Cinipide del castagno, intensificare gli interventi

26 luglio 2011 - disinfestazione

Cinipide del castagno, intensificare gli interventi

Il cinipide del castagno (Dryocosmus kuriphilus), è stato segnalato per la prima volta in Toscana nel 2008, in provincia di Massa Carrara,diffondendosi poi in tutta la Toscana con conseguenti seri danni ai castagneti e sulla produzione di castagne.

La Regione, con i suoi Servizi, si è prontamente attivata, con un esteso monitoraggio, finanziamenti specifici, l’allevamento dell’antagonista (l’imenottero calcidoideo Torymus sinensis) e l’avvio della lotta biologica (in 5 siti nel 2010 e il altri 21 siti nel 2011).

Considerato che l’allevamento dell’antagonista e la lotta biologica per salvare i castagneti richiedono comunque diversi anni, Legambiente, nell’esprimere apprezzamenti al Servizio Fitosanitario Regionale, al Servizio META e al Corpo Forestale per le azioni messe in atto, ha chiesto alla Regione Toscana di intensificare al massimo gli sforzi per combattere il cinipide del castagno e per avviare il recupero dei castagneti danneggiati.

Legambiente Carrara

Anid: a Bologna il corso Base 2

Anid: a Bologna il corso Base 2

27 marzo 2017 - disinfestazione

Si svolgerà nelle giornate 29-30-31 marzo 2017, presso il Bologna Airport Hotel  il corso di formazione Base 2, un approfondimento in riferimento a tematiche scientifiche, tecniche e tecnologiche e alla gestione del team. Il Percorso formativo messo a punto da ANID, tramite la Commissione Formazione, si sviluppa in corsi di Base 1, BASE 2 e Corso Avanzato per gli addetti…
“Disinfestando”, è boom

“Disinfestando”, è boom

16 marzo 2017 - disinfestazione

La quinta edizione di “Disinfestando 2017”, l’Expo-conference del settore della disinfestazione professionale da poco conclusasi a Rimini, ha raggiunto un risultato che assegna alle attività di pest control le dimensioni che effettivamente rivestono nella economia del nostro Paese. In attesa di dati più precisi e dettagliati, che saranno disponibili nella analisi per categoria ed attività, oggi i numeri (circa 2000…
Moria di api: uno studio dell’Università di Trento

Moria di api: uno studio dell’Università di Trento

07 marzo 2017 - Articoli

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2017) Un avanzato studio del Laboratorio di Neurofisica dell’Università di Trento “entra nel cervello” delle api e ne svela le dinamiche comportamentali a contatto con neonicotinoidi. “Anche a concentrazioni più basse di quelle letali, tali sostanze agiscono sull’olfatto e contribuirebbero al calo della popolazione globale di questi insetti operosi”, spiega il professor Albrecht Haase, coordinatore…
Testate