Aumento contributo Naspi: ci risiamo

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Aumento contributo Naspi: ci risiamo

Come è noto, il decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese” (c.d. decreto dignità), convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, introduce misure per favorire il contrasto al precariato e la limitazione dei contratti di lavoro a tempo determinato. In particolare, il decreto-legge citato ha ridotto a 12 mesi la durata massima del contratto a tempo determinato, anche in relazione al regime di somministrazione di lavoro, e a 24 mesi la durata massima dei medesimi rapporti intercorrenti fra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale.

Inoltre, l’articolo 3, comma 2, del decreto dignità ha previsto l’aumento del contributo addizionale che finanzia la nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi), dovuto dai datori di lavoro, nella misura dello 0,50%, in occasione di ciascun rinnovo del contratto di lavoro a tempo determinato. Con la circolare Inps si forniscono le istruzioni per la gestione degli adempimenti informativi e finanziari derivanti dall’attuazione della predetta misura.

L’Inps precisa anche che ad ogni rinnovo di contratto di lavoro a tempo determinato, ovvero di somministrazione a tempo determinato, l’incremento dello 0,50% si sommerà a quanto dovuto in precedenza a titolo di contributo addizionale.

Ad esempio, nel caso in cui un contratto a tempo determinato venga rinnovato per tre volte, il datore di lavoro interessato dovrà corrispondere il contributo addizionale secondo le seguenti misure:

contratto originario: 1,4%;
1° rinnovo: 1.9% (1,4% + 0,5%);
2° rinnovo: 2.4% (1,9% + 0,5%);
3° rinnovo: 2,9% (2,4% + 0,5%).

L’Istituto precisa, inoltre, i casi di esclusione dall’obbligo di versamento del predetto contributo addizionale.

Link circolare Inps 6 sett. 19

 

 

Decreto fiscale: negli appalti penalizzate le PMI

Decreto fiscale: negli appalti penalizzate le PMI

25 Novembre 2019 - Newsletter

Il DL 124/2019: ratio buona e giusta, conseguenze discutibili La chiamano già norma “blocca appalti”, è non è un caso: il decreto legge n. 124 dello scorso 26 ottobre, all’art. 4, pubblicato in GU Serie Generale n. 252- prevede l’estensione del regime del “reverse charge” anche alle ritenute fiscali dei dipendenti impegnati in appalti (e subappalti) di servizi. Messa così…
“Tutele crescenti”: in 4 anni è cambiato tutto

“Tutele crescenti”: in 4 anni è cambiato tutto

25 Novembre 2019 - Newsletter

Siamo alle solite. In Italia si fanno le leggi e poi, governo dopo governo, legislatura dopo legislatura, sentenza dopo sentenza, ognuno ci mette una pezza e alla fine, nemmeno dopo molto, ci si ritrova con un dettato normativo profondamente diverso rispetto a quello originario. A volte talmente tanto da tradirne addirittura lo spirito o, come dicono i più colti, la…
Videosorveglianza sul lavoro

Videosorveglianza sul lavoro

25 Novembre 2019 - Newsletter

Quello delle telecamere installate sul luogo di lavoro continua ad essere per le imprese un tema spinosissimo. Bandite dallo Statuto dei lavoratori (legge 300/1970), poi piano piano reintrodotte dalla prassi e dalle effettive esigenze di espletamento del servizio in determinati settori (si pensi ad esempio alla Grande Distribuzione Organizzata, a cui si riferisce nello specifico il pronunciamento europeo che vedremo),…
Testate