3° Rapporto ENEA-Federambiente sul recupero energetico da rifiuti urbani in Italia

25 aprile 2012 - igiene urbana

3° Rapporto ENEA-Federambiente sul recupero energetico da rifiuti urbani in Italia

ENEA e Federambiente hanno presentato il 12 aprile scorso a Roma la terza edizione del Rapporto sul recupero energetico da rifiuti urbani in Italia che fornisce una fotografia aggiornata e dinamica del sistema industriale di valorizzazione energetica dei rifiuti urbani nel nostro Paese.

Il terzo Rapporto mostra una tendenza in continua evoluzione e crescita del sistema impiantistico di recupero energetico, il cui ruolo è ormai indispensabile per una piena attuazione di un sistema di gestione integrata dei rifiuti urbani e allo sviluppo del quale sono associati anche benefici ambientali. Il parco impiantistico nazionale è in linea, se non addirittura all’avanguardia, con le realtà più avanzate a livello europeo, in particolar modo per ciò che concerne le tecniche adottate e le prestazioni conseguite in campo ambientale. La ricerca effettua un’analisi dei dati tecnici di progetto ed esercizio caratteristici dell’impiantistica nazionale, fornendo informazioni puntuali in merito alla gestione dei rifiuti urbani e mettendo in luce l’evoluzione del settore nel breve periodo, sia in termini di dotazione e caratteristiche del parco impiantistico, sia di nuove tecnologie o tecniche via via adottate.

L’ing. Giovanni Lelli, Commissario ENEA, ha dichiarato: “Questa terza edizione del Rapporto, che è frutto di una consolidata collaborazione tra ENEA e Federambiente, permette di valorizzare  le competenze di carattere ingegneristico e impiantistico e l’esperienza che l’ENEA ha maturato nella gestione dei rifiuti, con particolare riguardo ai trattamenti termici innovativi che consentono il recupero combinato di energia e di materia dai rifiuti, e che sono state messe a disposizione di Federambiente, che gestisce la maggior parte degli impianti di recupero energetico da rifiuti urbani presenti sul territorio nazionale.”

“Questo Rapporto, il terzo, si configura – ha affermato il presidente di Federambiente, Daniele Fortini – come uno strumento di lavoro completo, aggiornato e d’alto valore tecnico grazie alla collaborazione tra i migliori esperti italiani dell’ENEA e i gestori degli impianti. Anche in questo settore, e nonostante le difficoltà economiche, sono state introdotte innovazioni, soprattutto nel campo dell’abbattimento dei fattori di rischio professionale e ambientale. Innovazione si è anche introdotta sul piano dell’efficienza, cosicché il recupero d’energia dai rifiuti si conferma essere una modalità, pienamente legittimata dall’Unione Europea, a supporto del recupero di tutti quei rifiuti non utilmente riciclabili.”

Fare clic per scaricare la scheda di sintesi

Zanzara mi pungi? E io ti geolocalizzo!

Zanzara mi pungi? E io ti geolocalizzo!

19 maggio 2016 - disinfestazione

Torna la primavera e torna l’allarme zanzare, quest’anno reso ancora più acceso dal virus Zika che ricorda quanto serio e tangibile sia il rischio di trasmissione di malattie pericolose per l’uomo, in particolare da parte di Aedes albopictus, la famigerata zanzara tigre. L’idea di “ZanzaMapp” arriva dal ricercatore della Sapienza Cesare Bianchi e si basa sulle competenze complementari del laboratorio…
Quegli infestanti della porta accanto..

Quegli infestanti della porta accanto..

16 maggio 2016 - disinfestazione

Il nuovo libro “Entomologia urbana applicata”, di Pasquale Trematerra, è l’occasione per riflettere su alcuni rischi connessi allo sviluppo incontrollato delle megalopoli. Da cui traggono vantaggio infestanti di ogni tipo: dai roditori agli scarafaggi, dalle cimici agli uccelli. Ma alla base, secondo il docente di Entomologia, c’è spesso la cattiva gestione dell’ambiente in cui l’uomo vive ed opera. CLICCARE PER…
Presentato a Firenze il network europeo “Think Green. The environment: good for business”

Presentato a Firenze il network europeo “Think Green. The environment: good for business”

02 maggio 2016 - igiene urbana

È stato presentato il 27 aprile a Firenze il nuovo di imprese “network europeo Think Green. The environment: good for business” con sede a Bruxelles. Diverse le realtà industriali italiane che hanno deciso di aderire all’innovativo progetto. Tra le altre, Gorent Spa, Eco.Energia Srl, Eco.partecipazioni Srl, Italscania Spa e Quadrifoglio Spa.   Cos’è Think Green Nato dall’idea dell’imprenditore fiorentino Furio…
Testate