Sacchetti ortofrutta: Il Fatto Alimentare risponde cercando di fare chiarezza

11 gennaio 2018 - industria & gdo

Sacchetti ortofrutta: Il Fatto Alimentare risponde cercando di fare chiarezza

La questione dei sacchetti per l’ortofrutta, che dal 1° gennaio 2018 devono essere compostabili e i supermercati devono far pagare al consumatore, ha occupato molto spazio nei giornali e anche nei social, ed è diventata oggetto di dibattito politico. Certo l’argomento non è semplicissimo, per questo abbiamo cercato di rispondere alle domande più frequenti che sono arrivate in redazione.

I sacchetti per la frutta e la verdura di plastica si devono pagare?

Sì.  La normativa obbliga i negozianti e le catene di supermercati a vendere questi sacchetti realizzati con materiale compostabile e biodegradabile, con uno spessore inferiore ai 15 micron, indicando l’importo sullo scontrino.

Sono previste sanzioni ?

Sì. Chi non applica la normativa rischia sanzioni da 2.500 a 25.000 €, fino a 100.000 in caso di ingenti quantitativi.

Quanto costano?

Il prezzo di vendita al pubblico viene stabilito liberamente da ogni punto catena. Fonti accreditate ci hanno confermato  che i supermercati pagano i nuovi sacchetti 2 centesimi circa. Una recentissima circolare varata nel mese di dicembre 2017 dal Ministero dello sviluppo economico dà però la possibilità  di rivenderli sottocosto a 1 centesimo.

Ci sono dati sul prezzo di vendita  delle varie insegne?

Secondo la  rilevazione realizzata da Il Fatto Alimentare con l’aiuto dei lettori in 46 insegne, il 50% circa dei negozi vende  i sacchetti sottocosto a 1 centesimo, mentre l’altra metà li propone a 2 centesimi, riversando così l’intero prezzo di acquisto sulla clientela.

È vero che alcuni supermercati il 2 gennaio hanno annunciato un prezzo superiore ai 2 centesimi e poi lo hanno ridotto?

Sì. Diverse catene si sono adeguate ai prezzi della concorrenza e hanno abbassato il prezzo annunciato per non fare brutte figure con la clientela

A quanto ammonta la spesa annuale di una famiglia di 3 persone?

Il valore oscilla da 4 a 8 euro circa. Si arriva a 12 se si fa la spesa nei pochi supermercati che vendono i sacchetti a 3 centesimi

Si pagano anche quelli usati nel banco pesce e gastronomia o carne?

Sì. Il prezzo a volte lievita perché i sacchetti hanno uno spessore e una resistenza maggiore e costano di più.

Si possono usare i sacchetti di carta?

Certamente. Il problema è che costano molto di più, ma il supermercato può decidere di distribuirli gratis. Alcune realtà  hanno optato per questa soluzione. Così facendo la spesa per l’acquisto rientra nelle spese generali, come quella per i guanti di plastica del reparto ortofrutta.

Si possono portare da casa borse a rete o altre buste?

No, per un problema di ordine igienico. È buona regola evitare che borse o buste sporche venano introdotte  all’interno del supermercato contaminando bilance e altra frutta.

Ma il Ministero della salute ha detto il contrario?

Il Ministero della salute il 4 gennaio 2018 ha dichiarato che sarà possibile portare da casa i sacchetti, ma solo se si tratta di buste monouso biodegradabili e per alimenti. C’è da chiedersi quale sia la convenienza per un consumatore nel portare da casa  sacchetti monouso per alimenti quando al supermercato costano 1 o 2 centesimi. I sacchetti si possono anche acquistare su Amazon o Ebay o da un grossista ma ad un prezzo decisamente superiore.

Ci sono altri motivi?

Sì, nel caso di contaminazioni serie o di eventi avversi sarebbe problematico stabilire la responsabilità dell’eventuale contaminazione. Ipotizzando una grave contaminazione rilevata nell’insalata conservata nel frigorifero di casa, diventa difficile stabilire le responsabilità se il sacchetto non è quello del punto vendita . Se invece il contenitore (ancora integro e non aperto) è quello del supermercato la soluzione è più semplice.

C’è anche una questione di tara?

Sì. Le bilance dei supermercati sono tarate in modo da sottrarre dal peso di frutta e verdura la tara del sacchetto (4 -6 g circa). La scelta di usare contenitori portati da casa impedirebbe il calcolo corretto della tara.

Pesando frutta e verdura senza sacchetto, viene sottratta la tara e il conteggio finale del prezzo non è esatto

Si può pesare la frutta di piccolo calibro e la verdura  senza usare il sacchetto?

La scelta di pesare frutta e verdura senza sacchetto pone qualche problema. Quando si mettono arance, mele o pere… sul piatto della bilancia il visore sottrae automaticamente dal peso totale i 4-6 g della tara, e quindi se non si usa il sacchetto l’importo da pagare risulta inferiore al dovuto. L’altro motivo è che in alcune catene di supermercati la bilancia è preimpostata in modo da aggiungere ad ogni pesata il prezzo del sacchetto (1-2 centesimi).

I nuovi sacchetti si  possono utilizzare per il rifiuto organico e umido di casa?

Sì. L’unico problema sollevato a diversi  consumatori è che i sacchetti a volte sono delicati e si rompono facilmente. La resistenza non dipende dalla materia prima ma dallo spessore. Alcune catene per spendere meno riducono i micron e le buste risultano più delicate. Basterebbe pagare qualche frazione di centesimo in più al produttore per ottenere buste più resistenti facili da riutilizzare anche per l’umido domestico.

Ma allora posso fare a meno di comprare i sacchetti per l’umido?

Sì. Nelle città dove si pratica la raccolta differenziata dell’organico le famiglie comprano le buste al supermercato pagandole circa 10 centesimi. D’ora in poi si potranno usare i sacchetti dell’ortofrutta che costano 1-2 centesimi. Facendo bene i conti l’operazione potrebbe risolversi anche con un vantaggio economico.

Fonte: Il Fatto Alimentare 9 gennaio 2018

Consiglio di Stato: si possono usare i  bioshopper portati da casa

Consiglio di Stato: si possono usare i bioshopper portati da casa

06 aprile 2018 - igiene urbana

II Consiglio di Stato  ha dato via libera all’uso di bioshopper monouso nuovi per frutta e verdura portati da casa o comprati altrove quando si fanno acquisti al supermercato o dal fruttivendolo. I consumatori potranno usare anche contenitori alternativi alle buste in plastica, purché idonei a contenere frutta e verdura. Il caso era scoppiato a gennaio, dopo l’ingresso nel decreto…
23° Osservatorio del mercato detergenti di Federchimica Assocasa

23° Osservatorio del mercato detergenti di Federchimica Assocasa

21 marzo 2018 - industria & gdo

Si è svolto il 15 marzo scorso l’Osservatorio del mercato dei detergenti e dei prodotti per la casa, appuntamento ormai tradizionale per il settore della detergenza italiana.Il Presidente di Assocasa, Giorgio Dal Prato, ha introdotto la presentazione dei dati dell’Osservatorio: in questa edizione si confermano graduali segnali di miglioramento, che portano il 2017 a chiudere in una sostanziale stabilità. Il…
Ad Amsterdam,il primo supermercato del mondo senza plastica

Ad Amsterdam,il primo supermercato del mondo senza plastica

09 marzo 2018 - igiene urbana

E’ possibile un supermercato con prodotti “plastic-free”, senza plastica? Ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, è possibile. Nella città olandese, infatti, ha aperto il primo reparto al mondo di un supermercato in cui, in oltre settecento prodotti esposti di vario genere tutti di materiale “compostabile” o vetro e metalli, non viene utilizzata in alcun modo la plastica. Si tratta di un…
Testate