Walter Ricciardi a Forum Pulire 2020 ribadisce l’importanza della pulizia nella lotta alle malattie

23 Ottobre 2020 - sanità

Walter Ricciardi a Forum Pulire 2020 ribadisce l’importanza della pulizia nella lotta alle malattie

«La pulizia, insieme ai vaccini, è ciò che più in assoluto ha contribuito a ridurre le malattie». Questo il punto di vista del professore di Igiene e Medicina preventiva dell’Università Cattolica e membro dell’Executive Board dell’OMS: «Ci aspettano momenti drammatici, dobbiamo capire che igienizzare equivale a salvare delle vite». Nel corso dell’ultima giornata, dedicata al tema Progettare per il pulito, sono intervenuti anche Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva e Patty Olinger, Executive Director del Global Biorisk Advisory Council.

In conclusione dell’edizione del Forum PULIRE 2020 sul tema Progettare per il pulito è intervenuto il professore Walter Ricciardi: «Pulire e igienizzare significa salvare delle vite. La distanza di sicurezza, le mascherine e la ventilazione dei luoghi chiusi sono presìdi fondamentali che vanno utilizzati insieme alla pulizia per combattere il virus. Gli strumenti di sanificazione sono centrali già in tempi ordinari, in questo momento ancora di più. Anche perché non dobbiamo dimenticare che le vaccinazioni hanno fatto sparire solo il vaiolo, ciò che contribuisce a ridurre le malattie è l’igiene».  Ricciardi ha tracciato un quadro della situazione in questo momento di emergenza. “Siamo in una situazione in cui si può evitare un lockdown generale, ma per riuscirci servono lockdown locali su base metropolitana o a livello provinciale, per arrestare l’aumento dei casi. Questo virus ha mostrato una crescita lineare, con un’impennata brusca che porta al raddoppio improvviso dei casi in due o tre giorni. Se si arriva a quel punto diventa impossibile tracciarli”.

Ricciardi ha poi allargato il campo d’analisi: “Quello che è accaduto in questi mesi non ci ha insegnato l’importanza della pulizia; dopo il periodo acuto abbiamo dimenticato tutto. Ci vuole maggiore consapevolezza da parte della gente nell’affrontare il virus

A seguire l’intervento di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva il quale riprendendo il discorso di Ricciardi ha spiegato l’importanza di non tornare alla situazione pre-Covid-19 e che questa emergenza ha evidenziato la mancanza di interventi strutturali sulla prevenzione dei rischi. Le politiche adeguate  necessitano di una precisa rendicontazione. Basti pensare che nel Servizio Sanitario Nazionale sono stati investiti 2,5 miliardi di euro tra servizi territoriali ed emergenza Covid-19. Il Ministero voleva rendicontare i servizi, poi si è deciso di procedere all’erogazione rapida a causa dell’emergenza, ma in questo modo non sappiamo cosa sia accaduto una volta erogati i fondi – ha proseguito Gaudioso -. Sulla gestione delle risorse va prestata molta attenzione, anche in riferimento al Recovery Fund: sarà un debito che peserà sui nostri figli, quindi anche in quel caso andranno rendicontate le spese che serviranno per migliorare i servizi. Intanto il Covid-19 ha esaltato le differenze tra amministrazioni efficienti e altre che lo sono meno. L’esempio arriva dal Lazio, dov’è stato fatto un accordo per far analizzare i tamponi anche da soggetti privati a prezzi accettabili; in altre regioni, invece, è inaccettabile che per questo tipo di analisi si arrivi anche a oltre 80 euro. Così si mette in condizione il cittadino di dover scegliere tra il risparmio e un’azione diligente».

In conclusione, Patty Olinger, Executive Director – Global Biorisk Advisory Council (GBAC) divisione di ISSA, ed esperta di bio sicurezza e salute pubblica ha illustrato il programma di accreditamento GBAC STAR progettato per aiutare le strutture che ogni giorno accolgono un pubblico numeroso.  ” Il programma GBAC STAR ha, infatti, come obiettivo quello di fornire alle strutture gli strumenti e le conoscenze per stabilire e mantenere nel tempo dei programmi di miglioramento continuo delle procedure di pulizia, disinfezione e prevenzione di malattie infettive come il Sars-COV2.”

Al termine della sessione è stato illustrato anche il case study di Copma.

La scelta della piattaforma multimediale  di Forum Pulire Digital Event ha permesso di abbattere i confini geografici e linguistici, eliminando anche il limite di presenze legato agli spazi fisici in cui finora si erano svolte le precedenti edizioni. E così alla conclusione dell’ultima giornata di Forum Pulire 2020 Toni D’Andrea, CEO ISSA Pulire Network, ha fornito qualche dato su questa prima edizione digitale:  26 i paesi da cui si è connesso il pubblico, 12 mila invitati e più di 600 follower, 90 espositori  e 40 tra vip e stampa. Sfida superata!

Assosistema Confindustria chiede priorità al vaccino per i lavoratori in appalto in sanità

Assosistema Confindustria chiede priorità al vaccino per i lavoratori in appalto in sanità

15 Gennaio 2021 - sanità

La richiesta di equiparare i lavoratori in appalto nelle strutture sanitarie pubbliche al personale sanitario nella somministrazione del vaccino contro il Covid-19 arriva congiuntamente da Assosistema e dai sindacati Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil  che scrivono ai Ministri Speranza e Boccia e al Presidente della Conferenza regioni Bonaccini. L’obiettivo è quello di considerare, nella priorità della campagna vaccinale,…
L’Operosa con TWT Solar System migliora l’igiene e l’ambiente

L’Operosa con TWT Solar System migliora l’igiene e l’ambiente

13 Gennaio 2021 - sanità

La TWT stringe un’importante collaborazione con L’Operosa, per la fornitura di attrezzature e carrelli Solar System presso alcuni degli innumerevoli cantieri, che l’impresa di Facility Management gestisce su tutto il territorio nazionale. L’Operosa, certificata ECOLABEL che vanta una consolidata esperienza nel settore delle pulizie e di igiene sui posti di lavoro, particolarmente specializzata nelle procedure di sanificazione e prevenzione delle…
Dagli ospedali alle aziende: lampade a tecnologia UV-C germicida

Dagli ospedali alle aziende: lampade a tecnologia UV-C germicida

13 Gennaio 2021 - sanità

di Andrea Foppoli Nel 1942, a Philadelphia, uno scienziato di nome William F. Wells fece installare delle lampade UV-C nelle classi della Germantown Friends School per combattere un’epidemia di morbillo tra i bambini. In questo modo si poteva sanificare l’aria mentre gli alunni seguivano le lezioni con il risultato che nelle classi senza lampade ultraviolette il tasso di infezione superò…
Testate