Lotta ai CCNL non rappresentativi

09 luglio 2018 - Newsletter

Lotta ai CCNL non rappresentativi

Torniamo a parlare della rappresentatività dei Contratti Collettivi, un tema sempre di grande attualità e interesse per il settore delle pulizie/ servizi integrati/ multiservizi, in cui vengono applicati, lo ricordiamo, una pluralità di contratti molti dei quali non sottoscritti dalle organizzazioni sindacali comparativamente maggiormente rappresentative, con conseguente distorsione del mercato e illegittimo aumento di competitività di alcune imprese a scapito molto spesso delle condizioni di lavoro dei dipendenti.

Ebbene, sulla questione si è recentemente espresso, con grande chiarezza, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con una notizia pubblicata il 20 giugno sul proprio sito istituzionale.

In particolare, l’Ispettorato rende noto che gli organi di vigilanza proseguono l’azione di contrasto al fenomeno del cosiddetto “dumping contrattuale” su tutto il territorio nazionale, in particolare nel settore del terziario in quanto maggiormente interessato da violazioni di carattere contributivo o legate alla fruizione di istituti di flessibilità in assenza delle condizioni di legge.

L’attività di vigilanza sull’applicazione di CCNL sottoscritti da OO.SS non rappresentative, già avviata nel 2017 nell’ambito della programmazione dell’azione ispettiva (cfr. Documento di programmazione della vigilanza per il 2017), continua ad essere condotta dall’Ispettorato che è peraltro recentemente intervenuto con la circolare n. 3/2018 per esortare i propri uffici interregionali e territoriali ad attivare specifiche azioni di vigilanza.

Inoltre l’INL ribadisce che l’applicazione di contratti collettivi stipulati da OO.SS. che, nel settore, risultano comparativamente meno rappresentative – tra cui vengono annoverate CISAL, CONFSAL e altre sigle minoritarie –  in luogo dei c.d. contratti “leader”, ossia i contratti sottoscritti da CGIL, CISL e UIL, preclude la possibilità di fruire di benefici normativi e contributivi, di ricorrere a forme contrattuali flessibili, e di individuare correttamente gli imponibili contributivi.

Si ricorda difatti che l’applicazione di CCNL sottoscritti da OO.SS. dotate del requisito della maggiore rappresentatività rileva:

  • per il godimento di “benefici normativi e contributivi” ai sensi dell’art. 1, comma 1175, L. n. 296/2006, rispetto ai quali è indispensabile l’applicazione dei contratti comparativamente più rappresentativi;
  • per individuare il parametro di riferimento ai fini del calcolo della contribuzione dovuta, indipendentemente dal CCNL applicato ai fini retributivi, ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.L. n. 338/1989, unitamente all’art. 2, comma 25, della L. n. 296/2006;
  • per l’utilizzo degli istituti di flessibilità ai sensi dell’art. 51 del d.lgs. n. 81/2015 (ad esempio contratto di lavoro intermittente, a tempo determinato e apprendistato).

Pertanto, le imprese che non applicano tali CCNL potranno rispondere di sanzioni amministrative, omissioni contributive e trasformazione a tempo indeterminato dei rapporti di lavoro flessibili. Anche gli eventuali soggetti committenti risponderanno in solido con le imprese ispezionate degli effetti delle violazioni accertate.

 

Link notizia INL

Cassetto previdenziale: attenzione alle novità

Cassetto previdenziale: attenzione alle novità

18 settembre 2018 - Newsletter

L’Inps, con messaggio n. 3082 del 3 agosto scorso, ha aggiunto un ulteriore tassello al nuovo processo di gestione per la verifica della regolarità contributiva ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale (art. 1 comma 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296). Come i più attenti ricorderanno,…
Variazione di mansioni

Variazione di mansioni

18 settembre 2018 - Newsletter

Nel settore delle pulizie/ servizi integrati/ multiservizi, che come sappiamo è fortemente labour intensive, può accadere che per esigenze organizzative si debba cambiare le mansioni attribuite ad un dipendente. Si tratta del cosiddetto “ius variandi”, un diritto del datore sancito dal codice civile (art. 2103 – In caso di modifica degli assetti organizzativi aziendali che incidono sulla posizione del lavoratore,…
Rappresentanza contrattuale: non è finita

Rappresentanza contrattuale: non è finita

18 settembre 2018 - Newsletter

Colpo di scena: l’Ispettorato Nazionale del Lavoro fa marcia indietro sull’annosa questione dei Ccnl comparativamente maggiormente rappresentativi, letteralmente “rimangiandosi” la nota del 20 giugno scorso, della quale parlammo anche noi, con cui l’INL, nell’individuare i contratti “leader”, ribadiva come chi applicasse i contratti non rappresentativi perdesse la possibilità di fruire di benefici normativi e contributivi, di ricorrere a forme contrattuali…
Testate