“Made Green In Italy”: dal 13 giugno in vigore il regolamento di attuazione

07 giugno 2018 - igiene urbana

“Made Green In Italy”: dal 13 giugno in vigore il regolamento di attuazione

Il Ministero dell’Ambiente comunica che è’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29 maggio il Regolamento per l’attuazione dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell’impronta ambientale dei prodotti, denominato Made Green in Italy, adottato dal Ministro dell’Ambiente lo scorso 21 marzo. Il provvedimento entra in vigore il 13 giugno 2018.

Previsto dal Collegato ambientale (Legge 28 dicembre 2015, n. 221) nel quadro delle iniziative di promozione della green economy, il Made Green Italy rappresenta uno strumento per incrementare la competitività del  sistema produttivo italiano nel contesto della crescente domanda di prodotti a elevata qualificazione ambientale sui mercati nazionali e internazionali.

Il Made Green Italy utilizza la metodologia per la determinazione dell’impronta ambientale dei prodotti (PEF) definita nella Raccomandazione 2013/179/UE della Commissione Europea del 9 aprile 2013.L’impronta ambientale di un prodotto (inteso come “bene” o “servizio”, secondo la Norma ISO 14040:2006 sulla metodologia Lca – Life Cycle Assessement ) è una misura fondata su una valutazione multi-criterio delle prestazioni ambientali di un prodotto, analizzato lungo tutto il suo ciclo di vita, ed è calcolata principalmente al fine di ridurre gli impatti ambientali di tale bene o servizio considerando tutte le attività della catena di fornitura, dall’estrazione delle materie prime, attraverso la produzione e l’uso, fino alla gestione del fine-vita.

 

Nasce Plastic Radar per segnalare i rifiuti in plastica nei nostri mari

Nasce Plastic Radar per segnalare i rifiuti in plastica nei nostri mari

26 giugno 2018 - igiene urbana

Greenpeace  ha lanciato Plastic Radar, un servizio per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie dei mari italiani. Attraverso il sito plasticradar.greenpeace.it sarà possibile consultare i risultati e scoprire quali sono le tipologie di imballaggi più comuni nei mari italiani, a quali categorie merceologiche appartengono, se sono in plastica usa e…
CCNL: Legacoop Produzione e Servizi, Utilitalia e Cisambiente firmano accordo igiene ambientale

CCNL: Legacoop Produzione e Servizi, Utilitalia e Cisambiente firmano accordo igiene ambientale

25 giugno 2018 - facility management

Legacoop Produzione e Servizi, insieme a Cisambiente-Confidustria, ha sottoscritto il 19 giugno 2018, il contratto nazionale “Servizi Ambientali”, aggiungendosi così al tavolo del contratto siglato nel 2016 da Utilitalia. E’ la prima volta che Legacoop Produzione e Servizi sottoscrive un contratto del settore, in conseguenza ad una scelta fatta insieme alle cooperative del comparto, ed è la prima volta che…
Economia circolare, via libera da Parlamento Ue

Economia circolare, via libera da Parlamento Ue

24 aprile 2018 - igiene urbana

Approvato il 18 aprile scorso in via definitiva dal Parlamento europeo il pacchetto sull’economia circolare. L’accordo, in sintesi, prevede il 65% di riciclaggio dei rifiuti solidi urbani al 2035, con target intermedi del 55% al 2025 e 60% al 2030. Per gli imballaggi, invece, si prevedono target del 65% al 2025 e del 70% al 2030, con due sotto-obiettivi per…
Testate