Sicurezza: 1° Luglio, sanzioni più salate

09 luglio 2018 - Newsletter

Sicurezza: 1° Luglio, sanzioni più salate

A seguito della pubblicazione del Decreto Direttoriale n.12 del 6/6/2018,  L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato il 22 giugno scorso la lettera Circolare n. 314 recante le indicazioni operative per il personale ispettivo per la rivalutazione delle sanzioni concernenti le violazioni in materia di salute e sicurezza. L’incremento, dell’1,9% va calcolato sugli importi delle sanzioni attualmente vigenti e si applica alle ammende e alle sanzioni amministrative pecuniarie irrogate per le violazioni commesse successivamente al 1° luglio 2018. Non è previsto alcun arrotondamento, e l’incremento non si applica alle somme aggiuntive di cui all’art. 14 dell’81/08, che occorre versare ai fini della revoca del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Per effetto delle maggiorazioni previste, ad esempio, chi non nomina il Rspp o non effettua una corretta valutazione dei rischi rischia, oltre all’arresto da tre a sei mesi (che resta invariato) un’ammenda che può arrivare a oltre 7mila euro (circa750 euro rispetto a prima), e chi adotta un documento della sicurezza fuorilegge (cioè non allineato con quanto previsto dall’81/08 artt. 17, 28, 29) può arrivare a pagare quasi 4500 euro.

Occhio dunque a ogni superficialità (purtroppo ancora molto frequente nel nostro settore). Da oggi può costare ancora più cara. Al link le nuove tabelle ufficiali dell’Ispettorato del Lavoro.

Link Circolare Inl 314

Link decreto Ispettorato

Link Quadro riepilogativo nuove sanzioni dal 1° luglio

Licenziamento illegittimo e Jobs Act

Licenziamento illegittimo e Jobs Act

16 novembre 2018 - Newsletter

Duro colpo al Jobs Act, dichiarato incostituzionale per ciò che riguarda l’indennità risarcitoria per licenziamento illegittimo: la Corte Costituzionale, con sentenza n. 194 depositata l’8 novembre 2018 e finalmente dunque pubblicata integralmente, ha infatti dichiarato incostituzionale l’art. 3, comma 1, del D.Lgs. n.23/2015 (c.d. Jobs Act), che disciplina il “contratto a tutele crescenti”, modificato dal D.L. n.87/2018 (c.d. Decreto Dignità).…
Pulizie in condominio: no al fai da te

Pulizie in condominio: no al fai da te

16 novembre 2018 - Newsletter

Pulizie “fai da te” da parte dei condomini a turno, o di terzi incaricati e retribuiti di volta in volta secondo le esigenze dopo aver revocato un regolare appalto a un’impresa? La Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 29220 dello scorso 13 novembre, ha detto no, accogliendo il ricorso di una condomina che svolge la professione di avvocato: secondo…
Contratti a termine: attenzione ai nuovi tetti di utilizzo

Contratti a termine: attenzione ai nuovi tetti di utilizzo

16 novembre 2018 - Newsletter

La legge di conversione del decreto-legge n. 87 (Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese) ha, per la prima volta, introdotto un limite all’utilizzo dei lavoratori somministrati a termine. Infatti, il novellato articolo 31, comma 2, del d.lgs. n. 81/2015 prevede la necessità di rispettare una proporzione tra lavoratori stabili e a termine presenti in azienda, ancorché…
Testate