Naturasì lancia il progetto Plastic free

10 Aprile 2019 - igiene urbana

Naturasì lancia il progetto Plastic free

Uno dei consumi ambientalmente più insostenibili è quello dell’acqua in bottiglie di plastica. Secondo i dati di Legambiente, sono oltre 8 miliardi le bottiglie in plastica vendute ogni anno nel nostro Paese. Gli italiani consumano, primi nel mondo, 206 litri di acqua in bottiglia pro capite l’anno, corrispondenti a 1 milione 165 mila tonnellate equivalenti di CO2 tra produzione e trasporto (elaborazione dati Arpal).

Bottiglie usa e getta che, se smaltite non correttamente, possono avere un costo elevato per l’ambiente, come dimostra il marine litter, la seconda emergenza ambientale globale dopo i cambiamenti climatici.

NaturaSì – la principale aggregazione di negozi biologici in Italia – ha scelto di inserire nei punti vendita degli “Erogatori dell’Acqua”, erogando direttamente dalla rete idrica acqua opportunamente trattata, grazie al progetto “Plastic Free” ideato assieme a Legambiente e con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente. “È da tempo che cerchiamo una soluzione per togliere l’acqua in bottiglia di plastica dai nostri negozi”, spiega Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturaSì. “Da oggi i primi 50 negozi NaturaSì apriranno un settore acqua libero dalla plastica per arrivare a 100 negozi entro la fine dell’anno. Questo traguardo, che interessa circa un terzo della rete di NaturaSì, porterà a un risparmio di quasi 1 milione e 300 mila bottiglie di plastica nell’ambiente e una diminuzione di oltre 190 tonnellate di CO2 equivalente nell’atmosfera. Si tratta di un piccolo passo ma crediamo fortemente di poter fare da apripista per un percorso di liberazione dalla plastica per uno dei prodotti più inquinanti e – in assoluto – di minore giustificazione di consumo”.

“Dopo la grande mobilitazione mondiale del Global Strike for future del 15 marzo servono azioni concrete per avviare la rivoluzione per salvare il pianeta”, afferma Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente. “Questa nuova iniziativa assieme a Naturasì, dopo quella promossa sulle retine riutilizzabili per l’ortofrutta per ridurre l’uso dei sacchetti monouso, va proprio in questa direzione. È un nuovo passo in avanti per praticare concretamente la strategia europea per la lotta all’inquinamento da plastica, al centro della direttiva europea sul monouso che è in via di approvazione definitiva. Quello che serve sono ora politiche istituzionali e interventi in favore dell’acqua di rubinetto, più sicura e più controllata di quella in bottiglia, e per la tutela della risorsa idrica, oggi messa a dura prova anche dai cambiamenti climatici e dalle continue emergenze siccità”.

Gli erogatori dell’acqua installati nei negozi NaturaSì consentiranno di abbandonare l’acqua in bottiglia di plastica grazie all’azione combinata di vari filtri e di uno specifico attivatore che migliorerà la qualità dell’acqua erogata.

Le altre azioni

Accanto agli erogatori, il progetto acqua di NaturaSì prevede inoltre nei punti vendita la presenza delle bottles, borracce in acciaio per l’acqua ‘da passeggio’, ora così frequente nelle nostre città, e si potranno acquistare filtri sottolavello e filtri per rubinetto, così come le caraffe con filtro. E assieme al progressivo superamento dell’acqua in PET, NaturaSì mette in campo anche altre azioni concrete per fermare la diffusione pervasiva della plastica, con l’installazione entro l’anno in 100 negozi di erogatori per lo sfuso di numerosi prodotti (cereali, legumi).

CONAD E LC3: trasporto sostenibile per una spesa green

CONAD E LC3: trasporto sostenibile per una spesa green

24 Luglio 2019 - igiene urbana

Quasi 100 alberi salvati grazie ai camion a metano liquido dell’azienda umbra: i dati diffusi da Conad nel bilancio di sostenibilità 2018. Concentrazione delle polveri sottili ridotta del 95%, emissione di anidride carbonica scesa del 15% e di ossidi di azoto diminuita del 70%. Risultato: quasi 100 alberi salvati. Sono le eccellenti performance ottenute nel 2018 da Conad, il colosso…
È tornato Plastic Radar,whatsapp per segnalare i rifiuti in mare

È tornato Plastic Radar,whatsapp per segnalare i rifiuti in mare

16 Luglio 2019 - igiene urbana

Greenpeace ha  riattivato Plastic Radar, il servizio per segnalare via Whatsapp la presenza di rifiuti in plastica che inquinano spiagge, mari e fondali e che, a partire dall’edizione di quest’anno, include anche l’inquinamento da plastica nei nostri fiumi e laghi. L’iniziativa, che è stata lanciata l’anno scorso, ha avuto un enorme successo: sono state infatti registrate oltre 6800 segnalazioni che  …
Non rifiutiamoci! Bottiglie e lattine in cambio di libri

Non rifiutiamoci! Bottiglie e lattine in cambio di libri

21 Giugno 2019 - igiene urbana

La notizia è ancora poco diffusa sul web, ma sta circolando rapidamente in tutta Italia grazie al passaparola delle buone pratiche per l’educazione alla sostenibilità. A Polla, piccolo comune del Salernitano, la libreria Ex Libris Cafè ha lanciato con grande successo l’iniziativa “Non rifiutiamoci”, che aiuta l’ambiente e promuove la lettura anche tra chi non può permettersi libri.Basta portare in…
Testate