Chikungunya: casi a Roma, regione chiede a comune disinfestazione

13 settembre 2017 - disinfestazione

Chikungunya: casi a Roma, regione chiede a comune disinfestazione

Altri 4 casi di Chikungunya, dopo i 3 di Anzio, sono stati registrati a Roma, nel territorio della Asl Roma 2 e già notificati al sistema di sorveglianza.Nelle ultime ore sembra che si sia arrivati a 13 casi. La Regione Lazio ha fatto sapere che la Asl ha già indicato, per due volte, al Comune di Roma la necessità di procedere ad un “piano straordinario di disinfestazione” dalle zanzare sul territorio.
La Chikungunya porta febbre acuta e forti dolori alle ossa e alle articolazioni che spesso bloccano il paziente a letto. Non e’ la prima volta che accade in Italia, nell’agosto del 2007 sono stati notificati i primi casi autoctoni in Emilia Romagna, circa 250, e si registro’ anche un decesso.

Sara’ la disinfestazione ad abbattere la possibilita’ di nuovi contagi di Chikungunya ma un aiuto arrivera’ anche dall’arrivo delle temperature piu’ fredde, spiega Gianni Rezza, epidemiologo e direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanita‘. ”Quando ci sono dei focolai abbastanza maturi come quello di Anzio e’ possibile che si siano diffusioni di altri focolai, una situazione quindi abbastanza prevista come quella che si verificò dieci anni fa in Romagna, con la segnalazione di alcuni casi a casi a Bologna, alcuni a Ravenna e Rimini”, spiega Rezza. L’esperto ha ricordato che la malattia trasmessa dalle zanzare non e’ letale ma provoca febbre e dolori alle ossa, tanto che viene per questo confusa, almeno in uno stadio iniziale con l’influenza. Le responsabili della trasmissione della Chikungunya sono le zanzare del genere Aedes, come Aedes aegypti (la stessa che trasmette la febbre gialla e la dengue).

Dopo una incubazione di 3-12 giorni, si manifestano dei sintomi simili all’influenzale: febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito e soprattutto importanti dolori alle articolazioni. Si risolve spontaneamente, in genere in pochi giorni, ma i dolori articolari possono persistere anche per mesi. Nei casi segnalati ad Anzio i pazienti hanno riferito la comparsa dei sintomi nel mese di agosto e nessuno di essi aveva viaggiato all’estero nei 15 giorni che hanno preceduto l’insorgenza dei sintomi.

Fonte Ansa

Il pest management mondiale si incontra in Portogallo a giugno

Il pest management mondiale si incontra in Portogallo a giugno

22 maggio 2018 - disinfestazione

Per la terza volta, il Global Summit  per la  disinfestazione, per la salute pubblica e la sicurezza alimentare torna in Europa a giugno. Il luogo è l’Hotel Miragem nella deliziosa località portoghese di Cascais, a soli 25 minuti di treno dalla capitale, Lisbona. Dalla sera di lunedì 4 giugno fino a mercoledì 6 giugno i delegati avranno la possibilità di…
“Gestione sostenibile delle zanzare invasive nel progetto Life Conops”

“Gestione sostenibile delle zanzare invasive nel progetto Life Conops”

14 maggio 2018 - disinfestazione

Nelle giornate di lunedì 16 e martedì 17 Aprile si è svolto il convegno finale del Progetto Life Conops (http://www.conops.gr/?lang=it ) dal titolo “Gestione sostenibile delle zanzare invasive nel progetto LIFE CONOPS” tenutosi presso la sala 20 Maggio 2012 nella Terza Torre della regione Emilia-Romagna. Il progetto europeo Life Conops, che vedrà la sua conclusione a novembre 2018, ha sviluppato…
Zanzara tigre: l’obiettivo è la prevenzione

Zanzara tigre: l’obiettivo è la prevenzione

10 maggio 2018 - disinfestazione

Le larve della zanzara tigre si sviluppano nell’acqua (Foto: Laboratorio biologico dell’Appa Bolzano) Da alcuni anni il Laboratorio biologico dell’Agenzia provinciale per l’ambiente di Bolzano si occupa della zanzara tigre monitorando lo sviluppo della sua presenza in Alto Adige. Il monitoraggio avviato nel 2013 mostra una presenza crescente dell’insetto e dai campionamenti emerge che il numero medio di uova negli…
Testate