Il cleaning fa “più 5”

04 Luglio 2018 - imprese & dealers

Il cleaning fa “più 5”

Dati Afidamp, crescono mercato interno ed export

Come ogni estate arrivano puntuali i dati dell’indagine fatturato AfidampFAB,(Associazione dei Fabbricanti Italiani di Macchine, Prodotti e Attrezzi per la Pulizia Professionale e l’Igiene degli ambienti)  che continuano a fornire decisi segnali positivi.In particolare, il volume complessivo si attesta a 1.732.270.093 di euro nel 2017, con una crescita di 5 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Si conferma quindi la buona salute già rilevata dalle precedenti indagini, in particolare grazie alla forte crescita dei produttori di macchinari, che registrano un +6%, e alla crescita dell’11% degli “altri prodotti”, categoria che include dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici/aria calda, batterie e caricabatteria, spazzole e dischi trascinatori, prodotti non classificabili.

Positivi anche i dati relativi agli altri settori: +15% per accessori e ricambi macchine, +4% per fibra e panni, +4% per la carta, +2% per le attrezzature. In leggera flessione solo il comparto delle aziende chimiche che fa segnare un -0,4%. I dati confermano pertanto l’andamento positivo che aveva visto l’intero settore in ripresa e una crescita, nel 2015-2016 del 7%. In particolare il mercato italiano fa registrare, nel 2017 una crescita del 6% rispetto all’anno precedente e un fatturato globale di 824.316.477 euro, mentre i dati relativi all’esportazione mostrano un incremento del 5% con un fatturato totale di 907.953.616 euro.

Tutto il mercato settore per settore
Più nel dettaglio: le macchine, in termini di fatturato, rappresentano il 32% del totale produzione, con 550.069.546 euro; i prodotti chimici il 20% con 208.119.305 euro; le attrezzature il 4%, con 70.795.880 euro; la carta destinata all’uso professionale il 33% con 573.479.302 euro; fibre e panni il 2% con 30.218.082 euro; accessori e ricambi macchine il 6%, con 98.320.260 euro; altri prodotti l’11% con 201.267.718 euro.

Vola l’export
Significativi i dati relativi all’esportazione. Nel 2017 la movimentazione verso mercati stranieri pesa per il 52% sul fatturato globale, con un incremento del 5% rispetto all’anno precedente. Il fatturato globale da esportazione è di 907.953.616 euro, grazie soprattutto alle macchine, che incidono per il 40% con una crescita del 7% rispetto all’anno precedente.

Segue la carta con il 33%, e altri prodotti con l’11% (dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici ad aria calda, batterie e caricabatterie, spazzole e dischi), gli accessori e ricambi macchine con il 6% e le attrezzature con il 5%. I prodotti chimici, storicamente destinati al mercato interno, rappresentano il 4% del totale export. Il comparto macchine si riconferma quello con maggiore presenza internazionale, con un fatturato realizzato per il 65% all’estero.

Quel pulito che fa epoca…

Quel pulito che fa epoca…

22 Febbraio 2019 - imprese & dealers

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2019) Oggi la pulizie e l’igiene sono date per scontate, almeno nel mondo occidentale. Ma non è stato sempre così. Almeno secondo il giornalista e influencer americano Steve Berlin Johnson, autore di “How we got to now”. Insieme a vetro, segnatempo, freddo, registrazione dei suoni e illuminazione, l’autore annovera anche il “pulito” fra le sei…
Regolamento sull’etichettatura degli aspirapolvere

Regolamento sull’etichettatura degli aspirapolvere

22 Febbraio 2019 - imprese & dealers

Afidamp (Associazione Fabbricanti Italiani di Macchine, Attrezzature , Prodotti per la pulizia professionale) ha interpellato la Commissione Europea circa le misure da adottare da parte di fabbricanti/distributori in seguito all’annullamento del Regolamento 665/2013 sull’etichettatura degli aspirapolvere. L’8 novembre 2018 il Tribunale dell’Unione Europea ha annullato il Regolamento Delegato (UE) n. 665/2013 della Commissione nella sua interezza (causa T-544/13 RENV). L’annullamento…
Ecolabel UE, consultazione online

Ecolabel UE, consultazione online

21 Febbraio 2019 - imprese & dealers

La Commissione Europea ha aperto una consultazione online sul futuro del marchio Ecolabel UE. L’indagine, coordinata dall’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna di Pisa, ha l’obiettivo di individuare le opportunità per aumentare la diffusione del marchio Ecolabel UE, concentrandosi sui gruppi di prodotti e di servizi che possono contribuire ulteriormente all’affermazione di questa certificazione. I consumatori, i titolari di licenze…
Testate