Lavoro irregolare e sicurezza

25 Gennaio 2019 - imprese & dealers

Lavoro irregolare e sicurezza

Attenzione al lavoro irregolare, ma anche alla sicurezza e alle violazioni in materia di lavoro e legislazione sociale: d’ora in avanti potrebbero costare ancora più caro. Al comma 445 dell’art. 1 della Legge di Bilancio 145/18 (per il 2019), sono previste una serie di misure finalizzate  a “rafforzare l’attività di  contrasto  del  fenomeno del lavoro sommerso e irregolare e la tutela  della  salute  e  della sicurezza nei luoghi di lavoro:  diversi provvedimenti mirano a rafforzare l’organico e le capacità di vigilanza dell’Inl – Ispettorato nazionale del lavoro, che viene autorizzato ad un piano straordinario di assunzioni di personale prevalentemente ispettivo fino al 2021 e reso destinatario di fondi ad hoc.

Sommerso e sicurezza sempre più cari
Ma la novità più consistente è quella prevista alla lettera d), ove si legge: “gli importi delle sanzioni in  materia  di  lavoro  e legislazione sociale sono aumentati nella misura di seguito indicata:

1) del 20 per cento per quanto riguarda gli importi  dovuti  per la  violazione connesse direttamente al lavoro sommerso/irregolare (disposizioni  di  cui   all’articolo   3   del decreto-legge 22 febbraio 2002, n. 12, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 aprile  2002,  n.  73,  all’articolo  18  del  decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, all’articolo  12  del  decreto legislativo 17 luglio 2016, n. 136, e all’articolo 18-bis, commi 3  e 4, del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66).

2) del 10 per cento per quanto riguarda gli importi  dovuti  per la violazione delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro (di  cui  al  decreto  legislativo  9 aprile 2008, n. 81, sanzionate in via amministrativa o penale);

3) del 20 per cento per quanto riguarda gli importi  dovuti  per la violazione  delle  altre  disposizioni  in  materia  di  lavoro  e legislazione sociale, individuate con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali.  Alla lettera    e), inoltre, si prevede che “le  maggiorazioni  sono  raddoppiate  ove,   nei   tre   anni precedenti, il datore di lavoro sia stato  destinatario  di  sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti”.

Le nuove sanzioni
Far lavorare “in nero”, insomma, potrebbe davvero costare salatissimo: si tenga presente che già le attuali sanzioni, previste dal Dl 12/02 (art. 3), sono molto pesanti: da 1.500 a 9.000 euro per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore sino a 30 giorni di effettivo lavoro; da 3.000 a 18.000 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore da 31 sino a 60 giorni di effettivo lavoro; infine, da 6.000 a 36.000 euro per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore oltre 60 giorni di effettivo lavoro. Cifre già aumentate del 20% se le violazioni riguardano minori non ancora in età lavorativa. E che oggi potrebbero crescere ancora fino al 40%.

I chiarimenti dell’Inl
Intanto arrivano dall’Inl – Ispettorato Nazionale del Lavoro, con circolare n. 2 del 14 gennaio  2019, le prime indicazioni operative: “Gli importi sanzionatori indicati dalla legge di bilancio sono da intendersi sin da subito aumentati e applicabili in relazione a condotte temporalmente riferibili al 2019. A titolo esemplificativo, pertanto, l’importo sanzionatorio “base” previsto in relazione alla occupazione di un lavoratore in “nero” – vale a dire la sanzione amministrativa “da € 1.500 a € 9.000 per ciascun lavoratore irregolare, in caso di impiego del lavoratore sino a trenta giorni di effettivo lavoro” – è pari ad una somma da € 1.800 a € 10.800”.

Link legge di Bilancio 2019

Link Circolare Inl 2/19

 

Quel pulito che fa epoca…

Quel pulito che fa epoca…

22 Febbraio 2019 - imprese & dealers

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2019) Oggi la pulizie e l’igiene sono date per scontate, almeno nel mondo occidentale. Ma non è stato sempre così. Almeno secondo il giornalista e influencer americano Steve Berlin Johnson, autore di “How we got to now”. Insieme a vetro, segnatempo, freddo, registrazione dei suoni e illuminazione, l’autore annovera anche il “pulito” fra le sei…
Regolamento sull’etichettatura degli aspirapolvere

Regolamento sull’etichettatura degli aspirapolvere

22 Febbraio 2019 - imprese & dealers

Afidamp (Associazione Fabbricanti Italiani di Macchine, Attrezzature , Prodotti per la pulizia professionale) ha interpellato la Commissione Europea circa le misure da adottare da parte di fabbricanti/distributori in seguito all’annullamento del Regolamento 665/2013 sull’etichettatura degli aspirapolvere. L’8 novembre 2018 il Tribunale dell’Unione Europea ha annullato il Regolamento Delegato (UE) n. 665/2013 della Commissione nella sua interezza (causa T-544/13 RENV). L’annullamento…
Ecolabel UE, consultazione online

Ecolabel UE, consultazione online

21 Febbraio 2019 - imprese & dealers

La Commissione Europea ha aperto una consultazione online sul futuro del marchio Ecolabel UE. L’indagine, coordinata dall’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna di Pisa, ha l’obiettivo di individuare le opportunità per aumentare la diffusione del marchio Ecolabel UE, concentrandosi sui gruppi di prodotti e di servizi che possono contribuire ulteriormente all’affermazione di questa certificazione. I consumatori, i titolari di licenze…
Testate