Un’azienda italiana gestisce il ciclo dei rifiuti di metà del Cairo

29 novembre 2010 - igiene urbana

GESENU

L’Ambasciatore italiano in Egitto S.E. Claudio Pacifico si è congratulato con il Presidente Noto La Diega e con l’ing. Tortorella, General Manager di AAEC, per l’importante risultato raggiunto.

ASA International, società del Gruppo GESENU – attivo a livello internazionale – attraverso la società controllata AAEC, gestirà fino al 2018 il ciclo integrato dei rifiuti nelle zone Nord ed Ovest del Cairo, aree nevralgiche per l’amministrazione pubblica, la vita politica e il turismo.
L’importante annuncio è arrivato dopo la firma del contratto, che proroga e integra la precedente gestione, da parte del Presidente di AAEC R. Carlo Noto La Diega con il Presidente della CCBA Ahmed Ali Ahmed, alla presenza del Ministro delle Finanze Youssef Boutros Ghali, del Ministro dell’Ambiente egiziano George Maged e del Governatore del Cairo.

Il nuovo contratto prevede la fornitura dei servizi che riguardano il ciclo completo della gestione dei rifiuti solidi urbani, ovvero: spazzamento, raccolta porta a porta (l’intero sistema di raccolta domestica avviene con questa modalità), raccolta stradale e commerciale, trattamento di selezione e compostaggio, smaltimento finale e campagne di sensibilizzazione ambientale.
Questi i nuovi numeri della gestione:
• 50 milioni di euro annui è l’importo del nuovo contratto;
• 15 sono i distretti della città serviti, pari a un’area di circa 64 km quadrati, 775 km di strade principali e 1.960 km di strade secondarie;
• 5,5 milioni di abitanti serviti, attraverso 861mila utenze domestiche, con una densità media abitativa di 94.000 abitanti/km quadrati e una produzione giornaliera di 2.250 tonnellate di rifiuti al giorno;
• 5.500 impiegati e operai e 540 mezzi operativi;
• è, inoltre, prevista la realizzazione di una nuova discarica controllata e di un impianto di selezione e compostaggio tecnologicamente all’avanguardia, entrambi collocati a 25 km dal centro cittadino.
“L’accordo dimostra come-spiega Noto La Diega-,al di là delle gravi emergenze tornate in questi giorni sotto i riflettori dei media, anche l’imprenditoria italiana di questo settore sia viva e continui a raccogliere nel mondo apprezzamenti e riconoscimenti grazie a quanto le nostre imprese sono in grado di realizzare in Italia e all’estero”.

La gestione dei rifiuti vale oltre 23 miliardi di euro

La gestione dei rifiuti vale oltre 23 miliardi di euro

17 gennaio 2018 - igiene urbana

“L’Italia del riciclo 2017”, oltre ad approfondire le dinamiche delle diverse filiere, propone un focus, realizzato da Ecocerved, sull’evoluzione della gestione dei rifiuti in Europa e in particolare in Italia, a 20 anni dall’emanazione del D.Lgs. 22/97 che ha disciplinato per la prima volta in modo organico il settore dei rifiuti. Nel 2014, il 51% del totale dei rifiuti gestiti…
Bioshopper nella bufera: ma quanto ci costano?

Bioshopper nella bufera: ma quanto ci costano?

09 gennaio 2018 - igiene urbana

Da diversi giorni sembra che non si parli d’altro: per quanto le polemiche fossero già nell’aria, si può tranquillamente affermare che sulla questione dei sacchetti di plastica per l’ortofrutta le reazioni siano andata addirittura ben oltre le previsioni. Un passaggio del “decreto mezzogiorno” La bufera è scoppiata all’indomani dell’approvazione del cd “decreto Mezzogiorno”, che all’articolo 9-bis recepisce la direttiva europea…
Alla scoperta della green society

Alla scoperta della green society

20 dicembre 2017 - igiene urbana

C’è una società fresca, innovatrice, verde e socialmente impegnata che nasce del basso, che si sta diffondendo lentamente ma con caparbietà in tutta la Penisola : è la Green society, poco conosciuta dai decisori politici e dai media ma ben consolidata lungo tutto la Penisola, che Legambiente ha voluto raccontare attraverso le 101 storie di cambiamento nel libro “Alla scoperta…
Testate