A Firenze torna a splendere Palazzo Vecchio

27 giugno 2012 - igiene urbana

A Firenze torna a splendere Palazzo Vecchio

Una settimana di lavoro, una squadra di 7 persone, un edificio storico che riacquista immagine e valore:il 14 giugno scorso, in Piazza della Signoria a Firenze, alla presenza di Massimo Mattei, Assessore Mobilità, manutenzioni e decoro del Comune di Firenze e di Enzo Fiume e Giovanni Probo, Amministratori Delegati di Kärcher Italia, è stata celebrata la restituzione di Palazzo Vecchio alla Città. 

 Costruito tra il 1299 e il 1310, l’edificio si trova nel pieno centro di Firenze. Un tempo residenza di Cosimo I de’ Medici, il palazzo costituisce un importante punto di riferimento per tutta la città, quale sede del Comune di Firenze, teatro di eventi istituzionali e meta del turismo locale e internazionale. L’azione combinata degli agenti atmosferici e il frequente passaggio di visitatori, ha influito non poco sulle superfici interne alla struttura, depositando sulla pavimentazione del Cortile Nuovo, del Cortile della Dogana e sul pavimento in cotto arrotato del Museo Cittadino, sostanze grasse e un visibile strato di polvere: le normali tecniche di pulizia sono apparse da subito inadeguate per restituire l’originario splendore a queste superfici, composte principalmente da pietra naturale di gran pregio.

 Kärcher, da anni impegnata nella preservazione di monumenti storici e opere d’arte -suoi sono gli interventi sul Colonnato di Piazza San Pietro in Città del Vaticano, sullo Space Needle a Seattle,  sulle sculture dei presidenti americani del Mount Rushmore- è riuscita a riportare la pavimentazione del Cortile Nuovo, del Cortile della Dogana e il pavimento in cotto arrotato del Museo Civico di Palazzo Vecchio, alla sua originaria bellezza: il lavoro ha restituito grande valore a tutto l’edificio, oggi simbolicamente restituito alla città di Firenze per ospitare prossimi importanti appuntamenti.

Determinante in tal senso è stato il dialogo con l’Ufficio delle Belle Arti del Comune di Firenze.

L’intervento di pulitura  è riuscito a eliminare lo sporco dalle pavimentazioni del Cortile Nuovo, del Cortile della Dogana e da quella in cotto arrotato del Museo Cittadino di Palazzo Vecchio. L’intervento è stato realizzato anche grazie alla collaborazione con Manutencoop Facility Management S.p.A.: l’azienda, tra i leader nel Facility Management e fornitore dei servizi di cleaning a Palazzo Vecchio, ha messo a disposizione una squadra di tecnici specializzati per le operazioni di pulizia unitamente ai tecnici Kärcher.

“La scelta di collaborare con la Città di Firenze, per riportare questa struttura al suo originario splendore è l’espressione concreta dei principi di responsabilità sociale che la nostra azienda porta avanti da anni con grande impegno” – dichiara Enzo Fiume, Amministratore Delegato di Kärcher Italia. “Obiettivo principale è quello di mettere a disposizione la nostra esperienza e la nostra tecnologia per preservare opere, monumenti e aree urbane di patrimonio comune. Palazzo Vecchio è senza dubbio uno fra gli edifici storici più rappresentativi, non soltanto di Firenze ma dell’Italia intera: potersi impegnare per restituire alla Città un’area così rilevante nella vita quotidiana, costituisce per noi un motivo di grande orgoglio e ci spinge a valutare con responsabilità ed entusiasmo analoghi futuri progetti”.

 

Pulisci e corri: 400 km. per salvare l’ambiente

Pulisci e corri: 400 km. per salvare l’ambiente

26 marzo 2015 - igiene urbana

Una corsa di otto giorni; quattrocento chilometri attraverso tre Regioni, percorrendo a piedi strade e sentieri e rimuovendo rifiuti abbandonati lungo il percorso. Questo lo spirito di “Pulisci e Corri”, evento centrale italiano del secondo “European Clean Up Day”, la campagna di comunicazione realizzata da una rete di attori europei che promuovono azioni di sensibilizzazione sul tema del contrasto all’abbandono…

Rifiuti: per Assoambiente direttive appalti UE eccellente possibilità

Rifiuti: per Assoambiente direttive appalti UE eccellente possibilità

13 marzo 2015 - igiene urbana

“Oltre il 46% degli appalti pubblici di gestione rifiuti urbani è sottratto al mercato e alla libera concorrenza, di particolare interesse degli utenti, e viene gestito attraverso affidamenti in house pur in assenza di requisiti. Il recepimento delle Direttive europee su Appalti e Concessioni costituisce un’occasione preziosa e non rinviabile per superare una volta per tutte questa situazione di monopolio…

Nella gestione dei RAEE l’Italia capofila in Europa

Nella gestione dei RAEE l’Italia capofila in Europa

05 marzo 2015 - igiene urbana

L’Italia guida la certificazione europea degli impianti che trattano i rifiuti elettronici (RAEE). Ecodom, Ecolight, ERP Italia, RAEcycle e Remedia, cinque consorzi che gestiscono complessivamente oltre l’80% dei RAEE prodotti in Italia, hanno aderito al progetto WEEELABEX per la creazione di regole e standard omogenei in tutta Europa nella gestione e trattamento dei rifiuti elettronici.
A distanza di un anno,…

Testate