Meno rifiuti, più risorse

12 ottobre 2011 - Articoli

Meno rifiuti, più risorse

(Tratto da GSA Igiene urbana n.3 luglio-settembre 2011)

 

Il secondo numero dei Quaderni del Museo della Rumenta di Genova presenta un quadro sintetico ma esauriente del nuovo approccio alla prevenzione nel campo della gestione dei rifiuti previsto dal Dlgs 205/10.

 

I rifiuti sono l’ultima fase del ciclo di vita dei prodotti, quello che inizia con l’estrazione dall’ambiente delle risorse vergini (rinnovabili e non rinnovabili). Per questo la gestione dei rifiuti non può essere considerata un’attività a sè stante, ma va integrata strettamente nel complesso delle politiche che presiedono alla gestione delle risorse: migliore è l’utilizzo delle risorse – attraverso la durata dei prodotti a cui esse danno vita, oppure il loro riutilizzo in cicli produttivi successivi – minore è la quantità dei rifiuti che si riconsegnano all’ambiente, con il loro potere comunque inquinante. Il limite teorico di questo approccio è il riciclo totale, che equivale all’obiettivo “rifiuti zero”.

Fare clic per scaricare l’articolo in versione integrale

Qualità dell’aria, il ruolo del CVI in sanità

Qualità dell’aria, il ruolo del CVI in sanità

18 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) La qualità dell’aria è importantissima in sanità: l’inquinamento degli ambienti confinati costituisce un fattore determinante per la salute, ed è un rischio non tenerlo presente. Ecco perché diventa strategica la figura del CVI (Certified Ventilation Inspector), promossa da Aiisa. Questo professionista ha il compito di valutare la salute igienica dei sistemi aeraulici. Si attende…
Logistica sanitaria, il caso di Estar Toscana

Logistica sanitaria, il caso di Estar Toscana

16 aprile 2018 - Articoli

(Tratto da GSA n.4, aprile 2018) Razionalizzazione, efficientamento, riorganizzazione infrastrutturale: sono alcuni degli ingredienti del modello logistico di Estar, per garantire il massimo della personalizzazione a un sistema sanitario regionale in continua trasformazione. Tra i vantaggi: la riduzione dei costi, il “filo diretto” fra struttura sanitaria ed ente di supporto, la riduzione delle scorte e lo snellimento delle procedure. CLICCARE…
Testate