Libertà d’impresa e clausola sociale

30 luglio 2018 - Newsletter

Libertà d’impresa e clausola sociale

La clausola sociale, lo sappiamo, è cosa buona e giusta ed è una sacrosanta tutela del diritto al lavoro, ma –almeno stando alla più recente giurisprudenza in materia- non può diventare un principio assoluto fino al punto da compromettere l’autonomia organizzativa dell’operatore economico subentrante in una commessa. In altre parole, come ha sancito il Consiglio di Stato con sentenza 4040 del 2 luglio scorso, riferita proprio a un appalto di servizi, i due principi vanno armonizzati.

Il secondo grado di giustizia amministrativa, nella fattispecie, era chiamato a pronunciarsi sulla legittimità o meno di indicare nel bando di gara il Contratto collettivo nazionale da applicare, ma quello che qui ci interessa immediatamente è il principio ribadito dai giudici di Palazzo Spada, e cioè che il principio della clausola sociale, ripreso anche dalla lex specialis del bando in oggetto, secondo cui è obbligatorio assorbire il personale impiegato dall’appaltatore uscente, deve “essere armonizzato e reso compatibile con l’organizzazione di impresa prescelta dall’imprenditore subentrante”.

Sentenza CdS 4040/18

Illeciti professionali, criticità superate

Illeciti professionali, criticità superate

06 dicembre 2018 - Newsletter

Parere positivo del Consiglio di Stato (n. 2616 dello scorso 13 novembre) per l’aggiornamento delle Linee Guida n. 6 sugli illeciti professionali da parte dell’Anac l’Autorità Nazionale Anticorruzione, che con  la Determinazione n. 1008/2017 con le Linee Guida n.6 recanti “Indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative…
Fattura elettronica, il punto

Fattura elettronica, il punto

06 dicembre 2018 - Newsletter

Fra perplessità, dubbi e non poche criticità affrontate e ancora da affrontare, si attende con grande fibrillazione l’esordio della fatturazione elettronica anche negli scambi B2B e B2C, ossia business to business e business to consumer: risolta, a quanto sembra, la questione della privacy (le perplessità erano state avanzate dal Garante in un avviso all’Agenzia Entrate del 15 novembre 2018), ne…
Revisione prezzi: da quando decorre?

Revisione prezzi: da quando decorre?

05 dicembre 2018 - Newsletter

Per la disciplina della revisione dei prezzi nei contratti d’appalto bisogna risalire nel tempo al lontano 28 febbraio 1986, con la legge 41 che sancisce che: “per i lavori di cui al precedente comma 2 aventi durata superiore all’anno, la facoltà di procedere alla revisione dei prezzi è ammessa, a decorrere dal secondo anno successivo alla aggiudicazione e con esclusione…
Testate