Dussmann è di nuovo Company to Watch

03 Dicembre 2018 - imprese & dealers

Dussmann è di nuovo Company to Watch

Dopo il premio ritirato la prima volta nel 2015, Dussmann Service si conferma anche nel 2018 azienda tra i leader delle Imprese di pulizie e disinfezione e guadagna un posto in classifica tra le Società del settore, passando da terza a seconda classificata.

Cerved Group ha attribuito a Dussmann Service il riconoscimento “Company to Watch 2018” come azienda di riferimento nel settore imprese di pulizie e disinfezione sia a livello di performance economico-finanziarie sia nelle modalità di esecuzione del business.Si tratta della seconda volta per Dussmann, che aveva già ritirato il riconoscimento nel 2015.Il premio è stato consegnato da Arianna Ferrario Area Manager Divisione Marketing Solutions e da Rosita Delli Santi, Global Account Marketing Solutions, e ritirato da Renato Spotti, Amministratore Delegato Dussmann Service.

dav

I fattori di successo che hanno motivato il conferimento del premio sono l’offerta di una gamma ampia e integrata di servizi in un’ottica di facility management, il presidio dell’intero territorio nazionale, la costante attenzione verso lo studio e lo sviluppo di nuove metodologie di lavoro, le partnership strategiche con grandi clienti pubblici e privati e la cultura della certificazione.
“L’ottenimento per la seconda volta di questo importante riconoscimento è motivo di orgoglio e soddisfazione  per tutti i nostri collaboratori. È inoltre uno stimolo per la Società a proseguire nel suo percorso di crescita con nuove linee di servizio e in nuovi segmenti di mercato” ha dichiarato Spotti. 

Oltre che nel settore delle pulizia e della sanificazione, Dussmann è attiva anche nei settori della ristorazione collettiva, sicurezza e reception, sterilizzazione ferri chirurgici e servizi di manutenzione impiantistica.La società eroga servizi per clienti pubblici e privati rivolgendosi a tutti i diversi segmenti di mercato, soprattutto nel settore della sanità pubblica e nel settore trasporti, in particolare per la pulizia di materiale rotabile.

La società, che si avvale di oltre diciassettemila addetti, nel 2017 ha registrato un fatturato in aumento che ha superato i 446 Milioni di euro.Fiore all’occhiello di Dussmann è il concept di sostenibilità chiamato Dussmann EcoSystem che prevede la sensibilizzazione del personale sulle tematiche ambientali, la riduzione e l’eliminazione dell’utilizzo di materiali pericolosi per l’ambiente, l’analisi di prodotti e procedure affinché siano ecologicamente compatibili, un programma efficiente per la salute e la sicurezza. L’azienda è certificata per la qualità, con l’integrazione HACCP, la responsabilità sociale, la sicurezza sui luoghi di lavoro e l’ambiente.

www.dussmann.it

Quel pulito che fa epoca…

Quel pulito che fa epoca…

22 Febbraio 2019 - imprese & dealers

(Tratto da GSA n.1, gennaio 2019) Oggi la pulizie e l’igiene sono date per scontate, almeno nel mondo occidentale. Ma non è stato sempre così. Almeno secondo il giornalista e influencer americano Steve Berlin Johnson, autore di “How we got to now”. Insieme a vetro, segnatempo, freddo, registrazione dei suoni e illuminazione, l’autore annovera anche il “pulito” fra le sei…
Regolamento sull’etichettatura degli aspirapolvere

Regolamento sull’etichettatura degli aspirapolvere

22 Febbraio 2019 - imprese & dealers

Afidamp (Associazione Fabbricanti Italiani di Macchine, Attrezzature , Prodotti per la pulizia professionale) ha interpellato la Commissione Europea circa le misure da adottare da parte di fabbricanti/distributori in seguito all’annullamento del Regolamento 665/2013 sull’etichettatura degli aspirapolvere. L’8 novembre 2018 il Tribunale dell’Unione Europea ha annullato il Regolamento Delegato (UE) n. 665/2013 della Commissione nella sua interezza (causa T-544/13 RENV). L’annullamento…
Ecolabel UE, consultazione online

Ecolabel UE, consultazione online

21 Febbraio 2019 - imprese & dealers

La Commissione Europea ha aperto una consultazione online sul futuro del marchio Ecolabel UE. L’indagine, coordinata dall’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna di Pisa, ha l’obiettivo di individuare le opportunità per aumentare la diffusione del marchio Ecolabel UE, concentrandosi sui gruppi di prodotti e di servizi che possono contribuire ulteriormente all’affermazione di questa certificazione. I consumatori, i titolari di licenze…
Testate