Contratti a termine: problematica la deroga assistita

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Contratti a termine: problematica la deroga assistita

La disciplina del contratto a tempo determinato prevede, ai sensi dell’articolo 19, comma 3, del D. Lgs. n. 81/2015, la possibilità di stipulare, presso l’Ispettorato del Lavoro, in deroga al limite legale massimo di 24 mesi, un ulteriore contratto a tempo determinato della durata massima di 12 mesi (c.d. deroga assistita). A questo proposito l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (Inl), con c.a., nella nota “Requisiti per la stipula del contratto a termine assistito” del 17 settembre 2019, ha fornito precisazioni relativamente al cd. “contratto in deroga assistita”.

L’Ispettorato si è espresso in merito alla richiesta di parere in relazione all’ipotesi in cui sia presentata richiesta di stipula presso gli Uffici territoriali INL di un nuovo contratto a tempo determinato, ai sensi dell’art. 19, comma 3, del D. Lgs. 81/2015, qualora quest’ultimo non indichi le causali di cui al comma 1 del citato articolo 19 o non sia rispettoso del termine dilatorio di cui al comma 2 dell’art. 21.

Secondo l’INL “l’orientamento espresso dall’Ispettorato Interregionale di Milano, che ha deciso di non procedere alla stipula assistita di contratto in assenza di causale, appare conforme ai chiarimenti e alle precisazioni già forniti con circolari del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 13/2008 e n. 17/2018 e con nota di questo Ispettorato prot. n. 1214 del 7 febbraio 2019. Pertanto, sebbene l’intervento dell’Ispettorato del lavoro, come già precisato, non comporti effetti “certificativi” in ordine alla effettiva sussistenza della causale, limitandosi alla verifica della completezza e correttezza formale del contenuto del contratto ed alla genuinità del consenso del lavoratore alla sottoscrizione dello stesso, tuttavia non appare ammissibile il ricorso alla procedura laddove la causale manchi del tutto in contrasto con quanto disposto da norme imperative”.

“Allo stesso modo -conclude la nota INL- non si ritiene possibile procedere alla stipula assistita di un ulteriore contratto a tempo determinato in violazione dei termini dilatori di cui al secondo comma dell’art. 21”.

Circolare Inl 1/10/2019

 

 

 

 

Decreto fiscale: negli appalti penalizzate le PMI

Decreto fiscale: negli appalti penalizzate le PMI

25 Novembre 2019 - Newsletter

Il DL 124/2019: ratio buona e giusta, conseguenze discutibili La chiamano già norma “blocca appalti”, è non è un caso: il decreto legge n. 124 dello scorso 26 ottobre, all’art. 4, pubblicato in GU Serie Generale n. 252- prevede l’estensione del regime del “reverse charge” anche alle ritenute fiscali dei dipendenti impegnati in appalti (e subappalti) di servizi. Messa così…
“Tutele crescenti”: in 4 anni è cambiato tutto

“Tutele crescenti”: in 4 anni è cambiato tutto

25 Novembre 2019 - Newsletter

Siamo alle solite. In Italia si fanno le leggi e poi, governo dopo governo, legislatura dopo legislatura, sentenza dopo sentenza, ognuno ci mette una pezza e alla fine, nemmeno dopo molto, ci si ritrova con un dettato normativo profondamente diverso rispetto a quello originario. A volte talmente tanto da tradirne addirittura lo spirito o, come dicono i più colti, la…
Videosorveglianza sul lavoro

Videosorveglianza sul lavoro

25 Novembre 2019 - Newsletter

Quello delle telecamere installate sul luogo di lavoro continua ad essere per le imprese un tema spinosissimo. Bandite dallo Statuto dei lavoratori (legge 300/1970), poi piano piano reintrodotte dalla prassi e dalle effettive esigenze di espletamento del servizio in determinati settori (si pensi ad esempio alla Grande Distribuzione Organizzata, a cui si riferisce nello specifico il pronunciamento europeo che vedremo),…
Testate