Puliamo il mondo da rifiuti e pregiudizi, Legambiente: 600 mila volontari

05 Ottobre 2018 - igiene urbana

Puliamo il mondo da rifiuti e pregiudizi, Legambiente: 600 mila volontari

Un fine settimana ambientalista per pulire il mondo dai rifiuti e per spazzare via i pregiudizi, convinti che un mondo migliore passa dal recupero delle città e delle piazza dai rifiuti ma anche da relazioni di comunità che mettono insieme le persone. Perché si è cittadini del territorio se quel territorio lo si cura in prima persona. Questo il messaggio che la campagna ambientalista di Legambiente ha lanciato quest’anno con “puliamo il mondo” che è diventata anche “puliamo il mondo dai pregiudizi” e ha visto la partecipazione di 35 associazioni cattoliche e laiche.

Lo scorso fine settimana si è svolto un appuntamento di volontariato ambientale che in tutta Italia ha ripulito piazza, strade e periferie dai rifiuti e una tre giorni, spiega Legambiente, “per ribadire il proprio no ai pregiudizi e alle discriminazioni e per incentivare l’abbattimento di ogni tipo di barriera, sensibilizzando i cittadini ad una maggiore inclusione sociale. Perché si è cittadini dei luoghi, chi di quei territori si preoccupa a prescindere dalla nazionalità e dal passaporto”.

La maratona ambientalista ha coinvolto oltre 600 mila volontari di tutte le età, etnie e religioni, tante scuole, amministrazioni locali e aziende, insieme a migranti, persone senza fissa dimora e a 35 associazioni cattoliche e laiche che hanno voluto costituire uno speciale comitato promotore di Puliamo il Mondo dai pregiudizi. Sono state 4mila le località e 1600 i comuni che sono stati coinvolti dal Nord al Sud della Penisola.

“Un mondo diverso è possibile solo se lo costruiamo tutti insieme, valorizzando ciò che ci differenzia e consolidando quello che ci accomuna. Ogni azione di Puliamo il Mondo – ha detto Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente – è un gesto che ci avvicina agli altri senza distinzioni di etnie, culture e religioni: un mondo migliore passa da un impegno collettivo”. L’associazione punta dunque su temi ambientali e sociali insieme. Spiega Ciafani: “In un periodo storico in cui si parla solo ed esclusivamente alla pancia cercando di alimentare paura e discriminazione, noi con Puliamo il Mondo vogliamo invece parlare al cuore e al cervello sottolineando l’importanza delle relazioni di comunità e dell’inclusione sociale”.

 

Virus West Nile e Usutu, emanato il Piano di sorveglianza del Ministero della salute

Virus West Nile e Usutu, emanato il Piano di sorveglianza del Ministero della salute

15 Aprile 2019 - igiene urbana

Il ministero della Salute ha emanato la circolare Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2019 per richiamare l’applicazione di tutte le misure di prevenzione, sorveglianza e controllo dell’infezione da virus West Nile (WNV) su tutto il territorio nazionale. Come viene trasmesso il virus Il WNV viene trasmesso dalle zanzare, che vivono sia…
Naturasì lancia il progetto Plastic free

Naturasì lancia il progetto Plastic free

10 Aprile 2019 - igiene urbana

Uno dei consumi ambientalmente più insostenibili è quello dell’acqua in bottiglie di plastica. Secondo i dati di Legambiente, sono oltre 8 miliardi le bottiglie in plastica vendute ogni anno nel nostro Paese. Gli italiani consumano, primi nel mondo, 206 litri di acqua in bottiglia pro capite l’anno, corrispondenti a 1 milione 165 mila tonnellate equivalenti di CO2 tra produzione e…
Premio EMAS Italia 2019

Premio EMAS Italia 2019

02 Aprile 2019 - igiene urbana

Il Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit e l’ISPRA, per dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS, intendono premiare quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo: a tal fine anche per il 2019 viene indetto il concorso per l’assegnazione del Premio EMAS Italia, importante iniziativa a livello nazionale nell’ambito della comunicazione ambientale. L’impegno in…
Testate