Sicurezza: 1° Luglio, sanzioni più salate

09 luglio 2018 - Newsletter

Sicurezza: 1° Luglio, sanzioni più salate

A seguito della pubblicazione del Decreto Direttoriale n.12 del 6/6/2018,  L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato il 22 giugno scorso la lettera Circolare n. 314 recante le indicazioni operative per il personale ispettivo per la rivalutazione delle sanzioni concernenti le violazioni in materia di salute e sicurezza. L’incremento, dell’1,9% va calcolato sugli importi delle sanzioni attualmente vigenti e si applica alle ammende e alle sanzioni amministrative pecuniarie irrogate per le violazioni commesse successivamente al 1° luglio 2018. Non è previsto alcun arrotondamento, e l’incremento non si applica alle somme aggiuntive di cui all’art. 14 dell’81/08, che occorre versare ai fini della revoca del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Per effetto delle maggiorazioni previste, ad esempio, chi non nomina il Rspp o non effettua una corretta valutazione dei rischi rischia, oltre all’arresto da tre a sei mesi (che resta invariato) un’ammenda che può arrivare a oltre 7mila euro (circa750 euro rispetto a prima), e chi adotta un documento della sicurezza fuorilegge (cioè non allineato con quanto previsto dall’81/08 artt. 17, 28, 29) può arrivare a pagare quasi 4500 euro.

Occhio dunque a ogni superficialità (purtroppo ancora molto frequente nel nostro settore). Da oggi può costare ancora più cara. Al link le nuove tabelle ufficiali dell’Ispettorato del Lavoro.

Link Circolare Inl 314

Link decreto Ispettorato

Link Quadro riepilogativo nuove sanzioni dal 1° luglio

Cassetto previdenziale: attenzione alle novità

Cassetto previdenziale: attenzione alle novità

18 settembre 2018 - Newsletter

L’Inps, con messaggio n. 3082 del 3 agosto scorso, ha aggiunto un ulteriore tassello al nuovo processo di gestione per la verifica della regolarità contributiva ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale (art. 1 comma 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296). Come i più attenti ricorderanno,…
Variazione di mansioni

Variazione di mansioni

18 settembre 2018 - Newsletter

Nel settore delle pulizie/ servizi integrati/ multiservizi, che come sappiamo è fortemente labour intensive, può accadere che per esigenze organizzative si debba cambiare le mansioni attribuite ad un dipendente. Si tratta del cosiddetto “ius variandi”, un diritto del datore sancito dal codice civile (art. 2103 – In caso di modifica degli assetti organizzativi aziendali che incidono sulla posizione del lavoratore,…
Rappresentanza contrattuale: non è finita

Rappresentanza contrattuale: non è finita

18 settembre 2018 - Newsletter

Colpo di scena: l’Ispettorato Nazionale del Lavoro fa marcia indietro sull’annosa questione dei Ccnl comparativamente maggiormente rappresentativi, letteralmente “rimangiandosi” la nota del 20 giugno scorso, della quale parlammo anche noi, con cui l’INL, nell’individuare i contratti “leader”, ribadiva come chi applicasse i contratti non rappresentativi perdesse la possibilità di fruire di benefici normativi e contributivi, di ricorrere a forme contrattuali…
Testate