Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

30 Giugno 2020 - Newsletter

Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

Dal 9 aprile scorso è in vigore il decreto legge 23/2020 (recante “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, cd decreto “Liquidità”), pensato ad hoc per contrastare la crisi che ha coinvolto e coinvolgerà molte imprese a seguito dell’emergenza Coronavirus. Come si ricorderà, fra l’altro, è stato rifinanziato il Fondo di Garanzia Sace.

Ora, da poco questo decreto è stato convertito in legge (legge n. 40 del 5 giugno scorso), e prevede la necessità di accordi sindacali, o almeno dell’impegno a stipularli, per diverse azioni nel caso in cui l’impresa voglia accedere all’interessante strumento delle garanzie Sace per i finanziamenti. La ratio, naturalmente, è quella di garantire l’occupazione, proprio gestendo i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali (art. 1, comma 2, lettera l).

Alcuni esempi riguardano licenziamenti individuali (anche per intimare il recesso individuale è dunque necessario l’accordo con le OO.SS.) e collettivi (in quest’ultimo caso vale quanto previsto dalla legge 223/91 e la tempistica in essa prevista), trasferimenti d’azienda (per imprese con oltre 15 dipendenti – con comunicazione preventiva, di almeno 25 giorni), contratti a termine, somministrazione e soprattutto cambio d’appalto in ambito privatistico: in quest’ambito è importante sottolineare che un’impresa il cui Ccnl di riferimento non ha clausola sociale con obblighi di consultazione sindacale in caso di cambio appalto perde un appalto in favore di un’altra azienda il cui Ccnl prevede la clausola, come nel caso del “Multiservizi”.  In ogni caso, con il riconoscimento della garanzia Sace scatta comunque l’obbligo di accordo sindacale prima di procedere al cambio d’appalto e all’eventuale subentro di altro soggetto.

Rientrano nel perimetro degli accordi sindacali, dunque, anche gli incrementi occupazionali che l’impresa vorrebbe attuare, come le nuove assunzioni a tempo indeterminato o a termine e l’impiego di somministrazione. A tale proposito sarebbe forse opportuno precisare i contorni normativi per evitare prevedibili contenziosi.

Rimangono alcuni dubbi anche in relazione alla rappresentatività dei sindacati chiamati in causa: quali sono le OO.SS. che devono essere coinvolte? L’articolo 1 comma 2 lettera l), lascia infatti aperta la possibilità della conclusione di accordi con qualsiasi organizzazione sindacale, anche non “comparativamente maggiormente rappresentativa”, in netto contrasto con quanto di norma avviene per stabilire la legittimità, ad esempio, dell’applicazione dei contratti collettivi nelle gare d’appalto di pulizia/ multiservizi/ servizi integrati: sono numerosi, come ben ricorderanno i più attenti, le sentenze e i pronunciamenti che intimano alle imprese del settore, accusate di concorrenza sleale, di applicare i CCNL siglati con le OO.SS. comparativamente più rappresentative. In questo caso, invece, il campo appare più ampio, comprendendo anche le sigle meno rappresentative.

Link decreto Liquidità

Legge 40/2020 (conversione)

 

 

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

30 Giugno 2020 - Newsletter

Come è noto il decreto Cura Italia, come integrato dal decreto Rilancio, prevede che dal 17 marzo 2020 fino alla scadenza del termine di cinque mesi il datore di lavoro non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo e non può, quindi, avviare le relative procedure di licenziamento. A tale proposito l’Inps, con messaggio 1° giugno 2020, n. 2261,…
Infortuni: responsabilità condivisa

Infortuni: responsabilità condivisa

30 Giugno 2020 - Newsletter

In fatto di sicurezza sul lavoro ciascuno, dal datore al singolo dipendente, ha i propri doveri e responsabilità. In questo senso suona importante la pronuncia della Cassazione Penale, Sez. 4, che con la recente sentenza n. 11958 del 10 aprile scorso ha ribadito che in materia di prevenzione antinfortunistica “si è passati da un modello iperprotettivo, interamente incentrato sulla figura…
Cambio appalto e “Cura Italia”

Cambio appalto e “Cura Italia”

30 Giugno 2020 - Newsletter

La disciplina del licenziamento, come è noto, ha subito delle variazioni a seguito dell’entrata in vigore del “cura Italia”, il Dl 18/2020 (che prevede il divieto dei licenziamenti riconducibili a esigenze aziendali per 60 giorni dall’entrata in vigore), e della sua conversione in legge con modificazioni (legge 27/2020): all’art. 46 del decreto legge si prevede di precludere alle imprese i…
Testate