Ospedali: per consumare di meno e risparmiare, fateli più “verdi”

21 ottobre 2010 - news

Ospedali: per consumare di meno e risparmiare, fateli più “verdi”

Come ridurre del 10% i costi energetici delle strutture sanitarie? Semplice: trasformandoli in chiave più “verde”.

A dirlo è la ricerca «Innovazione e sostenibilità ambientale e finanziaria in Sanità», attuata dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e presentata ieri durante il convegno «Salute al futuro», organizzato da «Il Sole-24 Ore» assieme all’università romana e al gruppo farmaceutico Abbott. Il gruppo farmaceutico – che in Italia ha puntato su investimenti mirati alla riduzione dell’impatto ambientale – ha presentato anche il suo primo «Citizenship report».

In Italia  – è emerso – circa il 50% del costo del Servizio sanitario nazionale è attribuibile al servizio ospedaliero, con i costi per l’energia che incidono per il 5-6% del totale. Secondo i ricercatori della Cattolica ben il 20% dell’energia termica usata per la climatizzazione, l’illuminazione, la produzione di acqua calda sanitaria, la sterilizzazione, il diffuso impiego di dispositivi diagnostici e terapeutici e la produzione di rifiuti speciali – che ammonta a circa l’80% del totale utilizzato,  viene completamente sprecata in perdite, dovute a inefficienze gestionali e alla vetusta età dei macchinari.

Un punto critico risulta essere proprio quello dei rifiuti sanitari, i cui costi di smaltimento aumentano del 10% l’anno: nel 2008 si è arrivati a toccare i 183,6 milioni di euro. «Basti pensare – ha spiegato Walter Ricciardi, direttore dell’Istituto di Igiene della Cattolica – che le case di cura private, che hanno una maggiore attenzione ai costi, producono la metà della quantità di rifiuti prodotta dagli ospedali pubblici». Lo studio propone una strategia in 10 punti: tra questi, prevedere un «environmental management» per garantire lo scambio di best practice ecosostenibili; puntare su risparmio energetico e idrico; creare focus group anti sprechi; formazione; incentivi ed ecocostruzioni.

Laconico il commento di Giovanni Monchiero, presidente della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere: «Il tema della sostenibilità ambientale in sanità è stato trascurato. La scelta dei materiali monouso, per esempio, è stata fatta anni fa senza una vera valutazione sull’impatto a lungo termine, sia in termini di costi, sia di reale efficacia. I margini di miglioramento ci sono, ma bisogna prima di tutto intervenire su normative che vanno nella direzione opposta».

A Forum Pa premiate le “Best Practice Patrimoni Pubblici”

A Forum Pa premiate le “Best Practice Patrimoni Pubblici”

27 maggio 2016 - facility management

Una collaborazione per gestire il patrimonio dell’Azienda sanitaria locale, una per riqualificare una strada di cento chilometri, un’altra per valorizzare il patrimonio dei borghi italiani: sono solo alcuni esempi di “Best Practice” in cui pubblico e privato hanno cooperato per la valorizzazione o la gestione di patrimoni immobiliari urbani e territoriali pubblici. Il “PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI” , collegato…
Slovenia: mercato pubblico delle pulizie 2015-2016

Slovenia: mercato pubblico delle pulizie 2015-2016

27 maggio 2016 - imprese & dealers

In Slovenia tra maggio 2015 e aprile 2016 sono stati assegnati tramite gare europee 111 appalti pubblici di pulizie, per un valore complessivo di aggiudicazione di 22,5 milioni di euro. Gli appalti si concentrano tra Ljubljana e Jesenice: queste due località insieme coprono infatti il 70% delle gare aggiudicate e oltre la metà dell’importo complessivo. L’appalto di maggior valore è…
Glifosato, nuovo rinvio del voto da parte della Commissione UE

Glifosato, nuovo rinvio del voto da parte della Commissione UE

26 maggio 2016 - disinfestazione

Per la seconda volta la Commissione Ue non riesce ad ottenere l’appoggio dei governi per rinnovare l’autorizzazione all’uso del glifosato, l’erbicida più famoso al mondo. Commentando il nuovo rinvio del voto inizialmente atteso il 19 maggio, Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace Italia, dichiara: “Un atto dovuto, dal momento che la Commissione ha continuato a ignorare le preoccupazioni…
Testate