Aumento contributo Naspi: ci risiamo

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Aumento contributo Naspi: ci risiamo

Come è noto, il decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese” (c.d. decreto dignità), convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, introduce misure per favorire il contrasto al precariato e la limitazione dei contratti di lavoro a tempo determinato. In particolare, il decreto-legge citato ha ridotto a 12 mesi la durata massima del contratto a tempo determinato, anche in relazione al regime di somministrazione di lavoro, e a 24 mesi la durata massima dei medesimi rapporti intercorrenti fra lo stesso datore di lavoro e lo stesso lavoratore per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale.

Inoltre, l’articolo 3, comma 2, del decreto dignità ha previsto l’aumento del contributo addizionale che finanzia la nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi), dovuto dai datori di lavoro, nella misura dello 0,50%, in occasione di ciascun rinnovo del contratto di lavoro a tempo determinato. Con la circolare Inps si forniscono le istruzioni per la gestione degli adempimenti informativi e finanziari derivanti dall’attuazione della predetta misura.

L’Inps precisa anche che ad ogni rinnovo di contratto di lavoro a tempo determinato, ovvero di somministrazione a tempo determinato, l’incremento dello 0,50% si sommerà a quanto dovuto in precedenza a titolo di contributo addizionale.

Ad esempio, nel caso in cui un contratto a tempo determinato venga rinnovato per tre volte, il datore di lavoro interessato dovrà corrispondere il contributo addizionale secondo le seguenti misure:

contratto originario: 1,4%;
1° rinnovo: 1.9% (1,4% + 0,5%);
2° rinnovo: 2.4% (1,9% + 0,5%);
3° rinnovo: 2,9% (2,4% + 0,5%).

L’Istituto precisa, inoltre, i casi di esclusione dall’obbligo di versamento del predetto contributo addizionale.

Link circolare Inps 6 sett. 19

 

 

Licenziamento, attenzione all’ “effetto-rappresaglia”

Licenziamento, attenzione all’ “effetto-rappresaglia”

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Attenzione alla superficialità nei licenziamenti: può costare molto cara. Vediamo prima i fatti, anche perché il caso è piuttosto frequente nel settore delle imprese di pulizia/ servizi integrati/ multiservizi: un dipendente, appena rientrato da oltre 7 mesi di assenza ininterrotta per malattia, senza nemmeno avere modo di riprendere il servizio si vede intimare il recesso motivato dalla soppressione del settore…
Contratti a termine: problematica la deroga assistita

Contratti a termine: problematica la deroga assistita

07 Ottobre 2019 - Newsletter

La disciplina del contratto a tempo determinato prevede, ai sensi dell’articolo 19, comma 3, del D. Lgs. n. 81/2015, la possibilità di stipulare, presso l’Ispettorato del Lavoro, in deroga al limite legale massimo di 24 mesi, un ulteriore contratto a tempo determinato della durata massima di 12 mesi (c.d. deroga assistita). A questo proposito l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (Inl), con…
Agevolazioni: solo per contratti maggiormente rappresentativi

Agevolazioni: solo per contratti maggiormente rappresentativi

07 Ottobre 2019 - Newsletter

Attenzione ai contratti siglati da associazioni datoriali e organizzazioni sindacali prive del requisito della rappresentatività in termini comparativi: chi li applica perde la possibilità di accedere i benefici e alle agevolazioni sulle assunzioni.  A mettere, per l’ennesima volta, i “puntini sulle I” è ’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), che con circolare n. 9 del 10 settembre scorso ha ribadito che,…
Testate