 marzo sul 4.0…
Testate