Lotta ai CCNL non rappresentativi

09 Luglio 2018 - Newsletter

Lotta ai CCNL non rappresentativi

Torniamo a parlare della rappresentatività dei Contratti Collettivi, un tema sempre di grande attualità e interesse per il settore delle pulizie/ servizi integrati/ multiservizi, in cui vengono applicati, lo ricordiamo, una pluralità di contratti molti dei quali non sottoscritti dalle organizzazioni sindacali comparativamente maggiormente rappresentative, con conseguente distorsione del mercato e illegittimo aumento di competitività di alcune imprese a scapito molto spesso delle condizioni di lavoro dei dipendenti.

Ebbene, sulla questione si è recentemente espresso, con grande chiarezza, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con una notizia pubblicata il 20 giugno sul proprio sito istituzionale.

In particolare, l’Ispettorato rende noto che gli organi di vigilanza proseguono l’azione di contrasto al fenomeno del cosiddetto “dumping contrattuale” su tutto il territorio nazionale, in particolare nel settore del terziario in quanto maggiormente interessato da violazioni di carattere contributivo o legate alla fruizione di istituti di flessibilità in assenza delle condizioni di legge.

L’attività di vigilanza sull’applicazione di CCNL sottoscritti da OO.SS non rappresentative, già avviata nel 2017 nell’ambito della programmazione dell’azione ispettiva (cfr. Documento di programmazione della vigilanza per il 2017), continua ad essere condotta dall’Ispettorato che è peraltro recentemente intervenuto con la circolare n. 3/2018 per esortare i propri uffici interregionali e territoriali ad attivare specifiche azioni di vigilanza.

Inoltre l’INL ribadisce che l’applicazione di contratti collettivi stipulati da OO.SS. che, nel settore, risultano comparativamente meno rappresentative – tra cui vengono annoverate CISAL, CONFSAL e altre sigle minoritarie –  in luogo dei c.d. contratti “leader”, ossia i contratti sottoscritti da CGIL, CISL e UIL, preclude la possibilità di fruire di benefici normativi e contributivi, di ricorrere a forme contrattuali flessibili, e di individuare correttamente gli imponibili contributivi.

Si ricorda difatti che l’applicazione di CCNL sottoscritti da OO.SS. dotate del requisito della maggiore rappresentatività rileva:

  • per il godimento di “benefici normativi e contributivi” ai sensi dell’art. 1, comma 1175, L. n. 296/2006, rispetto ai quali è indispensabile l’applicazione dei contratti comparativamente più rappresentativi;
  • per individuare il parametro di riferimento ai fini del calcolo della contribuzione dovuta, indipendentemente dal CCNL applicato ai fini retributivi, ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. n. 338/1989, unitamente all’art. 2, comma 25, della L. n. 296/2006;
  • per l’utilizzo degli istituti di flessibilità ai sensi dell’art. 51 del d.lgs. n. 81/2015 (ad esempio contratto di lavoro intermittente, a tempo determinato e apprendistato).

Pertanto, le imprese che non applicano tali CCNL potranno rispondere di sanzioni amministrative, omissioni contributive e trasformazione a tempo indeterminato dei rapporti di lavoro flessibili. Anche gli eventuali soggetti committenti risponderanno in solido con le imprese ispezionate degli effetti delle violazioni accertate.

 

Link notizia INL

Corsi sicurezza, licenziabile chi li salta

Corsi sicurezza, licenziabile chi li salta

15 Febbraio 2019 - Newsletter

Il lavoratore “marina” il corso sulla sicurezza? Legittimo licenziarlo, specie se recidivo. E’ molto chiara la recente Ordinanza della Cassazione (n. 138 del 7 gennaio 2019), con cui la sezione Lavoro della Suprema Corte ha convalidato il recesso intimato a un dipendente risultato assente a un corso sulla sicurezza previsto dall’Accordo Stato-Regioni. Il licenziamento è stato comminato “a seguito di…
Responsabilità in solido, cade la gerarchia fra i debitori

Responsabilità in solido, cade la gerarchia fra i debitori

15 Febbraio 2019 - Newsletter

Con la sentenza n. 444/2019, pubblicata il 10 gennaio scorso, la Corte di Cassazione ha chiarito che la responsabilità solidale negli appalti, di cui all’art. n. 29 del D.lgs. n. 276/2003 (cd. Legge Biagi), scatta senza beneficio di preventiva escussione. Un cambio di rotta rispetto alla giurisprudenza precedente, che ora permette al lavoratore impagato di rivolgersi direttamente all’impresa, tra quelle…
Sanzioni più salate per le violazioni in tema di lavoro

Sanzioni più salate per le violazioni in tema di lavoro

15 Febbraio 2019 - Newsletter

Attenzione al lavoro irregolare o ai comportamenti datoriali ritenuti lesivi della tutela degli interessi o della dignità dei lavoratori. Casi purtroppo frequenti anche nel settore delle imprese di pulizia/multiservizi/servizi integrati. La L. n. 145/2018 (legge di bilancio per l’anno in corso), al comma 445 dell’art. 1, ha previsto la maggiorazione degli importi sanzionatori delle violazioni che, più di altre, incidono…
Testate