“I metodi biologici nell’IPM”

05 Dicembre 2018 - disinfestazione

“I metodi biologici nell’IPM”

Lo scorso 27 novembre presso l’Hotel Palatino di Roma, per iniziativa di ANID, si è svolto un interessante convegno sul tema “I metodi biologici nell’IPM: giornata specialistica sulla gestione Integrata degli infestanti (mosche e acari) negli allevamenti, agriturismi, industrie alimentari, discariche, compostaggi”.

Si è trattato di un approfondimento molto interessante, che ha visto, dopo l’introduzione di Marco Benedetti, presidente ANID, gli interventi di Gugliemo Pampiglione(consulente di Pest Management) sul tema “Prospettive future di IPM con metodi biologici”, di  Dino Scaravelli (docente dell’Università di Bologna) con “Approccio metodologico nel controllo biologico delle specie infestanti” e Luca Lombardi (esperto di IPM con metodi biologici) su “Strategie di gestione delle problematiche da infestanti con insetti utili”.

Il messaggio del convegno è stato chiaro: oggi c’è la necessità, per via delle normative sempre più stringenti e dell’urgenza di salvaguardare l’ambiente e la salute umana di “detossificarsi” nell’ambito delle attività di disinfestazione e di cambiare mentalità, orientandosi con decisione verso la lotta integrata e biologica, come avviene in campo agricolo. Non si tratta di un’operazione semplice e immediata, specie di fronte ai clienti, verso i quali serve un’azione di trasferimento delle conoscenze e di sensibilità da parte dei disinfestatori verso azioni di controllo più sostenibili.

Ma cosa si intende per lotta biologica? Essenzialmente una tecnica che sfrutta gli antagonismi degli esseri viventi presenti in natura, dove alcuni possono essere in grado di contenere o eliminare quelli più dannosi, nel complesso equilibrio dell’ecosistema e della sua gestione. Un equilibrio che viene messo in forte discussione in presenza di insediamenti (allevamenti, attività agricole) che devono produrre e dove si vengono a creare condizioni di maggiore proliferazione degli organismi dannosi, gli infestanti.

Nel corso dell’evento, quindi, sono state analizzate situazioni concrete in questo senso come la lotta alle mosche in allevamenti (bovini e ovini) e le conseguenti attività di lotta biologica tramite insetti utili (Spalangia e Muscidifurax), due parassitoidi innocui per l’uomo e per il bestiame, ma in grado di osteggiare le mosche o tramite un dittero (Ophyra aenescens) per combattere il medesimo infestante ma in allevamenti di suini in presenza di liquame. Interessanti anche gli approfondimenti sulla lotta al Pidocchio Rosso, il principale problema in contesti avicoli, che può essere combattuto con successo da un mix di acari predatori. Al convegno hanno partecipato oltre 130 persone.

www.disinfestazione.org

 

Parasitec Budapest 2019

Parasitec Budapest 2019

17 Aprile 2019 - disinfestazione

Parasitec Budapest 2019, esposizione internazionale delle tecnologie per il controllo dei parassiti, si terrà da giovedì 9 a venerdì 10 maggio 2019 presso HungExpo a pochi minuti dal centro di Budapest. Dopo Algeri, Madrid, Casablanca, Istanbul e, naturalmente, Parigi negli anni pari, questo evento internazionale è  molto atteso in tutta l’ Ungheria e in  Europa centrale trattandosi dell’’evento più importante…
Virus West Nile e Usutu, emanato il Piano di sorveglianza del Ministero della salute

Virus West Nile e Usutu, emanato il Piano di sorveglianza del Ministero della salute

15 Aprile 2019 - igiene urbana

Il ministero della Salute ha emanato la circolare Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2019 per richiamare l’applicazione di tutte le misure di prevenzione, sorveglianza e controllo dell’infezione da virus West Nile (WNV) su tutto il territorio nazionale. Come viene trasmesso il virus Il WNV viene trasmesso dalle zanzare, che vivono sia…
Sconfiggere l’acaro-killer delle api con il plasma freddo

Sconfiggere l’acaro-killer delle api con il plasma freddo

20 Marzo 2019 - disinfestazione

L’Acaro della varroa è considerato il vero è proprio killer degli alveari ed ha già messo in ginocchio molte aziende agricole che hanno investito nell’apicoltura, settore in cui l’Italia primeggia. Ora arriva una possibile svolta, grazie all’idea di una giovane start up di Perugia che potrebbe sconfiggere il pericoloso nemico delle api. La Convective Knowledge – giovane start up composta…
Testate