Copma ottiene il marchio Ecolabel UE per la divisione COPMA ECO

03 Dicembre 2019 - sanità

Copma ottiene il marchio Ecolabel UE per la divisione COPMA ECO

La Sezione Ecolabel Italia del Comitato Ecolabel-Ecoaudit in data 14 novembre 2019 ha concesso l’uso del marchio Ecolabel UE a COPMA Scrl per la divisione COPMA ECO. COPMA è la prima azienda in Itala a ottenere il marchio Ecolabel del Servizio di pulizia e sanificazione applicato in ambito sanitario.

COPMA scrl, azienda di servizi tra i leader nel campo della sanificazione ospedaliera e sanitaria attiva in Italia dal 1971, ha inventato l’innovativo Sistema di sanificazione ed igiene degli ambienti ospedalieri PCHS. Il Sistema PCHS è una metodologia innovativa incentrata sulla competizione biologica, su specifiche ed esclusive tecniche applicative e un controllo microbiologico del risultato. Grazie alla tecnica di biostabilizzazione, COPMA ha superato il concetto di igiene temporanea e, con il Sistema PCHS, garantisce il mantenimento di livelli di microrganismi potenzialmente patogeni bassi e stabili nel tempo. Ma non solo.

La certificazione Ecolabel UE è stata preceduta da uno studio finalizzato alla verifica dell’impatto ambientale del Sistema PCHS i cui risultati hanno evidenziato che con l’utilizzo del Sistema PCHS si ottiene la riduzione del 45% del consumo di sostanze chimiche, la riduzione del 35% dell’impronta di carbonio e la riduzione del 29/33% dei consumi elettrici e idrici.

“Il Certificato Ecolabel UE – spiega Mario Pinca amministratore delegato di COPMA Scrl. – è un valore aggiunto che ci consente di comunicare a tutti gli operatori i vantaggi che derivano dall’applicazione del Sistema PCHS nelle strutture sanitarie sia per la riduzione dell’impatto ambientale che per la salute dei pazienti. A questi si aggiungono i vantaggi economici di cui potrebbe beneficiare la Sanità italiana. Vantaggi dimostrati da studi e ricerche indipendenti che hanno  visto protagonisti diverse Università e Ospedali italiani con i risultati pubblicati su autorevoli riviste scientifiche quali Plos One ed Infection and Drug Resistance”.

I risultati delle ricerche condotte in questi ultimi anni sul Sistema PCHS sono significativi: rispetto ai sistemi tradizionali di sanificazione, l’utilizzo del sistema PCHS negli ambienti ospedalieri riduce la presenza di germi patogeni presenti nell’ambiente fino al 96%, si rimodula l’ecosistema microbico riducendo i geni farmacoresistenti fino al 99%. Ma non solo. Si mantiene la carica microbica potenzialmente patogena a livelli bassi e stabili nel tempo, in conformità agli indicatori di risultato microbiologico come indicato dalle LLGG emanate nel 2018 dalle principali Società scientifiche ed Associazioni della sanità italiana. Infine, dato più importante, si riducono le ICA del 52%.

A questi dati si aggiungono i vantaggi economici derivanti dall’utilizzo del Sistema PCHS negli ambienti ospedalieri; i dati più significativi sono la riduzione del 60,3% del consumo di farmaci antimicrobici e una conseguente riduzione dei costi della terapia antimicrobica nella cura delle ICA del 76%.

www.copma.it

www.pchs.it

Le ricerche scientifiche:

https://www.dovepress.com/impact-of-a-probiotic-based-hospital-sanitation-on-antimicrobial-resis-peer-reviewed-fulltext-article-IDR

https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0199616

 

Igiene nei bar: prontuario per le buone prassi di pulizia

Igiene nei bar: prontuario per le buone prassi di pulizia

08 Luglio 2020 - sanità

Durante questi mesi difficili che hanno duramente colpito in particolare il settore HORECA, sono state tante le iniziative messe in campo da Afidamp, Fipe e Codacons per aiutare gli operatori a garantire un ambiente sicuro sia ai propri clienti che ai propri dipendenti. Ecco perché le tre associazioni di categoria hanno realizzato insieme il prontuario per le buone prassi di…
COVID-19, le zanzare non trasmettono il virus

COVID-19, le zanzare non trasmettono il virus

08 Luglio 2020 - sanità

Uno studio sperimentale congiunto fra l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) di Roma ha dimostrato che le zanzare non trasmettono il virus SARS-CoV-2. I team di entomologi, virologi e biologi molecolari dei due istituti hanno condiviso il protocollo della sperimentazione e hanno testato la “competenza vettoriale” cioè la capacità di trasmettere attivamente il virus…
Mascherine “generiche”: da UNI i requisiti e i metodi di prova

Mascherine “generiche”: da UNI i requisiti e i metodi di prova

06 Luglio 2020 - sanità

Sono state pubblicate il 1 luglio oggi le UNI/PdR 90:2020 frutto della collaborazione tra UNI Ente Italiano di Normazione e il Politecnico di Torino per la definizione dei requisiti prestazionali e dei metodi di prova delle mascherine generiche. Ora e molto probabilmente anche nei prossimi mesi, le mascherine di comunità continueranno a ricoprire un ruolo fondamentale nella quotidianità di tutti…
Testate