Lidl elimina la plastica monouso entro il 2019

09 luglio 2018 - industria & gdo

Lidl elimina la plastica monouso entro il 2019

Lidl Italia, azienda tra i leader della GDO, ha annunciato che entro la fine del 2019 toglierà dagli scaffali di tutti gli oltre 600 punti vendita i prodotti monouso in plastica come bicchieri, piatti e posate. Al loro posto verranno introdotte soluzioni realizzate con materiali alternativi o riciclabili, che Lidl Italia sta studiando in stretta collaborazione con i propri fornitori, come già fatto da diverso tempo per i bastoncini cotonati. In un secondo momento, inoltre, l’Insegna eliminerà le posate e le cannucce in plastica presenti nei piatti pronti e nelle bevande to go, convertendole in versioni più sostenibili.

“Le parole chiave che contraddistinguono la nostra strategia per diminuire l’uso di plastica sono tre: Evitare, Ridurre, Riciclare. Rimuovendo la plastica monouso dal nostro assortimento contribuiamo a ridurre la nostra impronta plastica”, dichiara Eduardo Tursi, Amministratore Delegato Acquisti di Lidl Italia. “Questa misura infatti consentirà all’Azienda di risparmiare circa 2.000 tonnellate di plastica all’anno, l’equivalente dei rifiuti plastici prodotti in un anno da oltre 57.000 persone in Italia e pari a ben 1.500 metri cubi.”

Lidl Italia ha in programma di esaurire i quantitativi delle referenze usa e getta già acquistati e di passare poi gradualmente ad inserire a scaffale soluzioni alternative. In questo modo i clienti continueranno a trovare in punto vendita i prodotti abituali, rispondenti alle loro esigenze.

Numerose sono le iniziative per ridurre l’utilizzo di plastica che Lidl Italia ha già intrapreso: un esempio virtuoso è il recupero delle plastiche da imballo che l’Azienda trasforma ogni anno in nuova materia prima da riutilizzare. E la Catena proseguirà nello sviluppo di nuove azioni che le permetteranno di raggiungere l’obiettivo del meno 20% di plastica entro il 2025. Così l’AD Acquisti Tursi: “Stiamo studiando diverse misure e informeremo i nostri clienti passo dopo passo su tutte le novità ed i cambiamenti che implementeremo. In particolare nel packaging dei nostri prodotti si prospettano diverse soluzioni, al momento in fase test, che potranno davvero fare la differenza.”

www.lidl.it

Lidl è presente in Italia da più di 25 anni. Ad oggi, può contare su una rete di più di 600 punti vendita in 19 regioni che occupano oltre 14.000 collaboratori. Il rifornimento quotidiano dei negozi è garantito da 10 piattaforme logistiche dislocate sul territorio nazionale. Attualmente, oltre l’80% dei prodotti offerti dall’insegna è prodotto in Italia.

Unes presenta la nuova private label Green Oasis

Unes presenta la nuova private label Green Oasis

13 giugno 2018 - industria & gdo

Dopo il “Viaggiator goloso” arriva un’altra intuizione geniale di Unes, stavolta nel settore della detergenza, con una nuova linea all’insegna della qualità e del rispetto dell’ambiente e della persona. Per realizzarla, Unes si è rivolta a un produttore professionale che conosciamo bene, un vero pioniere nel campo della sostenibilità e del rispetto per l’uomo e l’ambiente: l’azienda magentina Icefor, che…
Tork PaperCircle® riceve due Interclean Innovation Awards 2018

Tork PaperCircle® riceve due Interclean Innovation Awards 2018

17 maggio 2018 - hotel & catering

Il 15 maggio, durante la cerimonia di apertura di Interclean ad Amsterdam, sono stati annunciati gli Interclean Innovation Awards 2018. Tork PaperCircle, il primo servizio al mondo per il riciclaggio di asciugamani in carta, ha ricevuto i primi premi nella categoria “Management, training solutions and related products“ e nel prestigioso “Visitors Choice”. Tork PaperCircle aiuta le aziende a ridefinire la…
Consiglio di Stato: si possono usare i  bioshopper portati da casa

Consiglio di Stato: si possono usare i bioshopper portati da casa

06 aprile 2018 - igiene urbana

II Consiglio di Stato  ha dato via libera all’uso di bioshopper monouso nuovi per frutta e verdura portati da casa o comprati altrove quando si fanno acquisti al supermercato o dal fruttivendolo. I consumatori potranno usare anche contenitori alternativi alle buste in plastica, purché idonei a contenere frutta e verdura. Il caso era scoppiato a gennaio, dopo l’ingresso nel decreto…
Testate