Contratti a termine: problematica la deroga assistita

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Contratti a termine: problematica la deroga assistita

La disciplina del contratto a tempo determinato prevede, ai sensi dell’articolo 19, comma 3, del D. Lgs. n. 81/2015, la possibilità di stipulare, presso l’Ispettorato del Lavoro, in deroga al limite legale massimo di 24 mesi, un ulteriore contratto a tempo determinato della durata massima di 12 mesi (c.d. deroga assistita). A questo proposito l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (Inl), con c.a., nella nota “Requisiti per la stipula del contratto a termine assistito” del 17 settembre 2019, ha fornito precisazioni relativamente al cd. “contratto in deroga assistita”.

L’Ispettorato si è espresso in merito alla richiesta di parere in relazione all’ipotesi in cui sia presentata richiesta di stipula presso gli Uffici territoriali INL di un nuovo contratto a tempo determinato, ai sensi dell’art. 19, comma 3, del D. Lgs. 81/2015, qualora quest’ultimo non indichi le causali di cui al comma 1 del citato articolo 19 o non sia rispettoso del termine dilatorio di cui al comma 2 dell’art. 21.

Secondo l’INL “l’orientamento espresso dall’Ispettorato Interregionale di Milano, che ha deciso di non procedere alla stipula assistita di contratto in assenza di causale, appare conforme ai chiarimenti e alle precisazioni già forniti con circolari del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 13/2008 e n. 17/2018 e con nota di questo Ispettorato prot. n. 1214 del 7 febbraio 2019. Pertanto, sebbene l’intervento dell’Ispettorato del lavoro, come già precisato, non comporti effetti “certificativi” in ordine alla effettiva sussistenza della causale, limitandosi alla verifica della completezza e correttezza formale del contenuto del contratto ed alla genuinità del consenso del lavoratore alla sottoscrizione dello stesso, tuttavia non appare ammissibile il ricorso alla procedura laddove la causale manchi del tutto in contrasto con quanto disposto da norme imperative”.

“Allo stesso modo -conclude la nota INL- non si ritiene possibile procedere alla stipula assistita di un ulteriore contratto a tempo determinato in violazione dei termini dilatori di cui al secondo comma dell’art. 21”.

Circolare Inl 1/10/2019

 

 

 

 

Licenziamento, attenzione all’ “effetto-rappresaglia”

Licenziamento, attenzione all’ “effetto-rappresaglia”

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Attenzione alla superficialità nei licenziamenti: può costare molto cara. Vediamo prima i fatti, anche perché il caso è piuttosto frequente nel settore delle imprese di pulizia/ servizi integrati/ multiservizi: un dipendente, appena rientrato da oltre 7 mesi di assenza ininterrotta per malattia, senza nemmeno avere modo di riprendere il servizio si vede intimare il recesso motivato dalla soppressione del settore…
Aumento contributo Naspi: ci risiamo

Aumento contributo Naspi: ci risiamo

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Come è noto, il decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese” (c.d. decreto dignità), convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, introduce misure per favorire il contrasto al precariato e la limitazione dei contratti di lavoro a tempo determinato. In particolare, il decreto-legge citato ha ridotto a…
Agevolazioni: solo per contratti maggiormente rappresentativi

Agevolazioni: solo per contratti maggiormente rappresentativi

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Attenzione ai contratti siglati da associazioni datoriali e organizzazioni sindacali prive del requisito della rappresentatività in termini comparativi: chi li applica perde la possibilità di accedere i benefici e alle agevolazioni sulle assunzioni.  A mettere, per l’ennesima volta, i “puntini sulle I” è ’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), che con circolare n. 9 del 10 settembre scorso ha ribadito che,…
Testate