Bonus pubblicità: al via le domande dal 22 settembre

06 settembre 2018 - imprese & dealers

Bonus pubblicità: al via  le domande dal 22 settembre

La Gazzetta ufficiale del 24 luglio 2018 ha pubblicato il decreto attuativo del Bonus Pubblicità. Il credito di imposta è destinato alle imprese e ai lavoratori autonomi, indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato, per gli investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche on-line, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, effettuati a partire dal 1° gennaio 2018, il cui valore superi di almeno l’1% gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente.

Il regolamento prevede inoltre l’accesso al credito di imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017 solo sulla stampa quotidiana e periodica, anche on-line, purché il loro valore superi almeno dell’1 per cento l’ammontare degli analoghi investimenti effettuati dai medesimi soggetti sugli stessi mezzi di informazione nel corrispondente periodo dell’anno 2016.

Le risorse stanziate per il 2018 ammontano a 62,5 milioni di euro, di cui 50 milioni per gli investimenti sulla stampa (20 milioni per gli investimenti effettuati nel secondo semestre del 2017, più 30 milioni per quelli da effettuare nel 2018) e 12,5 milioni per gli investimenti da effettuare nel 2018 sulle emittenti radio-televisive.

Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, tenendo conto del limite massimo complessivo delle risorse di bilancio annualmente appositamente stanziate.

L’intensità dell’incentivo potrà essere elevata al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e nel caso di start-up innovative, una volta perfezionata con esito positivo la procedura di notifica della maggiorazione alla Commissione europea, in pendenza della quale è concessa la misura ordinaria del 75%.

Per il solo 2018 la comunicazione telematica deve essere presentata a decorrere dal 22 settembre al 22 ottobre 2018 e l’adozione dell’elenco dei soggetti ammessi è effettuata entro 120 giorni sempre dalla data di pubblicazione del decreto. Per gli investimenti incrementali effettuati tra giugno e dicembre 2017 la comunicazione deve essere effettuata entro gli stessi termini, ma in modo separato.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, dopo la realizzazione dell’investimento incrementale, presentando il modello F24 tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.

modello di COMUNICAZIONE PER LA FRUIZIONE DEL CREDITO D’IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI PUBBLICITARI INCREMENTALI

istruzioni per la compilazione
avviso dall’agenzia delle entrate

Ecco i vincitori degli European Cleaning & Hygiene Awards 2018

Ecco i vincitori degli European Cleaning & Hygiene Awards 2018

16 novembre 2018 - facility management

I vincitori degli European Cleaning & Hygiene Awards 2018   sono stati resi noti durante una cena di gala all’Hotel Palace di Berlino la sera del 15 novembre. I premi, che riconoscono gli standard di eccellenza nel settore della pulizia professionale, sono gli unici premi paneuropei per il settore. Anche per questa edizione GSA è stata media partner per l’Italia. Ed…
Industria 4.0 & Pmi

Industria 4.0 & Pmi

16 novembre 2018 - facility management

Industria 4.0: un terreno ancora parzialmente inesplorato da molte piccole e medie imprese. Infatti, nonostante 8 PMI su 10 conoscano il tema e le opportunità ad esso correlate, solo il 18,6% delle aziende del nord è riuscito ad adottare vere soluzioni 4.0. Il timore è che questo segnerà distintamente la linea di confine tra le aziende del passato, destinate a…
Etichetta energetica aspirapolvere da rifare: vince  Dyson

Etichetta energetica aspirapolvere da rifare: vince Dyson

15 novembre 2018 - imprese & dealers

Il Tribunale dell’Unione europea annulla il regolamento sull’etichettatura energetica degli aspirapolvere. Le verifiche di efficienza energetica di questi elettrodomestici, previste nel regolamento, sono fatte con un contenitore per raccogliere polvere vuoto. E questo, argomenta il Tribunale, non riflette le condizioni d’uso più diffuse degli aspirapolvere. La decisione viene dopo un lungo iter che ha visto opporsi la Dyson Ltd, società…
Testate