Libertà d’impresa e clausola sociale

30 luglio 2018 - Newsletter

Libertà d’impresa e clausola sociale

La clausola sociale, lo sappiamo, è cosa buona e giusta ed è una sacrosanta tutela del diritto al lavoro, ma –almeno stando alla più recente giurisprudenza in materia- non può diventare un principio assoluto fino al punto da compromettere l’autonomia organizzativa dell’operatore economico subentrante in una commessa. In altre parole, come ha sancito il Consiglio di Stato con sentenza 4040 del 2 luglio scorso, riferita proprio a un appalto di servizi, i due principi vanno armonizzati.

Il secondo grado di giustizia amministrativa, nella fattispecie, era chiamato a pronunciarsi sulla legittimità o meno di indicare nel bando di gara il Contratto collettivo nazionale da applicare, ma quello che qui ci interessa immediatamente è il principio ribadito dai giudici di Palazzo Spada, e cioè che il principio della clausola sociale, ripreso anche dalla lex specialis del bando in oggetto, secondo cui è obbligatorio assorbire il personale impiegato dall’appaltatore uscente, deve “essere armonizzato e reso compatibile con l’organizzazione di impresa prescelta dall’imprenditore subentrante”.

Sentenza CdS 4040/18

GSA invita le imprese

GSA invita le imprese

02 ottobre 2018 - Newsletter

Il prossimo Forum Pulire finirà col botto: si avvicina un “save the date” attesissimo e davvero imperdibile per le imprese del settore, alle prese con uno scenario in continua evoluzione che riserva, a chi le sa cogliere, sempre nuove occasioni e opportunità di crescere e aumentare la propria competitività sul mercato. Ecolabel per i servizi di pulizia, un’occasione da non…
CCNL, non deroga la responsabilità sociale

CCNL, non deroga la responsabilità sociale

02 ottobre 2018 - Newsletter

Il Ministero del Lavoro, con interpello n. 5 del 13 settembre scorso, relativamente alla responsabilità solidale negli appalti precisa che l’articolo 29, comma 2, del D.Lgs. n. 276/03, come modificato dal D.L. n. 25/17, non prevede più la possibilità, per la contrattazione collettiva, di derogare alla regola in materia di solidarietà del committente di un appalto per i crediti retributivi…
Contratti a termine: attenzione

Contratti a termine: attenzione

02 ottobre 2018 - Newsletter

Fra le principali novità introdotte dal Decreto dignità 87/18, in vigore dal 14 luglio (convertito con legge 96/18) c’è l’obbligo di introdurre una causale per i contratti a termine di durata iniziale superiore ai 12 mesi. Il rischio è quello di trasformazione in contratti a tempo indeterminato. Particolare attenzione va posta alle causali, perché non bastano soluzioni “formali” o “di…
Testate