Contratti a termine: problematica la deroga assistita

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Contratti a termine: problematica la deroga assistita

La disciplina del contratto a tempo determinato prevede, ai sensi dell’articolo 19, comma 3, del D. Lgs. n. 81/2015, la possibilità di stipulare, presso l’Ispettorato del Lavoro, in deroga al limite legale massimo di 24 mesi, un ulteriore contratto a tempo determinato della durata massima di 12 mesi (c.d. deroga assistita). A questo proposito l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (Inl), con c.a., nella nota “Requisiti per la stipula del contratto a termine assistito” del 17 settembre 2019, ha fornito precisazioni relativamente al cd. “contratto in deroga assistita”.

L’Ispettorato si è espresso in merito alla richiesta di parere in relazione all’ipotesi in cui sia presentata richiesta di stipula presso gli Uffici territoriali INL di un nuovo contratto a tempo determinato, ai sensi dell’art. 19, comma 3, del D. Lgs. 81/2015, qualora quest’ultimo non indichi le causali di cui al comma 1 del citato articolo 19 o non sia rispettoso del termine dilatorio di cui al comma 2 dell’art. 21.

Secondo l’INL “l’orientamento espresso dall’Ispettorato Interregionale di Milano, che ha deciso di non procedere alla stipula assistita di contratto in assenza di causale, appare conforme ai chiarimenti e alle precisazioni già forniti con circolari del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 13/2008 e n. 17/2018 e con nota di questo Ispettorato prot. n. 1214 del 7 febbraio 2019. Pertanto, sebbene l’intervento dell’Ispettorato del lavoro, come già precisato, non comporti effetti “certificativi” in ordine alla effettiva sussistenza della causale, limitandosi alla verifica della completezza e correttezza formale del contenuto del contratto ed alla genuinità del consenso del lavoratore alla sottoscrizione dello stesso, tuttavia non appare ammissibile il ricorso alla procedura laddove la causale manchi del tutto in contrasto con quanto disposto da norme imperative”.

“Allo stesso modo -conclude la nota INL- non si ritiene possibile procedere alla stipula assistita di un ulteriore contratto a tempo determinato in violazione dei termini dilatori di cui al secondo comma dell’art. 21”.

Circolare Inl 1/10/2019

 

 

 

 

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

30 Giugno 2020 - Newsletter

Come è noto il decreto Cura Italia, come integrato dal decreto Rilancio, prevede che dal 17 marzo 2020 fino alla scadenza del termine di cinque mesi il datore di lavoro non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo e non può, quindi, avviare le relative procedure di licenziamento. A tale proposito l’Inps, con messaggio 1° giugno 2020, n. 2261,…
Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

30 Giugno 2020 - Newsletter

Dal 9 aprile scorso è in vigore il decreto legge 23/2020 (recante “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, cd decreto “Liquidità”), pensato ad hoc per contrastare la crisi che ha coinvolto e coinvolgerà molte imprese a seguito dell’emergenza Coronavirus. Come si ricorderà, fra l’altro, è stato rifinanziato il Fondo di Garanzia…
Infortuni: responsabilità condivisa

Infortuni: responsabilità condivisa

30 Giugno 2020 - Newsletter

In fatto di sicurezza sul lavoro ciascuno, dal datore al singolo dipendente, ha i propri doveri e responsabilità. In questo senso suona importante la pronuncia della Cassazione Penale, Sez. 4, che con la recente sentenza n. 11958 del 10 aprile scorso ha ribadito che in materia di prevenzione antinfortunistica “si è passati da un modello iperprotettivo, interamente incentrato sulla figura…
Testate