3° Rapporto ENEA-Federambiente sul recupero energetico da rifiuti urbani in Italia

25 aprile 2012 - igiene urbana

3° Rapporto ENEA-Federambiente sul recupero energetico da rifiuti urbani in Italia

ENEA e Federambiente hanno presentato il 12 aprile scorso a Roma la terza edizione del Rapporto sul recupero energetico da rifiuti urbani in Italia che fornisce una fotografia aggiornata e dinamica del sistema industriale di valorizzazione energetica dei rifiuti urbani nel nostro Paese.

Il terzo Rapporto mostra una tendenza in continua evoluzione e crescita del sistema impiantistico di recupero energetico, il cui ruolo è ormai indispensabile per una piena attuazione di un sistema di gestione integrata dei rifiuti urbani e allo sviluppo del quale sono associati anche benefici ambientali. Il parco impiantistico nazionale è in linea, se non addirittura all’avanguardia, con le realtà più avanzate a livello europeo, in particolar modo per ciò che concerne le tecniche adottate e le prestazioni conseguite in campo ambientale. La ricerca effettua un’analisi dei dati tecnici di progetto ed esercizio caratteristici dell’impiantistica nazionale, fornendo informazioni puntuali in merito alla gestione dei rifiuti urbani e mettendo in luce l’evoluzione del settore nel breve periodo, sia in termini di dotazione e caratteristiche del parco impiantistico, sia di nuove tecnologie o tecniche via via adottate.

L’ing. Giovanni Lelli, Commissario ENEA, ha dichiarato: “Questa terza edizione del Rapporto, che è frutto di una consolidata collaborazione tra ENEA e Federambiente, permette di valorizzare  le competenze di carattere ingegneristico e impiantistico e l’esperienza che l’ENEA ha maturato nella gestione dei rifiuti, con particolare riguardo ai trattamenti termici innovativi che consentono il recupero combinato di energia e di materia dai rifiuti, e che sono state messe a disposizione di Federambiente, che gestisce la maggior parte degli impianti di recupero energetico da rifiuti urbani presenti sul territorio nazionale.”

“Questo Rapporto, il terzo, si configura – ha affermato il presidente di Federambiente, Daniele Fortini – come uno strumento di lavoro completo, aggiornato e d’alto valore tecnico grazie alla collaborazione tra i migliori esperti italiani dell’ENEA e i gestori degli impianti. Anche in questo settore, e nonostante le difficoltà economiche, sono state introdotte innovazioni, soprattutto nel campo dell’abbattimento dei fattori di rischio professionale e ambientale. Innovazione si è anche introdotta sul piano dell’efficienza, cosicché il recupero d’energia dai rifiuti si conferma essere una modalità, pienamente legittimata dall’Unione Europea, a supporto del recupero di tutti quei rifiuti non utilmente riciclabili.”

Fare clic per scaricare la scheda di sintesi

Da oggi multe fino a 300 euro per i mozziconi a terra

Da oggi multe fino a 300 euro per i mozziconi a terra

02 febbraio 2016 - igiene urbana

Da 30 a 300 euro: tanto può costare, da oggi 2 febbraio , gettare un mozzicone di sigaretta per terra o nelle acque e negli scarichi. Parte sempre da 30  ma arriva a un massimo di 150  euro, la sanzione amministrativa per chi butta a terra, nelle acque, nei tombini o negli scarichi, scontrini, fazzoletti di carta o gomme da…
Top Utility: più forti i settori ambiente e acqua

Top Utility: più forti i settori ambiente e acqua

02 febbraio 2016 - igiene urbana

A pochi giorni dalla presentazione in Consiglio dei Ministri dei decreti attuativi della riforma della pubblica amministrazione, il settore dei servizi di pubblica utilità evidenzia un quadro della situazione in evoluzione che mostra una crescita nei risultati economici finanziari e una tenuta degli investimenti nonostante il calo del fatturato dovuto al crollo dei prezzi e della domanda di energia. È…
Il Collegato Ambientale pubblicato  in Gazzetta Ufficiale

Il Collegato Ambientale pubblicato in Gazzetta Ufficiale

29 gennaio 2016 - igiene urbana

È stato pubblicato in Gazzetta (n.13 del 18-1-2016) dopo il via libera delle Camere, il cd Collegato Ambientale, con Legge 28 dicembre 2015, n. 221, in vigore dal 2 febbraio 2016, che contiene Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali. Abbiamo già dato la notizia all’indomani dell’approvazione alla…
Testate