Aumento contributo Naspi: ci risiamo

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Aumento contributo Naspi: ci risiamo

Come è noto, il decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese” (c.d. decreto dignità), convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, introduce misure per favorire il contrasto al precariato e la limitazione dei contratti di lavoro a tempo determinato. In particolare, il decreto-legge citato ha ridotto a 12 mesi la durata massima del contratto a tempo determinato, anche in relazione al regime di somministrazione di lavoro, e a 24 mesi la durata massima dei medesimi rapporti intercorrenti fra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale.

Inoltre, l’articolo 3, comma 2, del decreto dignità ha previsto l’aumento del contributo addizionale che finanzia la nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi), dovuto dai datori di lavoro, nella misura dello 0,50%, in occasione di ciascun rinnovo del contratto di lavoro a tempo determinato. Con la circolare Inps si forniscono le istruzioni per la gestione degli adempimenti informativi e finanziari derivanti dall’attuazione della predetta misura.

L’Inps precisa anche che ad ogni rinnovo di contratto di lavoro a tempo determinato, ovvero di somministrazione a tempo determinato, l’incremento dello 0,50% si sommerà a quanto dovuto in precedenza a titolo di contributo addizionale.

Ad esempio, nel caso in cui un contratto a tempo determinato venga rinnovato per tre volte, il datore di lavoro interessato dovrà corrispondere il contributo addizionale secondo le seguenti misure:

contratto originario: 1,4%;
1° rinnovo: 1.9% (1,4% + 0,5%);
2° rinnovo: 2.4% (1,9% + 0,5%);
3° rinnovo: 2,9% (2,4% + 0,5%).

L’Istituto precisa, inoltre, i casi di esclusione dall’obbligo di versamento del predetto contributo addizionale.

Link circolare Inps 6 sett. 19

 

 

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

Licenziamenti e Naspi, importanti chiarimenti dell’Inps

30 Giugno 2020 - Newsletter

Come è noto il decreto Cura Italia, come integrato dal decreto Rilancio, prevede che dal 17 marzo 2020 fino alla scadenza del termine di cinque mesi il datore di lavoro non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo e non può, quindi, avviare le relative procedure di licenziamento. A tale proposito l’Inps, con messaggio 1° giugno 2020, n. 2261,…
Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

Prestiti garantiti: il peso dei sindacati

30 Giugno 2020 - Newsletter

Dal 9 aprile scorso è in vigore il decreto legge 23/2020 (recante “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, cd decreto “Liquidità”), pensato ad hoc per contrastare la crisi che ha coinvolto e coinvolgerà molte imprese a seguito dell’emergenza Coronavirus. Come si ricorderà, fra l’altro, è stato rifinanziato il Fondo di Garanzia…
Infortuni: responsabilità condivisa

Infortuni: responsabilità condivisa

30 Giugno 2020 - Newsletter

In fatto di sicurezza sul lavoro ciascuno, dal datore al singolo dipendente, ha i propri doveri e responsabilità. In questo senso suona importante la pronuncia della Cassazione Penale, Sez. 4, che con la recente sentenza n. 11958 del 10 aprile scorso ha ribadito che in materia di prevenzione antinfortunistica “si è passati da un modello iperprotettivo, interamente incentrato sulla figura…
Testate