Indagine AfidampFAB sul fatturato dell’industria nel cleaning professionale 2016

04 luglio 2017 - Articoli

Indagine AfidampFAB sul fatturato dell’industria nel cleaning professionale 2016

Complessivamente il settore del professional cleaning nel 2016 ha registrato un fatturato di  1.644.458.287€, segnando un lieve incremento (+2%) rispetto ai   1.608.155.604 € del 2015. Una crescita più timida rispetto all’anno precedente (era del 7 per cento), ma pur sempre una crescita, che lascia ben sperare per il prossimo futuro.

Le macchine, dopo l’exploit dell’anno precedente, in cui segnavano un trionfante +11% di fatturato, presentano un 2016 all’insegna della staticità, senza oscillazioni nei ricavi.

Stabilità è la parola chiave un po’ per tutte le famiglie del cleaning, con lievi variazioni dallo 0 al 4% ed una sola eccezione:  la categoria accessori e ricambi auto, che vola con un +20%.Le percentuali rispecchiano il trend rilevabile anche dal dato 2016 sul Pil, che resta in territorio positivo ma con lievissime oscillazioni (dal +0,8% al +0,9%).

Dopo la fase più acuta delle crisi, a partire dal 2012, per i produttori del comparto del  professional cleaning, la situazione è rientrata lentamente tornata nella normalità. In particolare, a partire dal 2013, tutti gli indici hanno iniziato a segnare una crescita, rimasta costante da quattro anni a questa parte.

DATI GLOBALI

Composizione percentuale del fatturato totale:

  • le macchine, in termini di fatturato, rappresentano il 33% del totale produzione, con 518.959.201 €
  • i prodotti chimici il 13% con 208.987.992 €
  • le attrezzature il 4%,con 478.006 €
  • la carta, settore tissue destinato all’uso professionale, il 33% con 551.906.497€
  • fibre e panni il 2% con 28.455.342 €
  • accessori e ricambi macchine il 5%, con 85.487.832 €
  • altri prodotti l’11% con 181.183.416 €

Esportazione e mercati esteri

Così come nel 2015, dall’esportazione deriva il 53% del fatturato. Nel dettaglio, il totale fatturato del mercato estero è pari a  867.686.898€.

Il 39 % del fatturato complessivo derivante dall’esportazione è prodotto dalle macchine (in calo di un punto percentuale), seguite dalla carta con il 34% (+1%), da altri prodotti  con l’11% (dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici ad aria calda, batterie e caricabatterie, spazzole e dischi) e dalle attrezzature con il 5%. I prodotti chimici sono storicamente destinati al mercato interno e rappresentano solo il 4% del totale export.Come ogni anno, il comparto macchine, si conferma quello dalla maggiore vocazione internazionale, con un fatturato che per ben il  65% deriva dai mercati esteri (stessa percentuale del 2015). A seguire, le attrezzature con il 61% (in calo di 2 punti) e  gli accessori e ricambi macchine con il 62% di fatturato. I mercati di riferimento restano, in particolare, l’Europa, l’Asia ed il Medio Oriente.

Mercato interno

Il fatturato totale del mercato interno è pari a 776.771.389€ e segna una crescita del 3% (nel 2015 segnava un +9).Il mercato interno è guidato, come l’anno precedente, dalla carta, con il 33% del totale del fatturato, seguita dalle macchine con il 24%. Al terzo posto troviamo i chimici con il 22%, seguiti da altri prodotti con l’11%, accessori e i ricambi per le macchine con il 4% ed infine attrezzature e fibre e i panni con il 3%.

Ufficio Stampa & Comunicazione Afidamp

Qualità dell’aria, il ruolo del CVI in sanità

Qualità dell’aria, il ruolo del CVI in sanità

18 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) La qualità dell’aria è importantissima in sanità: l’inquinamento degli ambienti confinati costituisce un fattore determinante per la salute, ed è un rischio non tenerlo presente. Ecco perché diventa strategica la figura del CVI (Certified Ventilation Inspector), promossa da Aiisa. Questo professionista ha il compito di valutare la salute igienica dei sistemi aeraulici. Si attende…
Logistica sanitaria, il caso di Estar Toscana

Logistica sanitaria, il caso di Estar Toscana

16 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) Razionalizzazione, efficientamento, riorganizzazione infrastrutturale: sono alcuni degli ingredienti del modello logistico di Estar, per garantire il massimo della personalizzazione a un sistema sanitario regionale in continua trasformazione. Tra i vantaggi: la riduzione dei costi, il “filo diretto” fra struttura sanitaria ed ente di supporto, la riduzione delle scorte e lo snellimento delle procedure. CLICCARE…
Tornano i seminari Ale- Fondazione SNS

Tornano i seminari Ale- Fondazione SNS

13 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) Dopo il successo delle prime tre edizioni delle 5 giornate di Milano, riparte il 13 aprile 2018 il ciclo di seminari organizzato da ALE – Associazione Lombarda Economi e Provveditori della Sanità assieme alla Fondazione Scuola Nazionale Servizi. Il ciclo di quest’anno è reso possibile grazie a Camst, Ecosì, Randstad, Sogesi e UnipolSai. Media…
Testate