Sicurezza: 1° Luglio, sanzioni più salate

09 Luglio 2018 - Newsletter

Sicurezza: 1° Luglio, sanzioni più salate

A seguito della pubblicazione del Decreto Direttoriale n.12 del 6/6/2018,  L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato il 22 giugno scorso la lettera Circolare n. 314 recante le indicazioni operative per il personale ispettivo per la rivalutazione delle sanzioni concernenti le violazioni in materia di salute e sicurezza. L’incremento, dell’1,9% va calcolato sugli importi delle sanzioni attualmente vigenti e si applica alle ammende e alle sanzioni amministrative pecuniarie irrogate per le violazioni commesse successivamente al 1° luglio 2018. Non è previsto alcun arrotondamento, e l’incremento non si applica alle somme aggiuntive di cui all’art. 14 dell’81/08, che occorre versare ai fini della revoca del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Per effetto delle maggiorazioni previste, ad esempio, chi non nomina il Rspp o non effettua una corretta valutazione dei rischi rischia, oltre all’arresto da tre a sei mesi (che resta invariato) un’ammenda che può arrivare a oltre 7mila euro (circa750 euro rispetto a prima), e chi adotta un documento della sicurezza fuorilegge (cioè non allineato con quanto previsto dall’81/08 artt. 17, 28, 29) può arrivare a pagare quasi 4500 euro.

Occhio dunque a ogni superficialità (purtroppo ancora molto frequente nel nostro settore). Da oggi può costare ancora più cara. Al link le nuove tabelle ufficiali dell’Ispettorato del Lavoro.

Link Circolare Inl 314

Link decreto Ispettorato

Link Quadro riepilogativo nuove sanzioni dal 1° luglio

Corsi sicurezza, licenziabile chi li salta

Corsi sicurezza, licenziabile chi li salta

15 Febbraio 2019 - Newsletter

Il lavoratore “marina” il corso sulla sicurezza? Legittimo licenziarlo, specie se recidivo. E’ molto chiara la recente Ordinanza della Cassazione (n. 138 del 7 gennaio 2019), con cui la sezione Lavoro della Suprema Corte ha convalidato il recesso intimato a un dipendente risultato assente a un corso sulla sicurezza previsto dall’Accordo Stato-Regioni. Il licenziamento è stato comminato “a seguito di…
Responsabilità in solido, cade la gerarchia fra i debitori

Responsabilità in solido, cade la gerarchia fra i debitori

15 Febbraio 2019 - Newsletter

Con la sentenza n. 444/2019, pubblicata il 10 gennaio scorso, la Corte di Cassazione ha chiarito che la responsabilità solidale negli appalti, di cui all’art. n. 29 del D.lgs. n. 276/2003 (cd. Legge Biagi), scatta senza beneficio di preventiva escussione. Un cambio di rotta rispetto alla giurisprudenza precedente, che ora permette al lavoratore impagato di rivolgersi direttamente all’impresa, tra quelle…
Sanzioni più salate per le violazioni in tema di lavoro

Sanzioni più salate per le violazioni in tema di lavoro

15 Febbraio 2019 - Newsletter

Attenzione al lavoro irregolare o ai comportamenti datoriali ritenuti lesivi della tutela degli interessi o della dignità dei lavoratori. Casi purtroppo frequenti anche nel settore delle imprese di pulizia/multiservizi/servizi integrati. La L. n. 145/2018 (legge di bilancio per l’anno in corso), al comma 445 dell’art. 1, ha previsto la maggiorazione degli importi sanzionatori delle violazioni che, più di altre, incidono…
Testate