Cambio appalto e “Cura Italia”

30 Giugno 2020 - Newsletter

Cambio appalto e “Cura Italia”

La disciplina del licenziamento, come è noto, ha subito delle variazioni a seguito dell’entrata in vigore del “cura Italia”, il Dl 18/2020 (che prevede il divieto dei licenziamenti riconducibili a esigenze aziendali per 60 giorni dall’entrata in vigore), e della sua conversione in legge con modificazioni (legge 27/2020): all’art. 46 del decreto legge si prevede di precludere alle imprese i licenziamenti individuali per motivo oggettivo dal 17 marzo al 15 maggio 2020, mentre per i licenziamenti collettivi sono, altresì, sospese le procedure di riduzione del personale dopo il 23 febbraio.

In seguito alla conversione in legge è stata tuttavia inserita la previsione secondo cui si fanno salve “le ipotesi in cui il personale interessato dal recesso, già impiegato nell’appalto, sia riassunto a seguito di subentro di nuovo appaltatore”, così allentando la portata della previsione normativa precedente.  Insomma, i licenziamenti permessi, se ci atteniamo al testo, sarebbero soltanto quelli con immediata riassunzione.

Ma basta la semplice previsione di una clausola sociale per “liberare” il gestore uscente? E come si può avere certezza degli effettivi tempi di riassunzione? Qual è la distinzione di responsabilità fra l’appaltatore uscente, che intima il recesso, e il subentrante, che ha in capo l’onere della riassunzione? Con quale criterio è possibile vincolare la liceità di un licenziamento all’azione di un altro soggetto (il subentrante)? Tutte questioni ad oggi non risolte, e complicate ulteriormente dalla disciplina dei CCNL che, come il “Multiservizi”, già prevedono una “clausola sociale”: se optiamo per una lettura non letterale né a “comparti stagni” delle norme e della disciplina pattizia, sembra di poter affermare che la legittimità del recesso non sia vincolata all’effettiva riassunzione, ma che sia sufficiente la previsione delle clausole sociali. E che dunque i licenziamenti risultino legittimi anche senza dover attendere la riassunzione effettiva da parte dell’impresa che subentra nell’appalto.

DL “cura Italia”, 18/2020

Legge 27/20 di conversione

 

 

 

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

30 Giugno 2020 - Newsletter

Come è noto il decreto Cura Italia, come integrato dal decreto Rilancio, prevede che dal 17 marzo 2020 fino alla scadenza del termine di cinque mesi il datore di lavoro non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo e non può, quindi, avviare le relative procedure di licenziamento. A tale proposito l’Inps, con messaggio 1° giugno 2020, n. 2261,…
Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

30 Giugno 2020 - Newsletter

Dal 9 aprile scorso è in vigore il decreto legge 23/2020 (recante “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, cd decreto “Liquidità”), pensato ad hoc per contrastare la crisi che ha coinvolto e coinvolgerà molte imprese a seguito dell’emergenza Coronavirus. Come si ricorderà, fra l’altro, è stato rifinanziato il Fondo di Garanzia…
Infortuni: responsabilità condivisa

Infortuni: responsabilità condivisa

30 Giugno 2020 - Newsletter

In fatto di sicurezza sul lavoro ciascuno, dal datore al singolo dipendente, ha i propri doveri e responsabilità. In questo senso suona importante la pronuncia della Cassazione Penale, Sez. 4, che con la recente sentenza n. 11958 del 10 aprile scorso ha ribadito che in materia di prevenzione antinfortunistica “si è passati da un modello iperprotettivo, interamente incentrato sulla figura…
Testate