RINNOVABILI: CERTEZZE INNANZITUTTO

19 luglio 2011 - igiene urbana

RINNOVABILI: CERTEZZE INNANZITUTTO

La richiesta è emersa chiaramente dai vari operatori del settore, produttori, associazioni, banche e mondo legale, durante il convegno tenutosi il 5 luglio scorso alla Camera dei Deputati .

Chiarezza e stabilità normativa. Questo è quello che chiedono gli operatori del mondo dell’energia riuniti il 5 luglio in un convegno organizzato dallo studio legale Simmons & Simmons insieme ad ANEV e APER, le due principali associazioni che rappresentano i produttori di energie rinnovabili (eoliche e fotovoltaiche).

“L’attuale quadro normativo, unito alle continue novità legate ai meccanismi di incentivazione e oggi amplificate dal dibattito acceso intorno alla manovra Tremonti, non fanno che destabilizzare il sistema con la conseguenza di renderlo difficilmente decifrabile da parte dei produttori di energia e degli investitori italiani e ancor più stranieri. Il decreto legislativo 28/2011 pone le basi per un corretto sviluppo del settore, ma rimanda per la sua attuazione a 67 decreti attuativi, la maggior parte dei quali ancora da definire”. É questo il parere dell’avvocato Daniela Sabelli, partner dello studio legale Simmons & Simmons che ha aperto  i lavori, a cui hanno fatto eco le richieste delle associazioni.

“In questo quadro è l’eolico a soffrire maggiormente visto che gli sono stati tagliati retroattivamente gli incentivi del 22%” – ha commentato Simone Togni, Presidente di ANEV che ha aggiunto: “Assistiamo ad uno scostamento sempre più evidente tra le posizioni assunte dal Governo e gli obiettivi da raggiungere. Il settore ha bisogno di stabilità, l’eolico ancora di più. Ci attendiamo con i decreti attuativi della direttiva comunitaria che si arrivi presto ad avere un giusto equilibrio tra la necessità di generare energia eolica come richiesto dall’Europa – entro il 2020 – e di farlo nella maniera più economicamente e amministrativamente efficiente. Per far questo servono norme chiare e stabili e la definizione di un sistema di tariffazione adeguato che attualmente invece non consente il ritorno per gli investimenti nel settore eolico”.

L’Associazione Produttori di Energie Rinnovabili (APER) ha segnalato l’estrema incertezza che il settore sta vivendo in attesa di questi decreti e si è dichiarata disponibile sin da subito a dare il suo contributo al Ministero per la rapida definizione degli stessi.

Quali gli scenari futuri? Lo ha spiegato Richard Conrad Morabito, dello studio legale Simmons & Simmons: “Vista l’attuale situazione normativa è probabile una riduzione degli impianti (eolico e fotovoltaico) di grandi dimensioni verso un incremento – grazie a tariffazioni vantaggiose e incentivazioni – degli impianti a biomasse a tariffa omnicomprensiva unito ad un aumento dei sistemi fotovoltaici posizionati sui tetti, dal microeolico, del solare a concentrazione e della geotermia.

Economia circolare, via libera da Parlamento Ue

Economia circolare, via libera da Parlamento Ue

24 aprile 2018 - igiene urbana

Approvato il 18 aprile scorso in via definitiva dal Parlamento europeo il pacchetto sull’economia circolare. L’accordo, in sintesi, prevede il 65% di riciclaggio dei rifiuti solidi urbani al 2035, con target intermedi del 55% al 2025 e 60% al 2030. Per gli imballaggi, invece, si prevedono target del 65% al 2025 e del 70% al 2030, con due sotto-obiettivi per…
Dulevo International chiude un ottimo 2017 con espansione in USA e sul mercato asiatico

Dulevo International chiude un ottimo 2017 con espansione in USA e sul mercato asiatico

12 aprile 2018 - facility management

Dulevo International,tra i leader mondiali nella pulizia commerciale, industriale e urbana, chiude il 2017 con un fatturato di circa 70 milioni di euro, registrando una forte espansione commerciale, a partire dall’incremento delle vendite sul mercato italiano (sale al 26% la quota delle vendite in Italia). Già attiva in oltre 80 Paesi nel mondo, nel corso dell’esercizio l’azienda emiliana ha potenziato…
Consiglio di Stato: si possono usare i  bioshopper portati da casa

Consiglio di Stato: si possono usare i bioshopper portati da casa

06 aprile 2018 - igiene urbana

II Consiglio di Stato  ha dato via libera all’uso di bioshopper monouso nuovi per frutta e verdura portati da casa o comprati altrove quando si fanno acquisti al supermercato o dal fruttivendolo. I consumatori potranno usare anche contenitori alternativi alle buste in plastica, purché idonei a contenere frutta e verdura. Il caso era scoppiato a gennaio, dopo l’ingresso nel decreto…
Testate