La gestione dei servizi di pulizia in ambito sanitario

01 Giugno 2020 - sanità

La gestione dei servizi di pulizia in ambito sanitario

Anche quest’anno Afidamp ha tenuto la consueta lezione al Master di II Livello in Pianificazione, Programmazione e Progettazione dei Sistemi Ospedalieri e Socio-Sanitari, al Politecnico di Milano. Un tema caldissimo, ora che siamo ancora in emergenza Covid, quello della progettazione degli ambienti sanitari in vista di una sanificazione il più possibile efficace.

 L’emergenza sanitaria di questi mesi ci ha lasciato una lezione importante. Igiene e sanificazione sono la leva per la nostra salvaguardia dalla diffusione di molte malattie. Certamente questa non è una novità, ma molti se ne sono resi conto quando hanno dovuto adottare misure straordinarie per proteggere dal rischio di contrarre il Covid-19 se stessi e gli altri. A farne le spese, in particolare, le strutture sanitarie (ospedali e RSA), dove il rischio di diffusione del virus è sempre stato alto e, in alcune regioni d’Italia, altissimo. Intervenire fin dalle fasi iniziali, lo abbiamo compreso, significa permettere di salvare delle vite umane.

Sappiamo, infatti, che in un ambiente pulito e sanificato la ricrescita dei microbi e la diffusione delle malattie è più difficile. Per questo Afidamp collabora da diversi anni con Master di II Livello in Pianificazione, Programmazione e Progettazione dei Sistemi Ospedalieri e Socio-Sanitari, proprio per informare sull’importanza di una progettazione architettonica delle strutture che consenta di poter pulire e sanificare in maniera più veloce ed efficace.

L’argomento è stato affrontato il 28 maggio scorso nel corso della lezione, su piattaforma digitale, sul tema La gestione dei servizi di pulizia in ambito sanitario: prodotti, tecnologie, innovazioni e costi”, introdotta dalla relazione di Stefania Verrienti, segretario nazionale di Afidamp, che ha proprio sottolineato come si sia passati, in poche settimane, dalla difficoltà di far comprendere quanto fosse importante la sanificazione che purtroppo è spesso considerata solo un costo, all’utilizzo incondizionato di questi giorni della parola sanificazione vista come una panacea.

Bene, certamente, che ora la sanificazione sia considerata con maggiore serietà. Ma non dimentichiamo che spesso pulire, e sanificare, è reso complicato dalla disposizione degli spazi. Intervenire correttamente fin dall’inizio permetterebbe a tutti di lavorare meglio e in condizioni più sicure, in particolare in ambito socio-sanitario. Come? Privilegiando alcuni materiali, scegliendo quelli più semplici da pulire e da manutenere; predisponendo gli spazi in modo più adeguato per il passaggio delle macchine e dei panni di pulizia; rendendo più semplice l’intervento dell’operatore di pulizia.

Alla lezione hanno partecipato anche diverse aziende associate Afidamp che hanno portato il proprio contributo, spiegando, ognuna per il proprio settore di appartenenza (macchinari, panni, prodotti chimici) come si può intervenire per migliorare la fase di progettazione, non perdendo di vista alcuni concetti base e permettendo anche di risparmiare notevolmente sui costi di manutenzione successivi.

www.afidamp.it

Mascherine “generiche”: da UNI i requisiti e i metodi di prova

Mascherine “generiche”: da UNI i requisiti e i metodi di prova

06 Luglio 2020 - sanità

Sono state pubblicate il 1 luglio oggi le UNI/PdR 90:2020 frutto della collaborazione tra UNI Ente Italiano di Normazione e il Politecnico di Torino per la definizione dei requisiti prestazionali e dei metodi di prova delle mascherine generiche. Ora e molto probabilmente anche nei prossimi mesi, le mascherine di comunità continueranno a ricoprire un ruolo fondamentale nella quotidianità di tutti…
Covid-19, al 15 giugno 1.999 contagi sul lavoro in più rispetto al 31 maggio

Covid-19, al 15 giugno 1.999 contagi sul lavoro in più rispetto al 31 maggio

26 Giugno 2020 - sanità

Dal quinto report sulle infezioni da Covid-19 di origine professionale, elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail, emerge un incremento di 1.999 casi rispetto al monitoraggio del 31 maggio. Tra i settori più colpiti dopo la sanità ci sono i servizi. Alla data del 15 giugno i casi segnalati all’Inail sono 49.021, 1.999 in più rispetto ai 47.022 rilevati dal monitoraggio…
Covid-19, i dirigenti Rekeep donano il 20% degli stipendi di marzo e aprile

Covid-19, i dirigenti Rekeep donano il 20% degli stipendi di marzo e aprile

16 Giugno 2020 - sanità

255 euro in buoni spesa destinati dal Gruppo Rekeep ai dipendenti impegnati in ambito sanitario. Un gesto di solidarietà e vicinanza, nato dal contributo dei Dirigenti del Gruppo che hanno scelto di destinare il 20% dei propri stipendi dei mesi di marzo e aprile ad un fondo, successivamente integrato dalla Società, con l’obiettivo di premiare i circa 5.200 lavoratori Rekeep…
Testate