A Melbourne il miele si produce sui tetti del centro

23 luglio 2012 - disinfestazione

A Melbourne il miele si produce sui tetti del centro

A Melbourne, capitale del Victoria in Australia, le api si sono trasferite in città. Con il progetto Melbourne City Rooftop Honey si mira, infatti, a dare “nuova casa” ai 40 sciami di api mellifere, colonie selvatiche che sono state salvate dallo sterminio durante la primavera e l’estate e non sarebbero sopravvissute ai mesi invernali. Gli alveari – oggi già 500 – sono stati installati sui tetti di bar, ristoranti, alberghi e giardini privati dei vincoli del centro città o nei quartieri periferici, dove una squadra di volontari del Melbourne Beekeepers Club si dedica al loro mantenimento quotidianamente, grazie anche alle donazioni della comunità. Ci sono già 300 persone in lista d’attesa per partecipare attivamente al progetto!

 

L’obiettivo degli apicoltori è quello di far tornare le api sui tetti della città e nei sobborghi di Melbourne per contribuire a salvare la specie dalle varie minacce di malattie e di insediamenti umani, che nel corso degli anni hanno provocato il suo drastico declino.  

 

L’ape svolge un ruolo decisivo nella sostenibilità della catena di approvvigionamento alimentare, in quanto è la chiave per l’impollinazione delle colture agricole, che producono, in ultima analisi, una considerevole percentuale del cibo che quotidianamente arriva sulle nostre tavole. Con il crollo delle api da miele nel 2007 però, un grave rischio minaccia l’equilibrio naturale.  L’impatto potenzialmente devastante di parassiti esotici come l’acaro Varroa rappresenta una minaccia significativa per le api da miele – che in Australia, nello specifico – sono fondamentali per circa il 65 per cento della produzione agricola, prevalentemente di mandorle, mele, pere e ciliegie.

 

Alcuni dei benefici dell’apicoltura urbana sono: una grande degustazione di miele che è unico per ciascun sito, prodotti locali a km zero e più verde per la città di Melbourne. Oggi la filosofia del Melbourne City Rooftop Honey si sta diffondendo anche nelle città di Parigi, Londra, Toronto, San Francisco e New York City, dove è in crescita l’apicoltura urbana.

 

Per maggiori informazioni: http://rooftophoney.com.au/ o la pagina Facebook di Melbourne City Rooftop Honey.

“Disinfestando”, è boom

“Disinfestando”, è boom

16 marzo 2017 - disinfestazione

La quinta edizione di “Disinfestando 2017”, l’Expo-conference del settore della disinfestazione professionale da poco conclusasi a Rimini, ha raggiunto un risultato che assegna alle attività di pest control le dimensioni che effettivamente rivestono nella economia del nostro Paese. In attesa di dati più precisi e dettagliati, che saranno disponibili nella analisi per categoria ed attività, oggi i numeri (circa 2000…
Moria di api: uno studio dell’Università di Trento

Moria di api: uno studio dell’Università di Trento

07 marzo 2017 - Articoli

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2017) Un avanzato studio del Laboratorio di Neurofisica dell’Università di Trento “entra nel cervello” delle api e ne svela le dinamiche comportamentali a contatto con neonicotinoidi. “Anche a concentrazioni più basse di quelle letali, tali sostanze agiscono sull’olfatto e contribuirebbero al calo della popolazione globale di questi insetti operosi”, spiega il professor Albrecht Haase, coordinatore…
Geoztonline.it: un applicativo geografico a supporto della sorveglianza dei casi di malattia da vettore in Emilia-Romagna

Geoztonline.it: un applicativo geografico a supporto della sorveglianza dei casi di malattia da vettore in Emilia-Romagna

06 marzo 2017 - Articoli

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2017) L’introduzione di nuove specie, la globalizzazione e il cambiamento climatico sono solo alcuni dei fattori che contribuiscono all’aumento del rischio sanitario di trasmissione di arbovirus in Italia. L’utilizzo di protocolli standardizzati per la prevenzione e per l’attuazione di interventi straordinari e tempestivi nel caso di malattie importate sono fondamentali per ridurre il rischio di…
Testate