Appalti di pulizie più “verdi”, soldi pubblici risparmiati

08 Febbraio 2013 - imprese & dealers

Appalti di pulizie più “verdi”, soldi pubblici risparmiati

Appalti di pulizie più “verdi” nella pubblica amministrazione? Regione e Provincia non hanno dubbi: le nuove norme (decreto ministeriale del 24 maggio 2012), che impongono criteri maggiormente ispirati alla sostenibilità ambientale, comporteranno anche un risparmio del 20 per cento rispetto alle spese attuali. In altre parole: soldi pubblici risparmiati. Lo hanno dichiarato il consigliere regionale di Pordenone Franco Dal Mas, e il consigliere provinciale, nonchè sindaco di Porcia, Stefano Turchet, intervenendo in rappresentanza degli enti di appartenenza al convegno organizzato all’auditorium cittadino della Regione dalla Tecno Clean di Cordenons. Il tema: i nuovi Cam (criteri ambientali minimi) imposti dal ministero dell’Ambiente alle pubbliche amministrazioni nei bandi per i servizi di pulizia e per la fornitura di prodotti per l’igiene.

“A Pordenone – ha dichiarato Turchet -, pur territorio fortemente industrializzato, c’è una grande sensibilità per l’ambiente. Ma tocca a noi amministratori farci garanti. Questa norma ci agevolerà, fungendo da esempio per i privati”. Mentre Dal Mas ha sottolineato che “alla fine, a prescindere dai risparmi per le casse pubbliche derivanti dall’utilizzare prodotti e servizi più ecologici, chi ne trarrà vantaggio saranno i cittadini e la loro salute. E questo è l’aspetto più importante”. Portando l’esperienza di un’azienda pubblica è intervenuto sull’argomento anche il presidente dell’Atap, Mauro Vagaggini: “Le certificazioni ambientali, in una società come la nostra, potrebbero rappresentare un aspetto vincente nella prossima gara per il trasporto pubblico”.

L’organizzatore, Luigi Vazzoler, titolare della Tecno Clean, azienda di punta del territorio nell’ambito dei sistemi di pulizia e della sanificazione industriale, ha invece fatto sapere che grazie alla nuova normativa, “nel 2013 almeno il 50 per cento delle gare dovranno essere “ecologiche”. Noi siamo pronti, avendo sempre basato la nostra attività sulla sostenibilità ambientale”. Ma le novità quali sviluppi porteranno nel settore in genere? Uno dei relatori, Gianni De Togni (Scuola Nazionale Servizi), ha risposto: “Indurranno le aziende a puntare maggiormente su innovazioni e ricerca, al fine di aumentare le performance ambientali, garantendo la medesima, se non una migliore, qualità del servizio”. Sono intervenuti pure Daniele Cantagalli, collaboratore di Federchimica-Assocasa,  Andrea Loro Piana, amministratore delegato di Falpi srl e Antonio Incrocci, product manager di Fimap.    

 

Covid-19: rapporto Iss-Inail sull’uso dell’ozono per la sanificazione

Covid-19: rapporto Iss-Inail sull’uso dell’ozono per la sanificazione

05 Agosto 2020 - sanità

Lo studio, elaborato da ricercatori di entrambi gli Enti e ora online sul portale dell’Istituto, fornisce le evidenze tecnico – scientifiche disponibili sull’utilizzo del gas ossidante nell’attuale contesto epidemico.  Un gruppo di lavoro composto da ricercatori Iss-Inail ha elaborato il documento “Focus on: utilizzo professionale dell’ozono anche in riferimento al COVID-19. Versione del 23 luglio 2020”, con l’obiettivo di fornire…
EPM lancia Scuole Virusfree,  per le sanificazioni  a supporto delle scuole

EPM lancia Scuole Virusfree,  per le sanificazioni  a supporto delle scuole

04 Agosto 2020 - sanità

Affiancare le scuole nella gestione dei rischi legati al Covid-19 sia con soluzioni legate alla sanificazione degli ambienti, sia con l’introduzione di procedure create su misura per le strutture educative. Nasce con questo approccio Scuole Virusfree il programma di EPM (http://www.epmservizi.com) a supporto della riapertura delle scuole in linea con i protocolli sanitari. EPM fa parte del gruppo imprenditoriale fondato…
GBAC STAR™, programma creato da una divisione di ISSA, scelto da Italian Exhibition Group

GBAC STAR™, programma creato da una divisione di ISSA, scelto da Italian Exhibition Group

31 Luglio 2020 - imprese & dealers

Dopo il successo ottenuto negli USA, il programma GBAC STAR™, creato dal Global Biorisk Advisory Council, una divisione di ISSA, ottiene il primo importante riconoscimento da parte dell’Italian Exhibition Group che ha iniziato il programma di accreditamento per i quartieri fieristici di Rimini e Vicenza. Il programma di accreditamento GBAC STAR™ si basa sull’approccio del sistema di gestione della qualità,…
Testate