PCHS®: risparmi fino a 457 milioni per la sanità

26 Ottobre 2020 - sanità

PCHS®: risparmi fino a 457 milioni per la sanità

Anche e soprattutto in tempi di COVID-19 la resistenza antimicrobica continua a essere motivo di grave preoccupazione per tutte le organizzazioni sanitarie. Il Centro Ricerche CERGAS dell’Università Bocconi di Milano assieme al Centro Ricerche CIAS dell’Università di Ferrara e il Dipartimento di Medicina dell’Università di Udine, hanno sviluppato un modello econometrico per valutare i cambiamenti attesi nella spesa degli ospedali italiani per il trattamento farmacologico delle infezioni associate all’assistenza (HAI) e la relativa resistenza ai farmaci (AMR) nell’ipotesi di utilizzo dell’innovativo sistema di sanificazione PCHS® rispetto ai metodi di pulizia e sanificazione tradizionali basati su disinfettanti chimici.

Lo studio, recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Pathogens conferma che l’impiego del sistema di sanificazione PCHS® negli ambienti ospedalieri potrebbe ridurre drasticamente i tassi di HAI e AMR senza costi aggiuntivi per i sistemi sanitari. Inoltre, l’introduzione del Sistema di sanificazione PCHS® nei reparti per acuti degli ospedali italiani come pratica di sanificazione rispetto a quella tradizionale a base di disinfettanti chimici, nell’arco dei prossimi 5 anni potrebbe portare a risparmi fino a 457 milioni di euro, 320 milioni di euro solo di farmaci antimicrobici per trattare le ICA.

“In particolare in questi mesi di grande emergenza il ruolo dell’igiene in ambito ospedaliero per la riduzione della trasmissione infettiva è di fondamentale importanza. La sanificazione tradizionale basata su sostanze chimiche è di limitata efficacia nel tempo in quanto non riesce a prevenire la ricontaminazione dei patogeni sulle superfici trattate; inoltre l’uso così massiccio di disinfettanti chimici per le sanificazioni in particolare in questo periodo, ha certamente un elevato impatto ambientale e può contribuire alla selezione di agenti patogeni resistenti” commenta Filippo Barbieri, responsabile Sviluppo ed Innovazione di COPMA.

COPMA, azienda tra i leader nel campo della sanificazione, ha ideato, in collaborazione con il Centro Ricerche CIAS dell’Università di Ferrara, l’innovativo sistema di sanificazione PCHS® (Probiotic Cleaning Hygiene System) basato su detergenti eco-sostenibili contenenti selezionate spore di Bacillus che integra diversi fattori fra i quali una tecnica di attivazione specifica per la competizione biologica, l’uso di specifici materiali in microfibra e un controllo microbiologico del risultato del processo. Questo innovativo sistema di sanificazione garantisce l’ottenimento di una bassa e stabile nel tempo carica potenzialmente patogena. A partire dai dati raccolti precedentemente dalla ricerca multicentrica SanIca già oggetto di diverse pubblicazioni scientifiche e condotta in sei differenti ospedali italiani e con il coinvolgimento di cinque Università (Ferrara, Udine, Pavia, Messina e Bocconi), è stato condotto un nuovo studio con l’obiettivo di confrontare il sistema PCHS® verso i disinfettanti chimici convenzionali per valutare la riduzione delle ICA e la loro gravità, le relative antibiotico-resistenze e i costi nell’ipotesi del suo utilizzo negli ospedali italiani.

“I risultati di questo nuovo studio hanno confermato che il Sistema PCHS® è in grado di diminuire gli agenti patogeni sulle superfici ospedaliere fino al 90% rispetto alla sanificazione tradizionale che utilizza disinfettanti chimici senza indurre la selezione di ceppi resistenti ai farmaci. Lo studio ha anche dimostrato una riduzione del 52% delle HAI, un abbattimento dei geni di resistenza antimicrobica fino al 99%, una riduzione del consumo di farmaci antimicrobici del 51% con una riduzione dei costi associati del 79%” – conclude Filippo Barbieri.

www.copma.it

www.pchs.it

 

Assosistema Confindustria chiede priorità al vaccino per i lavoratori in appalto in sanità

Assosistema Confindustria chiede priorità al vaccino per i lavoratori in appalto in sanità

15 Gennaio 2021 - sanità

La richiesta di equiparare i lavoratori in appalto nelle strutture sanitarie pubbliche al personale sanitario nella somministrazione del vaccino contro il Covid-19 arriva congiuntamente da Assosistema e dai sindacati Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil  che scrivono ai Ministri Speranza e Boccia e al Presidente della Conferenza regioni Bonaccini. L’obiettivo è quello di considerare, nella priorità della campagna vaccinale,…
L’Operosa con TWT Solar System migliora l’igiene e l’ambiente

L’Operosa con TWT Solar System migliora l’igiene e l’ambiente

13 Gennaio 2021 - sanità

La TWT stringe un’importante collaborazione con L’Operosa, per la fornitura di attrezzature e carrelli Solar System presso alcuni degli innumerevoli cantieri, che l’impresa di Facility Management gestisce su tutto il territorio nazionale. L’Operosa, certificata ECOLABEL che vanta una consolidata esperienza nel settore delle pulizie e di igiene sui posti di lavoro, particolarmente specializzata nelle procedure di sanificazione e prevenzione delle…
Dagli ospedali alle aziende: lampade a tecnologia UV-C germicida

Dagli ospedali alle aziende: lampade a tecnologia UV-C germicida

13 Gennaio 2021 - sanità

di Andrea Foppoli Nel 1942, a Philadelphia, uno scienziato di nome William F. Wells fece installare delle lampade UV-C nelle classi della Germantown Friends School per combattere un’epidemia di morbillo tra i bambini. In questo modo si poteva sanificare l’aria mentre gli alunni seguivano le lezioni con il risultato che nelle classi senza lampade ultraviolette il tasso di infezione superò…
Testate