Rifiuti elettronici: tracciabilità e raccolta a domicilio – Ecolight lancia un nuovo servizio per le aziende

19 giugno 2012 - igiene urbana

Rifiuti elettronici: tracciabilità e raccolta a domicilio – Ecolight lancia un nuovo servizio per le aziende

 

Con “Fai Spazio” il consorzio che unisce oltre 1.500 imprese garantisce il recupero dei RAEE e una rete di raccolta su tutto il territorio nazionale.

 

Garantire il corretto trattamento dei RAEE e contrastare il traffico illecito dei rifiuti elettronici con una completa tracciabilità. Ecolight – consorzio per la gestione dei RAEE, delle pile e degli accumulatori – presenta “Fai Spazio”, il nuovo servizio dedicato alle aziende per la raccolta e il recupero dei rifiuti elettronici. «Mettiamo a diposizione delle imprese la nostra esperienza nella gestione dei RAEE, ovvero i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, assicurando un servizio capillare di raccolta su tutto il territorio nazionale e una gestione dei documenti che assicura la tracciabilità dei rifiuti», spiega il direttore generale di Ecolight, Giancarlo Dezio.

Per i rifiuti domestici, ovvero quelli prodotti dai cittadini, lo smaltimento è garantito dai centri di raccolta comunali oppure dai negozi dove, in virtù del decreto Uno contro Uno, è possibile lasciare gratuitamente la propria vecchia apparecchiatura elettrica al momento dell’acquisto di un nuovo prodotto di equivalente funzionalità. I RAEE prodotti dalle aziende invece non possono seguire questo iter: il loro smaltimento è a carico delle stesse imprese che devono affidarsi ad aziende specializzate.

«Per i RAEE domestici è possibile stimare che la raccolta sia nel rapporto uno a tre, ovvero ogni tre kg di apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul mercato, una sola venga raccolta e conferita correttamente», spiega Dezio. «Per i RAEE professionali non è possibile utilizzare queste stime non solamente perché la raccolta viene effettuata da una serie di soggetti, non tutti certificati, ma perché esiste anche un mercato illegale dei RAEE verso i Paesi del terzo mondo».

Con “Fai Spazio”, Ecolight propone innanzitutto un servizio di tracciabilità dei rifiuti raccolti, basato sull’esperienza maturata in cinque anni di operatività a livello nazionale. Infatti il consorzio fornisce già il servizio a quasi tremila punti di vendita che hanno aderito al sistema Ecolight dell’Uno contro Uno. «L’anno scorso siamo arrivati a raccogliere 7mila tonnellate di RAEE, servendo i negozi in tutta Italia attraverso quasi 140mila ritiri. Abbiamo attivato inoltre 41 centri di raccolta per sopperire alla chiusura dei centri di raccolta comunali nei confronti dei RAEE provenienti dalla distribuzione. Ai negozi sono stati assicurati non solamente il rispetto della norma e dell’ambiente, ma anche la gestione dei documenti», ricorda Dezio.

Conclude: «Questo servizio rientra in un piano di sensibilizzazione nei confronti del riciclo dei rifiuti; un cambio di mentalità che non deve limitarsi ad un frazionamento dei materiali di scarto pensato solo su scala casalinga -come può essere quello previsto da ciascun Comune per la frazione umida, il secco e la carta- ma vuole allargarsi fino a coinvolgere le imprese affinché anche loro possano essere coinvolte in questo circuito virtuoso. Inoltre, la tracciabilità, assicurata dalla gestione documentale, anticipa di fatto le prescrizioni del Sistri».

Chi avesse bisogno di smaltire apparecchi elettrici ed elettronici può rivolgersi a Ecolight (www.ecolight.it) per un preventivo gratuito, senza avere l’obbligo di iscrizione al consorzio. Per la sua modulabilità e la sua struttura il servizio si rivolge alle aziende piccole, medie e grandi anche con sedi dislocate in tutta Italia.

“White list” obbligatoria per chi trasporta o smaltisce rifiuti

“White list” obbligatoria per chi trasporta o smaltisce rifiuti

21 febbraio 2017 - igiene urbana

Antimafia, si rafforza il ruolo della “white list” delle Prefetture per la partecipazione alle gare. D’ora in poi chi opera nel trasporto e smaltimento dei rifiuti, per ottenere contratti di appalto (e subappalto) nel pubblico si dovrà obbligatoriamente essere iscritti negli elenchi “bianchi”. A disporlo, sciogliendo definitivamente i dubbi sulla natura vincolante delle “white list”, è il Dpcm 24 novembre…
Torna Fa’ la cosa giusta, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili

Torna Fa’ la cosa giusta, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili

17 febbraio 2017 - igiene urbana

La manifestazione si svolgerà a Milano dal 10 al 12 marzo 2017 nei padiglioni 3 e 4 di Fieramilanocity, MM Portello e Lotto. Si tratta dell’edizione numero quattordici, con oltre 300 eventi in programma e  sezioni tematiche. Tre giorni di eventi, laboratori, incontri, degustazioni, spettacoli, presentazioni per far conoscere le buone pratiche di consumo e produzione e valorizzare le eccellenze…
Il decreto Ronchi compie 20 : come è cambiata la gestione dei rifiuti

Il decreto Ronchi compie 20 : come è cambiata la gestione dei rifiuti

14 febbraio 2017 - igiene urbana

Sono passati 20 anni da quando il D.Lgs 22/97, il cosiddetto “Decreto Ronchi” sui rifiuti, ha cambiato radicalmente i modelli di gestione dei rifiuti e ha attuato una riforma organica e sistemica recependo e coordinando, tre direttive europee sui rifiuti, sui rifiuti pericolosi e sugli imballaggi. Il bilancio di questi primi 20 anni è particolarmente positivo: nel 1997 veniva smaltito…
Testate