Il servizio sanitario nazionale: quali “direzioni”?

01 aprile 2009 - sanità

Il servizio sanitario nazionale: quali “direzioni”?

(tratto da: “GSA” n.4, Aprile 2009)


“La Direzione della Sanità” è il titolo, tra i più riusciti di sempre, del XXXV Congresso ANMDO, in programma a Torino dal 27 al 30 maggio. Tra i temi le sfide del futuro: per il SSN e per i Direttori Sanitari.

Il futuro del SSN (Servizio Sanitario Nazionale) è ormai sulla bocca di tutti, addetti ai lavori e no. Sono molte le voci che si accavallano sul tema, a volte anche -purtroppo- a sproposito. E d’altra parte, sul futuro bisogna investire, creare progetti, costruire. E’ un dovere e in Sanità, al di là di tutte le ipotesi e delle voci che circolano, le opportunità non mancano. E sono ben chiare.

Quale “direzione”?

Se ne parlerà nell’attesissimo XXXV Congresso Nazionale ANMDO, l’associazione che riunisce i medici delle direzioni ospedaliere, in programma a Torino, presso il Centro Congressi della Camera di Commercio (via N. Costa 8), dal 27 al 30 maggio prossimi. Semplice e fulminante il titolo, tra i più riusciti di sempre: “La Direzione della Sanità”, che riassume in modo efficace un caleidoscopio di temi tutti di grande rilievo e stringente attualità.
Un doppio senso linguistico, o se vogliamo un gioco di parole, semplice ma geniale: da un lato si pensa alle direzioni ospedaliere, alle prese con le sfide del prossimo futuro, dall’altro –come pare indicare la freccia- alla direzione verso cui si muoveranno, che dovrà essere quella dell’aggiornamento e della qualità.

Molti i destinatari

Destinatari del Congresso, una pluralità di figure attive nel mondo della sanità: Direttori Sanitari di Presidio Ospedaliero, Direttori Sanitari Aziendali, Medici di Direzione Sanitaria, Medici Igienisti, Medici di Distretto, Medici di Sanità Pubblica, Direttori di Dipartimento e di Struttura Complessa, Dirigenti e Coordinatori Infermieristici e tecnico-sanitari, professionisti e altri operatori delle OOSS.

E’ necessario un dialogo fra le parti

Cortocircuitare e far dialogare industria, servizio pubblico e organismi governativi, ma anche strutture e organizzazioni sanitarie pubbliche e private al fine di perseguire politiche per la salute che abbiano come obiettivo la qualità, la riduzione delle diseguaglianze e la ricerca di modelli sistemici per l’assistenza sanitaria in grado di realizzare i principi di solidarietà, equità e accessibilità da garantire in modo prioritario: sembra questa la strada più plausibile per un rilancio dell’efficienza del Sistema Sanitario Nazionale in una prospettiva di innalzamento della qualità dell’offerta.

Pubblico, privato o…

Proprio a questo mira la I sessione plenaria del Congresso, attesa per la mattinata di giovedì 28 maggio: “Pubblico, privato o altro?”, laddove in questo “altro” si intravede un’apertura a scenari nuovi e di grande interesse: una “terza via” che occorre valutare e scandagliare con crescente attenzione.
Altra questione attuale, e non solo in sanità, è quella legata al federalismo. Se ne parlerà, nelle sue declinazioni “sanitarie”, nel pomeriggio del giovedì, per la II sessione plenaria.

Verso il Direttore Sanitario del Terzo Millennio

Intensissima la seconda giornata di studi, che “conterrà” la III e la IV sessione plenaria. Dalle 9 alle 12 sarà la volta del classico approfondimento relativo alla figura del Direttore Sanitario, tra competenze professionali e manageriali: sempre più complesso e delicato è il ruolo di questo professionista, che deve dividersi fra competenze e compiti di natura squisitamente clinica e, dall’altra parte, capacità gestionali e abilità manageriali. Il direttore sanitario del presente e del futuro dovrà essere in grado di gestire la complessità e il cambiamento. E d’altra parte la ricerca e l’innovazione rappresentano le direttrici lungo le quali devono evolvere le conoscenze in sanità per garantire lo sviluppo sostenibile del Servizio Sanitario Nazionale.  Una sfida complessa per affrontare la quale i medici delle direzioni sanitarie dovranno essere in grado di gestire il futuro ed elaborare prospettive, appunto, sostenibili.

Gestire un futuro all’insegna della complessità: questa è la sfida

Come farlo? A rispondere sono la Segreteria Scientifica ANMDO e il Presidente Nazionale Gianfranco Finzi, che tanto si è speso, in questi lunghi anni, per ridefinire e modernizzare il ruolo del Direttore Sanitario in vista delle non facili sfide che riserva il prossimo futuro. La ricetta è costituita da aggiornamento, qualità, condivisione di progetto: per riuscire a gestire la complessità, i Direttori Sanitari devono continuare ad aggiornare le loro competenze, possedere un progetto condiviso, avere un’idea precisa del loro ruolo, ripercorrere la strada della qualità, essere capaci di gestire la complessità ed essere disponibili al confronto, con l’ambizione di esportare il proprio modello e la propria professionalità consolidati in uno scenario europeo e mondiale.

Al termine dei lavori, l’Assemblea Nazionale

La mattina del sabato, giorno di chiusura del Congresso, sarà dedicata alla presentazione dei poster premiati e alle sessioni parallele tematiche. Spazio quindi all’assemblea nazionale, con premiazione dei lavori.

Antonio Bagnati

XX edizione Rapporto PIT Salute

XX edizione Rapporto PIT Salute

11 dicembre 2017 - news

Si terrà il prossimo 12 dicembre a Roma, presso il Centro Congressi Roma Eventi Sala Alighieri, Piazza della Pilotta 4, dalle ore 9:30 alle ore 13:30, la presentazione della XX edizione del Rapporto PiT Salute  dal titolo “Sanità pubblica: prima scelta, a caro prezzo”, realizzato da Cittadinanzattiva – Tribunale per i Diritti del Malato. Come di consueto, il Rapporto si…
Markas, entro il 2024 stop a uova da allevamenti in gabbia

Markas, entro il 2024 stop a uova da allevamenti in gabbia

28 novembre 2017 - imprese & dealers

Una progressiva riduzione delle uova provenienti da allevamenti in gabbia a partire dal 2019 (-35%) fino al totale abbandono entro il 2024. È l’obiettivo di Markas, azienda di servizi specializzata in ristorazione collettiva con sede a Bolzano, per migliorare le proprie filiere in un’ottica di sostenibilità e di attenzione al benessere dell’animale. A partire da settembre 2017 infatti l’azienda altoatesina…
Acquisti in sanità: Cittadinanzattiva lancia “La gara che vorrei”

Acquisti in sanità: Cittadinanzattiva lancia “La gara che vorrei”

21 novembre 2017 - news

Rendere i processi di acquisto in sanità più vicini ai bisogni delle persone, garantendo qualità-innovazione-personalizzazione dei beni/servizi e riducendo gli sprechi. Con queste intenzioni, è stata presentata il 16 novembre scorso da Cittadinanzattiva, attraverso le sue reti del Tribunale per i diritti del malato e del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei malati cronici, la Raccomandazione civica “La gara che vorrei”.…
Testate